Deposit - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
12 min
Durante l'intervento di polizia parte una pallottola
Un agente ha inavvertitamente esploso un colpo d'arma da fuoco mentre stava entrando in un appartamento di Molino Nuovo.
FOTO E VIDEO
LUGANO
2 ore
A Carona ciak con Roger Federer
L'amato tennista elvetico si trova nel quartiere luganese per le riprese di uno spot
CANTONE
2 ore
Integrazione del Cardiocentro nell'EOC, il punto della situazione con il Consiglio di Stato
Le procedure «avanzano in un clima di piena collaborazione e secondo il programma»
CANTONE
3 ore
Regole chiare per chi vuole lavorare da casa
Il Governo ha approvato il nuovo regolamento sul telelavoro nell'Amministrazione cantonale.
LUGANO
3 ore
Il Cassarate è più pulito grazie ad alcuni volontari
Lo scorso weekend diverse famiglie, ma non solo, si sono dedicate alla pulizia del letto del fiume.
CANTONE
3 ore
In Ticino è (di nuovo) record di appartamenti vuoti
Il nostro cantone presenta la maggiore eccedenza dell'offerta di alloggi in affitto di tutta la Svizzera.
CANTONE
3 ore
Otto nuovi contagi, una persona in ospedale
I casi registrati nel nostro cantone dall'inizio dell'emergenza salgono a 3'363. I decessi restano 350.
MENDRISIO
4 ore
Erbe aromatiche self-service a Mendrisio
La città ha lanciato un nuovo progetto didattico e sociale che strizza l'occhio al verde.
CANTONE
5 ore
Ecco i nuovi pizzaioli "made in Ticino"
Sei allievi hanno frequentato negli scorsi mesi il corso organizzato da GastroTicino.
BELLINZONA
5 ore
Strada chiusa tra Vigana e Paiardi
Lavori alle sottostrutture bloccano il traffico all'altezza del Ristorante San Giulio tra il 13 e il 31 luglio.
CANTONE
5 ore
L'estate rovente del turismo nostrano
Il Covid genera ansie e opportunità. In diretta su piazzaticino.ch con Angelo Trotta, direttore di Ticino Turismo.
FOTO E VIDEO
CASTIONE
6 ore
Tamponamento a catena tra quattro veicoli, un ferito
Chiusa la corsia in direzione nord, il traffico viene deviato. Sul posto polizia e ambulanza
LUGANO
6 ore
Una petizione per prolungare gli orari d’apertura del Lido di Lugano
L'ha lanciata il consigliere comunale luganese Giovanni Albertini
CANTONE
7 ore
Case di lusso: il lockdown non ferma gli italiani
La gestione della pandemia da parte della Confederazione piace ai compratori della penisola
CANTONE
9 ore
Trasferirsi in Ticino? C'è chi ti aiuta psicologicamente
Dalle pratiche burocratiche, alla scuola dei figli. Fino a toccare la sfera affettiva. C'è chi si occupa di tutto
CANTONE
9 ore
Il lockdown è finito, ma il cielo resta (ancora) blu
Anche a luglio la qualità dell'aria continua a beneficiare del calo del traffico durante il lockdown
CANTONE
19.05.2020 - 19:380
Aggiornamento : 20.05.2020 - 09:14

La febbre persistente deve allarmare i genitori

Coronavirus e Sindrome di Kawasaki. Abbiamo fatto un po' di chiarezza con la dottoressa Lisa Kottanattu.

«L’obiettivo è fare la diagnosi in tempi brevi per iniziare il trattamento ed evitare complicazioni future».

BELLINZONA - I bambini si possono infettare con il coronavirus. Nonostante tutte le rassicurazioni a famiglie e genitori, la realtà è questa. Come è pure noto, e non va trascurato, che tra i bimbi il virus circola molto meno rispetto a come capita con gli adulti e che il decorso della malattia è più blando e lieve. Ciononostante, ci sono patologie che potrebbero essere collegate al Covid-19 che colpiscono i più piccoli, come la Sindrome di Kawasaki. Sempre più casi vengono segnalati in Italia e negli Stati Uniti, e a metà marzo se ne è presentato uno anche in Ticino.

Queste notizie mettono in allarme chi ha figli piccoli. Ma spesso la confusione è molta. Per cercare di fare un po’ di chiarezza, abbiamo parlato con la dottoressa Lisa Kottanattu, caposervizio di Pediatria e specialista in malattie infettive dell’Istituto pediatrico della Svizzera italiana.

