Archivio TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
RONCO SOPRA ASCONA
6 min
Antonio Ciseri, un itinerario tra edifici civili e religiosi
In occasione del bicentenario della nascita è stato ideato un percorso per scoprire le opere del pittore
FOTO E VIDEO
CANTONE
3 ore
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
LUGANO
7 ore
La benedizione di barche e natanti sul Ceresio
La impartirà domenica pomeriggio il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri
FOTO
ACQUAROSSA
7 ore
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
MENDRISIO
7 ore
La versione degli studenti: niente aggressione alla polizia
I presenti ai fatti avvenuti nelle prime ore di venerdì contestano la ricostruzione su ogni punto.
CANTONE
8 ore
Dal Ticino una mano al Nepal: inviati 20 concentratori d'ossigeno
L'importante donazione per contrastare il coronavirus giunge dall'associazione Kam For Sud
CANTONE
21 ore
Il Ticino ha 28 nuovi avvocati e avvocate
La cerimonia di promozione si è tenuta oggi nell'Aula Magna dell'Università della Svizzera italiana.
CANTONE
21 ore
Riparazioni e incentivi, due novità per le carrozzerie
Ha avuto luogo la 64esime assemblea di Carrosserie Suisse Sezione Ticino
CANTONE
23 ore
Occhio ai radar, ecco dove
La polizia ha diffuso la lista dei controlli mobili previsti per settimana prossima
TENERO
1 gior
Scompare in acqua, è in pericolo di vita
Principio di annegamento al lido Mappo. Un 83enne grigionese è stato ricoverato in condizioni critiche
TICINO/GRIGIONI
1 gior
Il Lucomagno si prepara all'esplosione
Ancora chiusa la strada del passo. Lavori in corso sulla parete che ha ceduto
MENDRISIO
1 gior
Poliziotti attaccati da una ventina di giovani: due arresti
In totale sono sette le persone che sono state medicate al Pronto soccorso.
RIVA SAN VITALE
1 gior
Frontale a Riva: due feriti
Gli occupanti delle due automobili coinvolte avrebbero riportato lesioni non gravi.
MENDRISIO
1 gior
Tiziano Calderari lascia la Presidenza del PLR di Mendrisio
Entro settembre, la Sezione annuncerà il suo successore
CANTONE
02.09.2020 - 11:340
Aggiornamento : 14:24

Studio sul Covid-19 in Ticino: sono cambiati i rapporti tra nonni e nipoti?

In arrivo 4'000 lettere a ragazzi e anziani ticinesi per capire quanto il virus ha trasformato le nostre relazioni

I giovani sotto i 19 anni e gli adulti oltre i 65 anni coinvolti saranno inoltre invitati a effettuare il test sierologico

LUGANO - Entra ora nella sua seconda fase lo studio "Corona Immunitas Ticino", lanciato ad inizio luglio dall'USI e dalla SUPSI e volto a valutare l'impatto e l'estensione del Covid-19 nel nostro cantone.

Lo hanno comunicato i due atenei in un comunicato stampa congiunto. Durante la prima fase hanno partecipato allo studio 1'300 persone di età compresa tra i 20 e 65 anni, rispondendo ai questionari online e, in parte (circa 650 partecipanti), effettuando il prelievo per il test sierologico. I risultati di questi test, che informano sulla presenza di anticorpi, sono in elaborazione all'Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB), e saranno disponibili a breve.

Il fine di "Corona Immunitas Ticino", lo ricordiamo, è misurare l’impatto sociale, economico e le conseguenze dell’epidemia sulla salute, mentale e fisica, della popolazione ticinese.

Focus su anziani e ragazzi - Nella seconda parte dello studio il focus si sposterà su bambini e ragazzi, di età compresa tra i 5 e i 19 anni, e su adulti/anziani di età superiore ai 65 anni. Il 31 agosto sono infatti state inviate 2'000 lettere ai giovani, mentre dal 7 settembre saranno inviate altre 2'000 lettere alle persone sopra i 65 anni, sempre sulla base di un campione randomizzato.

Già dai prossimi giorni, ragazzi e anziani potranno così monitorare il loro stato di salute, consentendo di seguire più da vicino l’evoluzione dell’epidemia nelle diverse fasce di età. Per andare incontro alle loro esigenze, i ricercatori hanno messo diverse risorse a disposizione: i più piccoli compileranno i questionari con i genitori, gli adolescenti potranno farlo online, e le persone over 65 potranno rispondere attraverso interviste telefoniche.

«La seconda parte dello studio si concentra su ragazzi in età scolare e sulle persone anziane, non solo perché sono due gruppi cruciali per conoscere e limitare l’impatto dell’epidemia» viene spiegato nel comunicato, «ma anche perché i dati ad oggi disponibili non sono sufficienti, tanto nel nostro Cantone quanto nella Confederazione e a livello internazionale».

Sono cambiati i rapporti tra nonni e nipoti? - Inoltre, per cogliere gli importanti aspetti intergenerazionali della pandemia, compresi i rischi e le modalità di contagio, come anche i cambiamenti nelle relazioni tra nonni e nipoti, ai 2’000 partecipanti con più di 65 anni «verrà proposto di invitare a partecipare persone di età inferiore a 20 anni (ad es. nipoti, vicini di casa oppure conoscenti) che il partecipante ha incontrato regolarmente almeno una volta alla settimana negli ultimi mesi».

Lo stesso varrà per i giovani, a cui verrà richiesto di invitare a partecipare persone di età superiore ai 65 anni con cui si hanno avuto contatti settimanali (ad es. nonni, zii o prozii). In questo modo si potranno analizzare eventuali cambiamenti radicali nei rapporti e nelle relazioni tra i più piccoli e gli adulti over 65.

In arrivo altri test sierologici - Anche questa fase comprende inoltre lo svolgersi di test sierologici, che verranno effettuati a partire da fine ottobre 2020 su tutti i ragazzi, tutti gli anziani, e su un campione degli "invitati" («coloro che saranno invitati a partecipare allo studio per analizzare gli aspetti intergenerazionali dell’epidemia»).

Questi test permetteranno di riconoscere «eventuali cambiamenti nella diffusione dell'infezione a due mesi dalla ripresa delle scuole e delle attività commerciali e ordinarie dopo la pausa estiva e prima dell'inizio dell'inverno», viene chiarito.

I risultati della prima fase - I risultati verranno inviati direttamente ai partecipanti nelle prossime settimane e successivamente divulgati al resto della popolazione. «Sarà possibile anche un confronto con i risultati di sieroprevalenza ottenuti nello studio condotto dall’Ufficio del Medico Cantonale durante la fase I dell’epidemia» spiega la nota.

USI e Supsi sottolineano che tutti i canali comunicativi sono aperti, e tutte le informazioni sono accessibili sul sito ufficiale dello studio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-18 9 mesi fa su tio
Ma tra tutti questi benpensanti un qualcuno che ha voglia di lavorare e produrre c’è?
MIM 9 mesi fa su tio
Cominciano anche in questo campo con la tiritera "nuova normalità"? Se ci sono stati problemi o cambiamenti, essi sono dovuti esclusivamente a delle discutibili decisioni o imposizioni, non a un cambiamento nel genere umano. Questo ennesimo tentativo di spaccare la società mettendo gli ultra65 in un girone dantesco è vomitevole.
Mah916 9 mesi fa su tio
Deprecabile impiego di risorse!
sedelin 9 mesi fa su tio
@Mah916 concordo
sedelin 9 mesi fa su tio
a cosa serve?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 16:54:49 | 91.208.130.87