Ti Press
CANTONE
04.09.2020 - 09:300
Aggiornamento : 09:58

In Ticino meno turisti, ma più pernottamenti

Il nostro Cantone è in controtendenza rispetto al resto della Svizzera.

LUGANO - I dati pubblicati oggi dall’Ufficio federale di statistica parlano chiaro: il mese di luglio è stato negativo per il turismo svizzero, che ha registrato un calo dei pernottamenti del 26%, ma positivo per il Ticino.

Nel nostro Cantone, da anni non si vedevano così tanti pernottamenti. Questi sono stati infatti oltre 387mila (contro i 344mila del luglio 2019): una crescita del 12,5%. I visitatori totali, per contro, sono stati inferiori allo scorso anno (149mila contro i 161mila di dodici mesi fa).

Il merito di questo andamento in controtendenza rispetto al resto del Paese va attribuito proprio ai turisti confederati (gli ospiti stranieri sono solo il 15%). Complici i timori legati alla pandemia, molti turisti svizzeri hanno optato per vacanze indigene. E spesso la scelta è caduta sulla "regione più mediterranea": il Ticino.

Il Ticino è improvvisamente diventata la quarta regione di accoglienza alberghiera del paese, dopo Grigioni, Berna e Vallese, ma prima per esempio della grande Zurigo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 22:03:20 | 91.208.130.86