Immobili
Veicoli
Archivio TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Il taglio record nel bosco... dopato dallo scirocco
Una notte tempestosa all'origine del primato ticinese della produzione legnosa
LOSONE
11 ore
Il "re del karaoke" insegna calcio e inglese ai ragazzini
Sfida estiva per lo showman Jimmy Smeraldi: «Abbino pallone e apprendimento della lingua. Ci divertiremo».
FOTO
LUGANO
14 ore
Come far convivere chi vuole divertirsi e chi vuole riposare
Rispetto e tolleranza sono i principi su cui si basa la campagna di sensibilizzazione della Polizia Città di Lugano.
CANTONE
14 ore
Turisti spaventati dai lupi? «Il problema non esiste»
I lupi, contrariamente a quanto affermato da Germano Mattei, non influenzerebbero negativamente il turismo ticinese.
CANTONE
14 ore
Il vaiolo delle scimmie «non è il coronavirus»
Giorgio Merlani tranquillizza tutti sulla malattia: «Per contrarla ci vuole un contatto molto stretto e prolungato».
CANTONE
17 ore
Anche in ospedali, cliniche e case anziani si ritorna (quasi) alla normalità
L’andamento epidemiologico attuale permette di allentare ulteriormente le misure di protezione in atto.
CANTONE
17 ore
Due mesi di lavori notturni sulla A2 tra Melide e Gentilino
Sono da prevedersi chiusure di corsie e delle bretelle di ingresso e di uscita dello svincolo di Lugano Sud.
POSCHIAVO (GR)
17 ore
L'amo tocca i fili della corrente: pescatore muore folgorato
La tragedia è avvenuta domenica mattina nel fiume Val Pednal, a Li Curt nel Comune di Poschiavo.
CANTONE/SVIZZERA
19 ore
Fa troppo caldo, anche per lavorare?
La colonnina di mercurio sta superando nuovi record già nel mese di maggio
CANTONE
20 ore
I contadini si scagliano contro il Governo: «A quando l'abbattimento?»
A causa del lupo «anche il turismo sta subendo ripercussioni», così Germano Mattei, fondatore di Montagna Viva.
CANTONE
21 ore
Weekend da 141 contagi e zero decessi in Ticino
C'è un paziente Covid in meno in ospedale.
LOCARNO
21 ore
Alla scoperta del cuore dell'autogestione in Ticino
Dopo 51 anni dalla prima edizione, torna "il Cantiere della gioventù" a Locarno, il primo centro autogestito del cantone
LOCARNO
21 ore
Riqualifica comparto Macello-Gas: «Molto soddisfatti»
La Città di Locarno si felicita del preavviso favorevole sul progetto ricevuto dal Cantone.
MENDRISIO
22 ore
Una giornata tra i fossili del Monte San Giorgio
È prevista il 4 giugno una giornata di porte aperte agli scavi, con diverse attività didattiche per i bambini
CANTONE
02.09.2020 - 11:340
Aggiornamento : 14:24

Studio sul Covid-19 in Ticino: sono cambiati i rapporti tra nonni e nipoti?

In arrivo 4'000 lettere a ragazzi e anziani ticinesi per capire quanto il virus ha trasformato le nostre relazioni

I giovani sotto i 19 anni e gli adulti oltre i 65 anni coinvolti saranno inoltre invitati a effettuare il test sierologico

LUGANO - Entra ora nella sua seconda fase lo studio "Corona Immunitas Ticino", lanciato ad inizio luglio dall'USI e dalla SUPSI e volto a valutare l'impatto e l'estensione del Covid-19 nel nostro cantone.

Lo hanno comunicato i due atenei in un comunicato stampa congiunto. Durante la prima fase hanno partecipato allo studio 1'300 persone di età compresa tra i 20 e 65 anni, rispondendo ai questionari online e, in parte (circa 650 partecipanti), effettuando il prelievo per il test sierologico. I risultati di questi test, che informano sulla presenza di anticorpi, sono in elaborazione all'Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB), e saranno disponibili a breve.

Il fine di "Corona Immunitas Ticino", lo ricordiamo, è misurare l’impatto sociale, economico e le conseguenze dell’epidemia sulla salute, mentale e fisica, della popolazione ticinese.

