Apryl Franchini
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
28 min
Feste da brividi: si "scaldi" chi può
Guarda il live. Niente cene aziendali, niente aperitivi sociali, niente veglioni. Che dicembre ci attende?
CANTONE
45 min
"Di più per te", potenziato il trasporto pubblico del Bellinzonese
Il nuovo modello è stato presentato questa mattina. Entrerà in vigore il 13 dicembre.
MASSAGNO
55 min
Il disavanzo cresce, ma il moltiplicatore resta al 77%
L'Esecutivo di Massagno ha presentato il preventivo 2021, condizionato dalla pandemia
CANTONE
1 ora
Emergenza freddo, un aiuto a chi è in difficoltà
Il DSS ricorda il dispositivo attivo in caso di bisogno, sia per residenti che per stranieri.
CANTONE
1 ora
Il San Salvatore è pronto ad accogliere i turisti
Sabato 5 dicembre si potrà riprendere a fare su e giù dal crinale del “Pan di Zucchero” luganese.
CANTONE
2 ore
Un giapponese da quarantena
Lo scarabeo di Newman è diffuso ormai in tutto il Sottoceneri. L'Ufag creerà una "zona rossa" con misure di contenimento
CANTONE
3 ore
«Guido io? Guidi tu? Per la sicurezza di tutti: chi guida non beve»
Il DI torna a sensibilizzare la popolazione sui pericoli di mettersi al volante dopo aver alzato il gomito.
CANTONE
3 ore
Ticinesi sugli scudi agli SwissSkills
Si sono conclusi i campionati svizzeri delle professioni, che quest'anno si sono svolti in modo decentralizzato.
CANTONE
3 ore
Dieci nuove vittime del Covid-19 in Ticino
Nelle ultime 24 ore 27 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 29 lo hanno lasciato.
CHIASSO
4 ore
Pigioni commerciali: «Un colpo mortale da evitare»
Dopo la decisione del Nazionale, una mozione chiede al Municipio di attivarsi rapidamente
FOTO E VIDEO
FAIDO
4 ore
Incendio nel bosco domato nella notte
Le fiamme divampate sopra il paese di Cavagnago in località Deiro, ancora ignote le cause all'origine del rogo
CANTONE / CONFINE
4 ore
"Guerra degli sci", aspre critiche nei confronti di Lorenzo Quadri
Dalle fila del PD l'attacco al consigliere nazionale, definito foriero di «odio e discriminazione».
CANTONE
4 ore
Avviata l’annuale campagna di lettura dei contatori SES
Per quasi 30'000 contatori sarà possibile effettuare la lettura a distanza.
FOTO
CANTONE
5 ore
La "bella vita" dei magnaccia in Ticino
Auto di lusso, shopping sfrenato. Sui social i protettori delle prostitute si esibiscono. E intanto scattano le manette
MUZZANO
26.10.2020 - 06:020
Aggiornamento : 09:41

«Così sono ripartita dopo essere arrivata a pesare 29 chili»

Apryl Franchini, 20 anni, ha sofferto di anoressia nervosa. Oggi aiuta chi è confrontato con disturbi alimentari.

«Ero ossessionata dall’estetica – racconta –. Come tante altre ragazzine. Ora che sono guarita, non salgo più sulla bilancia, non mi interessa». Il pediatra: «Malattie subdole».

MUZZANO - Ha sofferto di anoressia nervosa, arrivando a pesare solo 29 chili. È stata ricoverata con la forza e ha rialzato la testa. A quattro anni di distanza da quell'incubo, Apryl Franchini, 20enne di Muzzano, aiuta sui social network chi vive lo stesso problema da lei stessa superato. «Più in generale do una mano a chi ha disturbi legati all’alimentazione».

Parliamo di anoressia nervosa. Le statistiche indicano un’incidenza di 8-9 casi per 100mila persone tra le donne, circa 1 su 100.000 tra gli uomini. 
«Le donne sono più soggette al giudizio. Sono più fragili. In generale i disturbi alimentari sono più diffusi tra le femmine. Spesso la società li interpreta come capricci. È l’aspetto più critico. All’inizio non vieni magari neanche presa sul serio».

