Ti Press (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
«Ambasciatrice del Ticino? Un sogno che si avvera»
Michelle Hunziker ha visitato Bellinzona, Lugano, Ascona e il Mendrisiotto
LOCARNO
10 ore
Istituti scolastici comunali, un concorso per il nuovo direttore
L’attuale Direttrice Elena Zaccheo va in pensione
BREGGIA
11 ore
Acqua non potabile in diverse frazioni di Breggia
Il problema riguarda le zone di Caneggio, Bruzella, Cabbio, Muggio, Scudellate e Roncapiano.
LOCARNO
11 ore
La Coop di Solduno chiude per rifarsi il look
Il punto vendita chiuderà il 21 agosto, per poi riaprire il 4 novembre.
BALERNA
12 ore
ViviAmo Balerna, un buono per tutti gli abitanti
Si tratta di un simbolico aiuto alle famiglie e di un sostegno alle attività balernitane.
CANTONE
14 ore
«Che emozione girare per le strade di Lugano»
Ultima tappa del tour svizzero della testimonial dell'ente turistico nazionale
FOTO
CONFINE
14 ore
Frana nel Varesotto, isolata la frazione di Orascio
La strada è ostruita da circa 600 m3 di roccia.
CANTONE
15 ore
Ritardi e soppressioni alle FFS finiscono sul tavolo del Governo
Un'interrogazione di Matteo Quadranti chiede spiegazioni sui ripetuti disagi ferroviari
CANTONE
15 ore
La motonave ibrida ha sconfinato
Dallo scorso 2 agosto raggiunge anche il bacino elvetico del Lago Maggiore
CANTONE
15 ore
Dal Covid-19 alla parità di genere: le sfide del cinema svizzero
L'intervento del ministro della cultura Alain Berset nell'ambito del Locarno Film Festival
CANTONE
16 ore
Altri 31 contagi e un ricoverato in più
Le strutture sanitarie cantonali accolgono undici pazienti.
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
Aumentano ancora i frontalieri
A fine giugno, in Ticino i lavoratori provenienti dall'Italia erano 71'586.
LUGANO
17 ore
«Nonostante la pandemia oltre 17mila franchi per i ticinesi in difficoltà»
La Fondazione Bignasca stila il bilancio del 2020
CANTONE
21.09.2020 - 10:400
Aggiornamento : 12:13

Vini ticinesi profeti all'estero, ma non in patria

La vinificazione nostrana ha ricevuto molti riconoscimenti al Mondial du Merlot, ma pochi al Grand Prix du vin Suisse.

Un risultato sorprendente che però ha un suo perché: la differente filosofia delle sue manifestazioni.

MORBIO INFERIORE - La pandemia ha toccato anche il mondo dei concorsi enologici. Quest’anno, sia il Grand Prix du Vin Suisse che il Mondial du Merlot si sono svolti nel secondo semestre dell’anno, a poco più di 15 giorni di distanza l’uno dall’altro: un confronto ravvicinato che ha generato non poche sorprese.

Grand Prix du Vin Suisse - Al Grand Prix du vin Suisse le medaglie d’oro attribuite ai vini ticinesi sono state 23, con tre soli nominati. Un risultato che ha sorpreso soprattutto per le categorie coinvolte: nessun riconoscimento per Merlot o Assemblaggi, i domini tradizionali della vinificazione nostrana, ma riconoscimenti per categorie inusuali, a testimonianza che non di solo Merlot vive il Ticino. In particolare, i nominati ticinesi sono il Bianco di Merlot Ticino DOC Sinfonia della Cantina Chiericati, per la categoria vini bianchi ottenuti da uva a bacca rossa, la Stria Bianca della ditta Corti nella categoria assemblaggi vitigni bianchi e, tra gli spumanti, troviamo il Godié della Tenuta Trapletti.

Mondial du Merlot - Situazione diversa al Mondial du Merlot, dove il palato dei giurati ha premiato 52 vini ticinesi con medaglie quali Grand’Oro, Oro e Argento. Tra i vini che hanno ottenuto la Gran Medaglia Oro, figura il Merlot Ticino DOC Ronco 2013 dell’Azienda Agraria Cantonale di Mezzana e il Merlot Ticino DOC 2017 Saetta della Cantina Ghidossi, premiato per la sua eleganza e il suo potenziale d’invecchiamento.

Due concorsi, due esiti diversi - Due concorsi di prestigio a distanza ravvicinata, stessi vini - o quasi - ticinesi e risultati molto diversi, come mai? Le motivazioni vanno ricercate nella filosofia alla base delle due manifestazioni, entrambe organizzate dall’Associazione Vinea.

Contesto mondiale - Al Mondial du Merlot vengono giudicati vini da tutto il mondo - quest’anno erano 511 provenienti da 26 nazioni dei 4 continenti - e un terzo dei giurati deve arrivare dall’estero. Giudici abituati a valutare vini provenienti da tutto il mondo, che non interpretano il vino solo nella fase attuale, ma anche guardando al suo potenziale futuro. I grandi vini richiedono infatti un lungo affinamento e tenuta nel tempo e i tannini sono uno degli elementi necessari per la sua corretta evoluzione durante l’affinamento in bottiglia. Nonostante una concorrenza agguerrita, i nostri vini si sono dunque comportati in modo eccellente.

Contesto nazionale - Al GPdVS invece la giuria è composta da svizzeri e giudica la produzione locale, con particolare attenzione alla situazione attuale e poco riconoscimento al potenziale d'invecchiamento. Un bello svantaggio per i nostri Merlot, che iniziano a esprimersi al meglio dopo quattro anni circa.

Anche per i nostri vini, dunque, vale il detto “nessuno è profeta in patria”? Per questo strano 2020 i nostri vignaioli si devono “accontentare” di potersi sedere da protagonisti al tavolo dei grandi Merlot internazionali, ancora più motivati a riprendersi l’anno prossimo quello scettro di miglior Merlot svizzero al GPdVS che quest’anno è sfuggito per qualche decimo di punto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ioenontu82 10 mesi fa su tio
che noia, sempre a rompere i maroni con i prezzi...
VECCHIOTTO 10 mesi fa su tio
Si parla di riconoscimenti in Svizzera e non costi .. I confederati la fanno da padrone anche nelle giurie
Duca72 10 mesi fa su tio
Troppo cari ! Con lo stesso prezzo trovi vini spagnoli o italiani nettamente migliori!
pontsort 10 mesi fa su tio
@Duca72 Vero, e per il tuo stesso salario trovo come minimo 2 italIani o spagnoli che lavorano meglio di te
tazmaniac 10 mesi fa su tio
un conto è il riconoscimento, un conto il prezzo da pagare per gustarlo...
miba 10 mesi fa su tio
@tazmaniac Breve, chiaro e pienamente d'accordo :)
curzio 10 mesi fa su tio
@tazmaniac Ci sarà pur un motivo per il quale si chiama "Grand Prix". :-)
Libero pensatore 10 mesi fa su tio
@tazmaniac Questo è vero, così come è vero per qualsiasi altro prodotto fatto in Svizzera, con costi svizzeri, o all’estero con costi esteri. Noi siamo un’isola di prezzi e salati alti e, tutto sommato, mi pare che stiamo meglio degli altri. Non potete pretendere che il vino ticinese costi come quello italiano, dove è possibile lavorare con molti più macchinari grazie a terreni più pianeggianti e dove il costo del personale è nettamente inferiore.
tazmaniac 10 mesi fa su tio
@miba beh dai, almeno su qualcosa concordiamo... ;o) ehehe
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-06 02:53:12 | 91.208.130.85