tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
27 min
Castelli inagibili per i disabili, parte l'interrogazione
L'Unità di Sinistra bellinzonese non ci sta e chiede che si agisca più rapidamente.
AIROLO
1 ora
Ecco la stagione estiva degli impianti di Pesciüm
La riapertura al pubblico è prevista per domani 26 giugno. Si punta sulla mountain bike
RIVERA
3 ore
Ciclopiche demolizioni: giù le cisterne da 175 milioni di litri
L'approvvigionamento di carburante oggi è "just in time", così City Carburoil smantella i suoi due depositi
TENERO
10 ore
Tensione al centro Tertianum Al Vigneto
Dipendenti scontenti per quanto starebbe accadendo nelle ultime settimane. Nel mirino la nuova direttrice. 
GAMBAROGNO
13 ore
Quanto è complicato avere un cane da protezione
Greggi e lupo: la recente giornata informativa del Cantone mette a nudo tutte le difficoltà dei contadini.
LUGANO
15 ore
Polo sportivo, si voterà il 28 novembre
Il referendum lanciato dall'MPS è formalmente riuscito
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
La danza che unisce, premiati due progetti ticinesi
MOPS_DanceSyndrome e Mix-Dance New Ability si sono spariti il premio principale dell'associazione ilmioequilibrio.
CANTONE
16 ore
Inchiesta sul funzionario del DSS: «Vogliamo risposte»
Tamara Merlo e Maura Mossi Nembrini chiedono lumi sulle conclusioni dell'inchiesta amministrativa.
LUGANO
16 ore
L'OSI torna a esibirsi (dal vivo) al LAC
Dopo mesi di concerti in streaming, l'Orchestra potrà tornare in sala per offrire la propria musica.
CANTONE
18 ore
Gli alberghi di lusso guardano al futuro con cauto ottimismo
Ha avuto luogo oggi a Lugano l'assemblea generale dell'associazione Swiss Deluxe Hotels
LUGANO
18 ore
Premiati i migliori allievi di quarta media dell'Istituto Sant'Anna
Le medie più alte sono di Tristan Luisoni, Elias Wullschleger, Brayan Ferrarini e Federico Fabio.
BELLINZONA
19 ore
Ristrutturazione del Liceo: «Un progetto che nasce vecchio»
L'MPS prende posizione rispetto al piano pensato dal Governo e non risparmia critiche.
CANTONE / GRIGIONI
21 ore
Dopo la frana, riapre la strada del Lucomagno
Per motivi di sicurezza, in prossimità del passo il collegamento è percorribile su una sola corsia
BELLINZONA
22 ore
Il Tavolino Magico compie 15 anni e trasloca
Il centro di distribuzione di Bellinzona si trova ora al centro Spazio Aperto.
CANTONE
03.07.2020 - 11:230

Dopo le medie: la metà opta per la formazione di base

Il 44% intende iscriversi al liceo o alla Scuola cantonale di commercio.

Il 6% rimanente stava riflettendo su soluzioni transitorie o altre scelte.

BELLINZONA - Formazione professionale di base o liceo? O ancora altro? Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) ha tenuto oggi una conferenza stampa per presentare i risultati dei sondaggi condotti negli scorsi mesi sui giovani che hanno concluso la scuola media a giugno, nonché sugli apprendisti diplomandi alla fine del tirocinio, in scuole professionali a tempo pieno o nella modalità duale scuola-azienda.

Nel corso della conferenza stampa, introdotta dal Consigliere di Stato Manuele Bertoli, direttore del DECS, sono intervenuti Rita Beltrami (capo dell’Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale – UOSP), Oscar Gonzalez (direttore aggiunto della Divisione della formazione professionale – DFP) e Angela Cattaneo (ricercatrice e collaboratrice dell’Ufficio della formazione continua e dell’innovazione - UFCI).

I due sondaggi, svolti ogni anno nelle ultime settimane prima della chiusura dell’anno scolastico, rilevano i progetti di giovani e famiglie confrontati con due passaggi importanti: alla fine della scuola media e conclusa la formazione professionale di base.