Quando e come è cominciato il tuo calvario?
«Alla fine della quarta media ho iniziato a mangiare sempre meno. Piano piano non toccavo più niente. Sono arrivata a pesare poco più di 29 chili. Calcolate che ora peso tra i 50 e i 55 chili, è il mio peso normale. Ora che sono guarita, non mi peso neanche più, non salgo più su una bilancia, non mi interessa».

Dove stava il nocciolo del problema?
«Ero ossessionata dall’estetica. Vittima, come tante ragazzine, del mondo dell’immagine. I social mi stavano distruggendo. Lì devi sempre essere al top, si esalta la bellezza e basta. Così come accade nella pubblicità, dove in continuazione ti martellano sull’importanza di essere perfetti. Su una mente giovane questi messaggi possono essere devastanti». 

Parli “male” dei social. Ma rappresentano il luogo in cui ti racconti…
«Sono stata ospedalizzata con la forza, nel 2016. Devo ringraziare i miei genitori che hanno intuito che ero in pericolo. Adesso ho una consapevolezza che prima non avevo. Proprio nei social incrocio tante ragazze che stanno vivendo quello che ho passato io. Ho concluso il liceo e in parallelo ho seguito un corso online come coach olistica presso un importante istituto di New York. Ho capito che la mia missione nella vita è mettermi a disposizione di chi soffre come ho sofferto io».

Che messaggio ti senti di lanciare alle teenager di oggi?
«Non esiste un corpo perfetto. È inutile inseguire la perfezione. Il nostro corpo è unico e prezioso così come è. Basta con questa società competitiva, che non ci fa mai sentire “all’altezza”. A 16 anni ho trascorso tre mesi al Civico per recuperare peso, il mio cuore batteva pochissimo, ho rischiato di rovinarmi. E anche dopo non è stato facile. Il percorso è stato pieno di cedimenti. Sono andata da psicologi, da specialisti. Finché la mia mente non ha fatto click». 

Come ti senti ora?
«Non sono mai stata meglio. Ho imparato ad accettare le cose come arrivano, a non pretendere di avere il controllo su ogni singola cosa, ho anche imparato a muovere diversamente il mio corpo. La forza di volontà è determinante. Con la nostra mente possiamo fare tantissime cose positive e influenzare le nostre giornate».

Il medico: «Adolescenza periodo critico»

«Ci sembra che oggi questi problemi siano sempre più diffusi, in realtà la ricerca scientifica dimostra che negli ultimi 20-30 anni il numero di persone affette da disturbi alimentari è stabile». Parole di Valdo Pezzoli, primario di pediatria presso l’Istituto Pediatrico della Svizzera italiana (EOC).  Il medico aggiunge: «L’età di esordio, però, tende a essere sempre più bassa. Nella fascia di età inferiore ai 16 anni, i disturbi del comportamento alimentare, dall’anoressia alla bulimia, colpiscono il 3-4% della popolazione. I maschi sono 10 volte meno colpiti, una percentuale che comunque non va sottovalutata».

Le cause di un disturbo alimentare sono complesse, l’evoluzione verso un disturbo psichiatrico è pericolosa ma difficile da individuare. «Il controllo sull’alimentazione può diventare un mezzo per affrontare situazioni psicologiche di sofferenza. I disturbi alimentari nell’adolescenza hanno un forte impatto sull’individuo. L’adolescente è una persona in fase di crescita, di sviluppo, di cambiamenti. È dunque più condizionabile rispetto a un adulto “già formato”. Molti adolescenti non si sentono bene nel proprio corpo in evoluzione perché trovano, in qualche modo, qualcosa che non va».

Il disturbo alimentare si insinua in maniera subdola nelle varie personalità, molto spesso vi è un confronto con modelli di corpo idealizzati, che spesso sono legati alla magrezza. «I social stanno contribuendo in maniera decisiva nel radicare questa visione distorta. Dal profilo terapeutico tutti questi problemi sono difficili da curare. Prima vengono individuati, meglio è. Servono tempo e un approccio multidisciplinare».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 13:45:37 | 91.208.130.86