Dottoressa, questo virus sembra colpire meno i più piccoli. Ma non è che vengono fatti meno tamponi?
«È vero che sono stati testati pochi bambini, ma anche nei paesi in cui sono stati eseguiti più tamponi e le scuole non sono state chiuse, o hanno riaperto prima, i numeri sono gli stessi. Sin da subito i bimbi che presentavano un decorso più complesso venivano comunque tutti strisciati. Adesso c’è stato un cambiamento di attitudine e si pensa al contact tracing anche sui bambini. E con i tamponi effettuati, per il momento, non abbiamo avuto sorprese. Nei pronti soccorso pediatrici ticinesi ne sono stati eseguiti una cinquantina, tutti negativi».

È vero che i bambini non contagiano gli adulti, ma prendono il virus da loro?
«I bambini si infettano, ma sono più al sicuro degli adulti. I decorsi gravi sono più rari. Ma non sappiamo nulla sulla contagiosità. Dire che le scuole sono degli “incubatori di Covid-19” non è possibile sulla base dei risultati odierni. Quello che sappiamo è che finora i bambini sono sempre stati contagiati dagli adulti e non viceversa».

Il 7 maggio un bambino di 10 anni è stato ricoverato in cure intermedie e poi trasferito a Losanna. Può dirci qualcosa?
«Solo che fortunatamente sta meglio».

Questa notizia ha spaventato molti genitori, soprattutto in vista dell'apertura delle scuole di qualche giorno dopo. Tutti pensano “avrebbe potuto essere mio figlio”...
«La preoccupazione è lecita. Bisogna però ricordare che manifestazioni del genere avuta da questo bambino le vediamo ogni anno, almeno 2 o 3 casi. Sono sindromi iperinfiammatorie che vengono scatenate da un virus, un batterio, un agente “x” esterno, e creano una risposta esagerata del sistema immunitario in bambini che hanno una predisposizione a farla. Un legame causale non è possibile, anche se c’è sicuramente quello temporale».

Ovunque si sentono casi della Sindrome di Kawasaki, soprattutto in Italia e negli Stati Uniti. Un caso anche in Ticino. È possibile fare chiarezza?
«Iniziamo dicendo che la Sindrome di Kawasaki non è contagiosa. Si tratta di una vasculite, un’infiammazione dei vasi sanguigni generalizzata a tutto il corpo. Ha predilezione per le arterie coronariche del cuore. Si presenta con uno stato febbrile che deve avere la durata di almeno cinque giorni. Noi pediatri siamo molto allenati nel pensarci e cerchiamo sintomi e indizi per confermare la diagnosi. I lettori devono capire che se la febbre perdura e il bambino non sta bene, deve essere fatto visitare dal pediatra. Il bimbo ticinese, comunque, ora sta benissimo».

Ma è colpa del Covid-19? 
«La Sindrome di Kawasaki ha sicuramente uno stimolo esterno. Un legame causale non è ancora stato comprovato per un preciso virus. Si sa però che c’è una predisposizione genetica, ad esempio i giapponesi sono più toccati».

Si può guarire?
«Tutto il processo infiammatorio è autolimitante. Dopo un po’ scompare. Sono febbri che durano un paio di settimane, ma senza una diagnosi precoce e se non trattato, ci potrebbero essere conseguenze a lungo termine sulle arterie del cuore. L’obiettivo è fare la diagnosi in tempi brevi per iniziare il trattamento ed evitare complicazioni future. Se si tratta subito, il bambino guarisce. Nei primi mesi si effettuano controlli regolari, in seguito si continua con quelli cardiologici. Di tutti i bambini che abbiamo seguito qui in Ticino dal 2016, nessuno ha avuto per ora conseguenze a lungo termine».

Quale fascia d’età colpisce?
«Il 75% dei Kawasaki è sotto ai 5 anni. Ma si possono vedere anche di età maggiore, pure adolescenti. Per questo è importante andare dal medico in caso di febbre persistente».

Infine, com’è cambiato il suo lavoro in questo periodo di pandemia?
«Il lavoro è tanto, non è un periodo semplice, ma in pediatria siamo la “parte fortunata” in questo momento. Abbiamo la fortuna che i bambini, per una volta, non sono il problema delle infezioni virali. Siamo solitamente più sollecitati durante l’inverno, con influenza e le bronchioliti. A livello cantonale ci si preparava da gennaio. Lo scambio di informazioni cliniche con altri paesi colpiti prima di noi è stato da subito ottimale e importante».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-08 15:35:07 | 91.208.130.86