I dati - Rita Beltrami, capo dell’Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale (UOSP), ha presentato il rilevamento 2020 delle scelte dei 3'285 ragazzi e ragazze in procinto di concludere la quarta media. I dati evidenziano una sostanziale stabilità rispetto agli anni scorsi, con circa il 50% che vorrebbe proseguire con una formazione professionale di base in una scuola professionale a tempo pieno (21.4%) o con un apprendistato in azienda (28.7%); il 44% intende iscriversi al liceo o alla Scuola cantonale di commercio, mentre il 6% rimanente stava riflettendo su soluzioni transitorie o altre scelte. Confermata anche la tendenza che vede le ragazze preferire l'iter degli studi medio-superiori (il 52.7% contro il 36.7% dei ragazzi), con la conseguente differenza sull’apprendistato in azienda indicato come prima scelta solo dal 18.5% delle ragazze contro il 38.2% dei ragazzi. Sul totale dei 942 ragazzi e ragazze che hanno espresso il desiderio di intraprendere un apprendistato in azienda, 375 ha già sottoscritto un contratto, mentre gli altri erano ancora in trattativa (125) o alla ricerca (442).

Ogni anno sono poco più di 3'800 i giovani che iniziano una formazione professionale di base, di cui 1'300 in una scuola professionale a tempo pieno e 2'500 con tirocinio nella forma duale (scuola-azienda). Oscar Gonzalez, aggiunto al direttore della Divisione della formazione professionale, ha precisato che i giovani uscenti dalla scuola media rappresentano circa il 40% di chi inizia una formazione professionale di base; il 60% proviene infatti da altri percorsi o dopo un riorientamento (misure di sostegno alla transizione, altre formazioni, riqualificazioni, ecc.). Ricordando che per il 2020 l’obiettivo è raggiungere 2'500 nuovi contratti di apprendistato in azienda, sono poi stati presentati i dati attuali della campagna di collocamento.

Oltre 600 contratti a fine giugno - A fine giugno sono stati stipulati 602 nuovi contratti (di cui 375 con giovani provenienti dalla scuola media), inferiori di 115 unità (-16%) rispetto ai 717 nuovi contratti stipulati nello stesso periodo del 2019. In alcuni settori e professioni la domanda di apprendistato supera l’offerta (un esempio significativo è la professione di cuoco), mentre in altri settori le aziende non trovano candidati (vedi la metalcostruzione). La Città dei mestieri della Svizzera italiana (CDMSI) nella sua veste di luogo d’incontro tra giovani e aziende assume un ruolo cruciale per chi è alla ricerca di un posto di apprendistato. Le allieve e gli allievi che hanno terminato la scuola media, per contro, sono invitati a restare in contatto con gli uffici regionali dell’orientamento scolastico e professionale che, in collaborazione con la Divisione della formazione professionale, offrono un fondamentale sostegno nel percorso di ricerca. In agosto sarà attivato il Gruppo interdipartimentale che aiuterà, grazie a una task force di specialisti, tutti i giovani residenti ancora alla ricerca di un posto.

Covid e apprendistati - Il COVID-19 non sembra aver influito negativamente sulle prospettive di lavoro e sui progetti di formazione terziaria dei giovani apprendisti e apprendiste. I dati principali emersi dall’indagine condotta da Angela Cattaneo, ricercatrice e collaboratrice dell’Ufficio della formazione continua e dell’innovazione (UFCI), evidenziano infatti come il 37% degli apprendisti diplomandi abbia già sottoscritto un contratto di lavoro (25% nel 2019); oltre il 70% nella stessa azienda formatrice. Un terzo intende proseguire gli studi iscrivendosi in una Scuola superiore specializzata (SSS) o in una Scuola universitaria professionale (SUP) o anche con un corso “passerella” che permette di accedere alle università svizzere. Diversamente dal 2019, come conseguenza dell’attuale situazione di incertezza legata alla diffusione del COVID-19, è diminuita sensibilmente l’intenzione di seguire corsi di lingue o stage in altri Cantoni o Paesi esteri.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-25 09:58:01 | 91.208.130.89