Immobili
Veicoli
Gli autisti del bus sono i nuovi parafulmini
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
4 ore
Due mozioni in tema di giustizia
Maddalena Ermotti-Lepori si è concentrata sul tema della mediazione, mentre Roberta Soldati sulla conciliazione
CANTONE
4 ore
Scuole medie, bocciata la sperimentazione
Il Gran Consiglio ha affossato il credito di 237'000 franchi richiesto dal Governo.
CANTONE
9 ore
«È arrivato il momento di chiederci se possiamo convivere con il virus»
Anche Marco Chiesa invoca il "Freedom Day"
CANTONE
10 ore
Due nuovi cantieri all'orizzonte in Ticino, Governo «soddisfatto»
La Confederazione ha dato l'ok per il collegamento A2-A13 Bellinzona-Locarno e il potenziamento dell'A2 Lugano-Mendrisio
CANTONE
10 ore
Il 15 maggio si voterà (anche) su un tema cantonale
I ticinesi saranno chiamati a esprimersi sul Decreto in merito al pareggio del conto economico entro il 31 dicembre 2025
LOCARNO
11 ore
Locarno punta sul Bio
L'incentivo sarà decennale. Nei primi quattro anni verranno rimborsati i costi per la certificazione (massimo 2'000 fr.)
CANTONE
12 ore
Polizia cantonale: nominato un nuovo Ufficiale
Si chiama Pablo Biffi e dirigerà la Centrale comune d’allarme (CECAL), subordinata allo Stato Maggiore Operativo
CANTONE
14 ore
Le nuove officine FFS nel Piano settoriale dei trasporti
Il Consiglio federale ha approvato l'integrazione di diversi progetti, tra cui quello previsto ad Arbedo-Castione
CANTONE
14 ore
Galleria del San Gottardo chiusa
Fino alle 13 di oggi il tunnel non è percorribile a causa di un mezzo pesante in avaria
CANTONE
14 ore
La SUPSI ha diritto ai sussidi federali
Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale, che ha riconosciuto la richiesta
CHIASSO
15 ore
I ragazzi delle medie ricordano l'Olocausto
Il percorso letterario creato dagli allievi di quarta vive la sua prima Giornata della memoria.
CANTONE
15 ore
La legge sull'apertura dei negozi resta in vigore
Non è però prevista una commissione consultiva. Lo ha deciso il Tribunale federale
PARADISO
15 ore
Più gente in Paradiso
I residenti nel Comune luganese sono aumentati di 190, arrivando a toccare quota 4'531.
CANTONE
16 ore
Salgono i contagi, ma calano i ricoveri
Si registra anche una ulteriore vittima del virus, per un totale di 1'090 da inizio pandemia.
CANTONE
21 ore
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CANTONE
21 ore
La pandemia del narcisismo
Vivono sui social. Raccontano qualsiasi cosa della propria vita. Un bisogno che nasconde diversi problemi.
BELLINZONA
1 gior
Una mozione per il rifacimento della parte alta del viale Stazione
Il settore del famoso viale si presenta oggi come «anonimo e poco curato» secondo il Gruppo PLR in Consiglio Comunale
CONFINE
1 gior
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
27.07.2020 - 08:070
Aggiornamento : 14:40

Gli autisti del bus sono i nuovi parafulmini

Estate Covid: l’obbligo della mascherina porta tensioni. Lo sfogo di un conducente. E gli appelli dei sindacalisti.

Giorgio Fonio (OCST): «Questa gente ha prestato servizio anche durante il lockdown». Angelo Stroppini (SEV): «Chiediamo più comprensione. È una questione di rispetto per chi lavora».

BELLINZONA - Autisti di bus come parafulmini. In particolare da quando è subentrato l’obbligo della mascherina sui mezzi pubblici. A sollevare la questione, un conducente (che la redazione ha deciso di coprire col massimo anonimato). La sua storia è simile a quelle di tanti suoi colleghi. Indipendentemente dall’azienda per cui lavorano. «È un momento difficile per tutti – spiega –. Quello che la gente sembra non capire è che la colpa di questa situazione non è nostra».