Focus su anziani e ragazzi - Nella seconda parte dello studio il focus si sposterà su bambini e ragazzi, di età compresa tra i 5 e i 19 anni, e su adulti/anziani di età superiore ai 65 anni. Il 31 agosto sono infatti state inviate 2'000 lettere ai giovani, mentre dal 7 settembre saranno inviate altre 2'000 lettere alle persone sopra i 65 anni, sempre sulla base di un campione randomizzato.

Già dai prossimi giorni, ragazzi e anziani potranno così monitorare il loro stato di salute, consentendo di seguire più da vicino l’evoluzione dell’epidemia nelle diverse fasce di età. Per andare incontro alle loro esigenze, i ricercatori hanno messo diverse risorse a disposizione: i più piccoli compileranno i questionari con i genitori, gli adolescenti potranno farlo online, e le persone over 65 potranno rispondere attraverso interviste telefoniche.

«La seconda parte dello studio si concentra su ragazzi in età scolare e sulle persone anziane, non solo perché sono due gruppi cruciali per conoscere e limitare l’impatto dell’epidemia» viene spiegato nel comunicato, «ma anche perché i dati ad oggi disponibili non sono sufficienti, tanto nel nostro Cantone quanto nella Confederazione e a livello internazionale».

Sono cambiati i rapporti tra nonni e nipoti? - Inoltre, per cogliere gli importanti aspetti intergenerazionali della pandemia, compresi i rischi e le modalità di contagio, come anche i cambiamenti nelle relazioni tra nonni e nipoti, ai 2’000 partecipanti con più di 65 anni «verrà proposto di invitare a partecipare persone di età inferiore a 20 anni (ad es. nipoti, vicini di casa oppure conoscenti) che il partecipante ha incontrato regolarmente almeno una volta alla settimana negli ultimi mesi».

Lo stesso varrà per i giovani, a cui verrà richiesto di invitare a partecipare persone di età superiore ai 65 anni con cui si hanno avuto contatti settimanali (ad es. nonni, zii o prozii). In questo modo si potranno analizzare eventuali cambiamenti radicali nei rapporti e nelle relazioni tra i più piccoli e gli adulti over 65.

In arrivo altri test sierologici - Anche questa fase comprende inoltre lo svolgersi di test sierologici, che verranno effettuati a partire da fine ottobre 2020 su tutti i ragazzi, tutti gli anziani, e su un campione degli "invitati" («coloro che saranno invitati a partecipare allo studio per analizzare gli aspetti intergenerazionali dell’epidemia»).

Questi test permetteranno di riconoscere «eventuali cambiamenti nella diffusione dell'infezione a due mesi dalla ripresa delle scuole e delle attività commerciali e ordinarie dopo la pausa estiva e prima dell'inizio dell'inverno», viene chiarito.

I risultati della prima fase - I risultati verranno inviati direttamente ai partecipanti nelle prossime settimane e successivamente divulgati al resto della popolazione. «Sarà possibile anche un confronto con i risultati di sieroprevalenza ottenuti nello studio condotto dall’Ufficio del Medico Cantonale durante la fase I dell’epidemia» spiega la nota.

USI e Supsi sottolineano che tutti i canali comunicativi sono aperti, e tutte le informazioni sono accessibili sul sito ufficiale dello studio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-18 1 anno fa su tio
Ma tra tutti questi benpensanti un qualcuno che ha voglia di lavorare e produrre c’è?
MIM 1 anno fa su tio
Cominciano anche in questo campo con la tiritera "nuova normalità"? Se ci sono stati problemi o cambiamenti, essi sono dovuti esclusivamente a delle discutibili decisioni o imposizioni, non a un cambiamento nel genere umano. Questo ennesimo tentativo di spaccare la società mettendo gli ultra65 in un girone dantesco è vomitevole.
Mah916 1 anno fa su tio
Deprecabile impiego di risorse!
sedelin 1 anno fa su tio
@Mah916 concordo
sedelin 1 anno fa su tio
a cosa serve?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-24 07:35:27 | 91.208.130.86