Archivio TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
4 ore
Torna la raccolta collettiva delle olive
L'appuntamento è domenica a Bellinzona, Pambio e Rancate
CANTONE
7 ore
«Sei anni che vivo ad Airolo, ma non mi rinnovano il permesso»
Il racconto di uno dei lavoratori a cui è stato negato il rinnovo del "patentino" LAPIS.
CANTONE
8 ore
Prostituzione in hotel o a domicilio: «Non è illegale»
Una sentenza ha assolto due escort accusate di esercizio illecito della prostituzione.
MUZZANO
8 ore
Scontro tra un'auto e una bicicletta, ambulanza sul posto
L'incidente è avvenuto poco prima delle 18.30 sulla strada per Agnuzzo
CHIASSO
10 ore
Pratiche amministrative negli uffici? Meglio in altri modi
L'amministrazione ribadisce l'obbligo d'indossare la mascherina negli stabili comunali
CANTONE
10 ore
"Basta privilegi", PS soddisfatto
«I futuri Consiglieri di Stato - sottolineano i socialisti - non avranno più condizioni previdenziali particolari»
CONFINE
11 ore
Scontro in galleria, quattro i feriti di cui uno grave
All'origine dell'incidente forse un sorpasso.
CANTONE
11 ore
Altre due classi in quarantena
La misura è scattata per allievi del CPT di Trevano e del Liceo di Bellinzona
LOCARNO
12 ore
Altre antenne 5G, stavolta a due passi dalla scuola dell'infanzia
A Locarno scatta una nuova interrogazione sulla posa di un impianto Swisscom
LUGANO
12 ore
Controlli a tappeto nel Luganese
Verifiche su 93 veicoli e 125 persone
CANTONE
12 ore
Falso nipote in manette
Si tratta di un 26enne che in almeno sei occasioni sarebbe riuscito a farsi consegnare denaro o gioielli
CANTONE
16 ore
Disoccupati residenti: «Bisogna reagire»
L'attuale aumento dei casi preoccupa la Lega dei ticinesi
CANTONE
16 ore
Paradiso e San Martino, posato il secondo binario
Era l'ultima tappa del progetto prima della messa in esercizio di novembre 2020.
BELLINZONA
16 ore
Casa anziani di Sementina: allerta rientrata
La Città di Bellinzona annuncia che non si registrano nuovi casi nella struttura
CANTONE
02.09.2020 - 11:340
Aggiornamento : 14:24

Studio sul Covid-19 in Ticino: sono cambiati i rapporti tra nonni e nipoti?

In arrivo 4'000 lettere a ragazzi e anziani ticinesi per capire quanto il virus ha trasformato le nostre relazioni

I giovani sotto i 19 anni e gli adulti oltre i 65 anni coinvolti saranno inoltre invitati a effettuare il test sierologico

LUGANO - Entra ora nella sua seconda fase lo studio "Corona Immunitas Ticino", lanciato ad inizio luglio dall'USI e dalla SUPSI e volto a valutare l'impatto e l'estensione del Covid-19 nel nostro cantone.

Lo hanno comunicato i due atenei in un comunicato stampa congiunto. Durante la prima fase hanno partecipato allo studio 1'300 persone di età compresa tra i 20 e 65 anni, rispondendo ai questionari online e, in parte (circa 650 partecipanti), effettuando il prelievo per il test sierologico. I risultati di questi test, che informano sulla presenza di anticorpi, sono in elaborazione all'Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB), e saranno disponibili a breve.

Il fine di "Corona Immunitas Ticino", lo ricordiamo, è misurare l’impatto sociale, economico e le conseguenze dell’epidemia sulla salute, mentale e fisica, della popolazione ticinese.

Focus su anziani e ragazzi - Nella seconda parte dello studio il focus si sposterà su bambini e ragazzi, di età compresa tra i 5 e i 19 anni, e su adulti/anziani di età superiore ai 65 anni. Il 31 agosto sono infatti state inviate 2'000 lettere ai giovani, mentre dal 7 settembre saranno inviate altre 2'000 lettere alle persone sopra i 65 anni, sempre sulla base di un campione randomizzato.

Già dai prossimi giorni, ragazzi e anziani potranno così monitorare il loro stato di salute, consentendo di seguire più da vicino l’evoluzione dell’epidemia nelle diverse fasce di età. Per andare incontro alle loro esigenze, i ricercatori hanno messo diverse risorse a disposizione: i più piccoli compileranno i questionari con i genitori, gli adolescenti potranno farlo online, e le persone over 65 potranno rispondere attraverso interviste telefoniche.

«La seconda parte dello studio si concentra su ragazzi in età scolare e sulle persone anziane, non solo perché sono due gruppi cruciali per conoscere e limitare l’impatto dell’epidemia» viene spiegato nel comunicato, «ma anche perché i dati ad oggi disponibili non sono sufficienti, tanto nel nostro Cantone quanto nella Confederazione e a livello internazionale».

Sono cambiati i rapporti tra nonni e nipoti? - Inoltre, per cogliere gli importanti aspetti intergenerazionali della pandemia, compresi i rischi e le modalità di contagio, come anche i cambiamenti nelle relazioni tra nonni e nipoti, ai 2’000 partecipanti con più di 65 anni «verrà proposto di invitare a partecipare persone di età inferiore a 20 anni (ad es. nipoti, vicini di casa oppure conoscenti) che il partecipante ha incontrato regolarmente almeno una volta alla settimana negli ultimi mesi».

Lo stesso varrà per i giovani, a cui verrà richiesto di invitare a partecipare persone di età superiore ai 65 anni con cui si hanno avuto contatti settimanali (ad es. nonni, zii o prozii). In questo modo si potranno analizzare eventuali cambiamenti radicali nei rapporti e nelle relazioni tra i più piccoli e gli adulti over 65.

In arrivo altri test sierologici - Anche questa fase comprende inoltre lo svolgersi di test sierologici, che verranno effettuati a partire da fine ottobre 2020 su tutti i ragazzi, tutti gli anziani, e su un campione degli "invitati" («coloro che saranno invitati a partecipare allo studio per analizzare gli aspetti intergenerazionali dell’epidemia»).

Questi test permetteranno di riconoscere «eventuali cambiamenti nella diffusione dell'infezione a due mesi dalla ripresa delle scuole e delle attività commerciali e ordinarie dopo la pausa estiva e prima dell'inizio dell'inverno», viene chiarito.

I risultati della prima fase - I risultati verranno inviati direttamente ai partecipanti nelle prossime settimane e successivamente divulgati al resto della popolazione. «Sarà possibile anche un confronto con i risultati di sieroprevalenza ottenuti nello studio condotto dall’Ufficio del Medico Cantonale durante la fase I dell’epidemia» spiega la nota.

USI e Supsi sottolineano che tutti i canali comunicativi sono aperti, e tutte le informazioni sono accessibili sul sito ufficiale dello studio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-18 1 mese fa su tio
Ma tra tutti questi benpensanti un qualcuno che ha voglia di lavorare e produrre c’è?
MIM 1 mese fa su tio
Cominciano anche in questo campo con la tiritera "nuova normalità"? Se ci sono stati problemi o cambiamenti, essi sono dovuti esclusivamente a delle discutibili decisioni o imposizioni, non a un cambiamento nel genere umano. Questo ennesimo tentativo di spaccare la società mettendo gli ultra65 in un girone dantesco è vomitevole.
Mah916 1 mese fa su tio
Deprecabile impiego di risorse!
sedelin 1 mese fa su tio
@Mah916 concordo
sedelin 1 mese fa su tio
a cosa serve?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-21 03:53:41 | 91.208.130.85