Responsabilità individuale – Un recente caso verificatosi nel Mendrisiotto mostra quanta rabbia e frustrazione ci sia in questo momento a causa delle normative anti Covid-19. Un passeggero non voleva mettersi la mascherina. Tutti a chiedere l’intervento dell’autista. «Le responsabilità individuali non vanno scaricate su terze persone – sostiene Giorgio Fonio, sindacalista OCST –. Stiamo parlando di lavoratori che durante tutto il lockdown non hanno mai smesso di prestare servizio. Sono stanchi e stressati anche loro». 

Un obbligo importante – Angelo Stroppini, sindacalista SEV, difende gli autisti a spada tratta. «Già lo avevamo fatto quando si trattava di doverli proteggere con una barriera in plexiglas. La clientela deve capire che la mascherina deve essere messa. Punto. Situazioni di ribellione o di conflitto vanno solo a creare problemi agli autisti. L’obbligo della mascherina ha permesso alla gente di tornare sui mezzi pubblici con maggiore tranquillità. Non è poco. È ora che tutti si responsabilizzino».

Bacchettati dalla direzione – Nella maggior parte dei casi, il conducente è isolato dal plexiglas. Fa salire i passeggeri solo dal lato posteriore e non permette loro di sedersi nei posti accanto a lui. Direttive emanate dall’alto per tutelare la salute di chi guida. «A volte – riprende l’autista che ha accettato di sfogarsi con Tio/20Minuti – i passeggeri ci attaccano perché non sono d’accordo con questa o con quella misura. Poi chiamano in direzione a reclamare. E ad andarci di mezzo siamo noi, che veniamo bacchettati. Siamo poco protetti in questo periodo da questo punto di vista».

Ipersensibilità e intolleranza – «Il cliente non può e non deve sempre avere ragione – tuona Fonio –. Soprattutto in un momento particolare come questo. È una condizione inedita per tutti. Dal punto di vista psicologico la popolazione è diventata ipersensibile e intollerante in maniera esagerata. Lo è con la polizia, con le commesse dei negozi. Con gli autisti del bus. Con lavoratori che non hanno alcuna colpa per quello che sta accadendo. Non è giusto che queste categorie di persone, esposte al pubblico, siano costrette a subire le ire della gente, messa a dura prova dal Covid».

L’appello – Stroppini lancia un appello. «È veramente una questione di rispetto verso chi lavora e cerca di fornire un servizio ottimale. Gli autisti in Svizzera sono tutti formati in maniera impeccabile. Può capitare qualche errore. Ma occorre anche relativizzare e contestualizzare. Chiediamo ai passeggeri più calma e comprensione».  

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 1 anno fa su tio
purtroppo i soliti trasgressori e prepotenti e menefreghisti ci sono ovunque, abbiate rispetto del prossimo e adeguatevi nel rispetto del prossimo !!!
vulpus 1 anno fa su tio
Dalle autorità poi ci si aspetta maggiore coerenza e serietà. Leggendo le declamazioni del presidente del consiglio di stato, si potrebbe ben pensare a idee alla Trump : per le mascherine nei grandi magazzini aspettiamo a dopo le vacanze se obbligarle oppure no. Ma no vi sembra di prendere il tutto sottogamba? Non sono i politici che devono decidere se è utile oppure no. Ma visto che ci sono degli specialisti in Ticino che hanno saputo guidare , con senso di responsabilità al momento della crisi, che ci si attenga al loro giudizio. evidentemente i cittadini assumono poi la strada più comoda.
vulpus 1 anno fa su tio
Tutte queste aziende hanno personale interno o esterno che controllano chi è in regola con il biglietto. Tanto vale in questa situazione , aumentare i controlli a bordo, e come chi non ha il biglietto è sanzionato, chi non ha la mascherina viene fatto scendere. Di gente castrata mentalmente purtroppo ce nè ancora.
Zarco 1 anno fa su tio
Il problema, lo vivo pure io .....altra professione !
Jenaplynski 1 anno fa su tio
Scusate ma se qualcuno reclama con la direzione e poi viene “bacchettato” l’autista allora c’è qualcosa che non quadra... o la direzione la capit na mazza oppure la reclamazione non c’entra con le misure “Covid” ma con altre attività diciamo normali...
SwissPitBull 1 anno fa su tio
Tutti che fanno i perfettini ora, vi ricordo che l'obbligo di mettere le cinture di sicurezza esiste da una vita ma non gliene frega nulla a nessuno... ora con sta mascherina tutti a seguire uno dei tanti obblighi... vuoi rompere per la mascherina? Metti la cintura per cominciare, è obbligatoria!
sipial 1 anno fa su tio
Multe salate date dalla polizia come sulle metro a Milano. Gli autisti devono svolgere il loro lavoro, non quello di poliziotto.
momo73 1 anno fa su tio
Isterismo di gregge
andrea28 1 anno fa su tio
Chi ha creato questa situazione, questa società in cui ogni persona si sente in diritto di insultare, di aggredire, di mancare di rispetto agli altri cittadini/lavoratori/autorità? Ormai ognuno pensa di poter fare quello che vuole e non appena si cerca di far rispettare una regola anche banale ed importante a tutela della salute, apriti cielo. Siamo una società "molle", che non ha più il coraggio di far rispettare regole e persone (vedi abusi edilizi, comportamenti incivili, aggressioni verbali a centralinisti...). Una società schizofrenica che non riesce più a ragionare, basta che uno lanci un'accusa e tutti a seguirlo come pecoroni senza nemmeno conoscere la situazione... Poveri noi...
franco1951 1 anno fa su tio
Forse anche gli altri utenti dovrebbero intervenire, questa è anche responsabilità personale. Purtroppo oggi si tende al quieto vivere e al "non mi riguarda". Così non si contribuisce a migliorare le cose.
Polifemo 1 anno fa su tio
Ognuno di noi ha le proprie responsabilità nell’applicazione delle misure di protezione richieste. Tuttavia anche un autista di bus deve farsi carico delle proprie responsabilità, così come pure il proprio datore di lavoro, troppo comodo trincerarsi dicendo di non essere dei poliziotti... Ma serve proprio un poliziotto per far rispettare l’uso della mascherina? La condizione è “utilizzi il mezzo pubblico indossando la mascherina”! Non vuoi la mascherina? Vai a piedi...
Wunder-Baum 1 anno fa su tio
Non so se avete visto cosa e’ successo ad un’autista in Francia. La reazione puo essere anche pericolosa, malgrado che si chiede di indossare la mascherina per il bene di tutti.
gaucho64 1 anno fa su tio
La direzione dovrebbe assumere personale per controllare chi mette la mascherina, incece di bachettare gli autisti che fanno il loro lavoro. Vergogna Direzione dei Bus!!!!!!!
don lurio 1 anno fa su tio
Le emanazioni di mettere la mascherina deve essere rispettata. Inoltre tutti gli utenti che portano la mascherina devono aiutare l'autista e far scendere il MALEDUCATO MENEFREGHISTA. La direzione che bacchetta l'autista deve essere licenziata capito....
miba 1 anno fa su tio
Gli innumerevoli aspetti dell'isteria dilagano dappertutto :):):)
Simo66 1 anno fa su tio
@miba Protetti ?? La gente fa cosa vuole mangia ,beve ,sui mezzi pubblici non si può ci sono i cartelli con i divieti di salire con gelato bibite aperte.... eppure... continuano rispetto zero !!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 03:07:11 | 91.208.130.89