tipress
Maurizio Merlo
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Ultime gocce, poi un tiepido autunno
Ancora qualche precipitazione, specie nel Sottoceneri, poi di nuovo il sole.
CANTONE
14 ore
Torna il Rally, e il pubblico risponde presente
Molti ticinesi non sono voluti mancare al ritorno del Rally Ronde del Ticino
Lugano
17 ore
Lugano Creativa, l'evento di artigianato che unisce adulti e bambini
La fiera torna questo weekend per la sua seconda edizione
LUGANO
20 ore
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
MENDRISIO
20 ore
Architettura, 152 laureati all'Usi
Il rettore Erez ha consegnato oggi i diplomi agli studenti
CANTONE
21 ore
Parità di genere? «C'è ancora molto da fare»
È quanto è emerso oggi dall'assemblea del Coordinamento donne della sinistra
CENERI
23 ore
Testa-coda sul Ceneri
Incidente sulla Cantonale oggi a mezzogiorno. La polizia è sul posto
Chiasso
1 gior
Prove di un Nebiopoli covid-safe
L'obiettivo degli organizzatori è capire se nel 2022 sarà possibile tornare a proporre la festività in formula piena
FOTO
ONSERNONE
1 gior
Fiamme al Centro servizi di Berzona
Sono intervenuti i pompieri di Locarno che hanno spento il fuoco
LUGANO
1 gior
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CUGNASCO-GERRA
1 gior
Insieme all’autunno arrivano sempre le castagne
Gli organizzatori invitano tutti per sabato 25 settembre, vi aspetteranno musica, divertimento e tante caldarroste.
CANTONE
1 gior
Nella Valle del Sole baciati dal sole
Dopo un anno di pausa, si è svolta ieri la Giornata cantonale dei Sentieri.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
LUGANO
12.05.2020 - 06:320
Aggiornamento : 10:24

«A licenziare ho cominciato da me»

Maurizio Merlo ha fatto un passo indietro da direttore dell'Aeroporto di Agno. Il futuro? «Chissà»

LUGANO - L'uomo dei cieli ha ripiegato le ali, e le ha appese al chiodo. Almeno per ora. Maurizio Merlo da fine mese sarà senza lavoro. Il direttore dell'aeroporto di Lugano è tra i 41 dipendenti che hanno perso il posto con la liquidazione dello scalo di Agno, affondato dall'epidemia di Covid-19

Pilota di lungo corso, ex direttore di Darwin Airline e poi di Lugano Airport (dal 2017), il 58enne di Novazzano non rientra tra i 22 dipendenti che traghetteranno l'aeroporto verso la "fase due", quella dell'aviazione privata. Perché? E quali prospettive vede per l'aviazione in Ticino? Lo abbiamo intervistato. 

Direttore Merlo, ha abbandonato l'aereo in mezzo alla tempesta?
«Non direi. Ho sempre creduto e continuo a credere nell'aeroporto di Lugano. Al momento faccio parte del gruppo di lavoro che accompagnerà la transizione dalla proprietà pubblica ai nuovi proprietari, privati. Un lavoro importante e delicato». 

Come ha preso la notizia della liquidazione?
«Con grande tristezza. Siamo tutti molto abbattuti: soprattutto per i dipendenti che dal mese prossimo rimarranno senza lavoro». 

Sono 41 su un totale di 63. C'è anche lei
«Con una struttura fortemente ridimensionata e un'operazione di traghettamento da portare avanti, la figura del direttore generale sarebbe stata solo di peso, dal punto di vista finanziario. Rimanere non aveva senso. È giusto così».

È stato lei a fare un passo indietro? O l'hanno messa alla porta?
«È stata una mia scelta: ho presentato io il piano strutturale sul nuovo assetto dell'aeroporto, e mi sono auto-escluso. Andavano fatte delle scelte per il bene dell'aeroporto, non di Maurizio Merlo». 

Lei ha lavorato per 30 anni ad Agno. In futuro, cosa farà?
«È presto per dirlo ora. Tengo tantissimo a questo scalo, e adesso voglio fare la mia parte per garantirgli un futuro». 

In questo futuro potrebbe esserci di nuovo lei al timone?
«Da parte mia non escludo niente. Ripeto: mi sono impegnato da sempre e mi impegnerò ancora per l'aeroporto. Ma la decisione spetterà ai nuovi proprietari». 

Si sono già fatti avanti degli offerenti?
«Dei contatti c'erano stati in passato, ma adesso è il momento di quagliare. Il tempo stringe, entro fine anno dovremo passare alla fase successiva». 

Qualche rimpianto, per come sono andate le cose?
«Mi dispiace che la popolazione non abbia potuto esprimersi democraticamente, e dire se voleva o no un aeroporto pubblico. Ma è andata così». 

Il coronavirus ha dato la "mazzata" finale. 
«È stata da subito una strada in salita. Il fallimento di Adria e di Skywork, Swiss che ha abbandonato la tratta Lugano-Zurigo. Poi la scelta del referendum, e alla fine ci si è messa l'epidemia». 

L'aviazione si riprenderà dal Covid-19?
«L'aviazione era già in difficoltà prima del coronavirus. La storia dei cieli è fatta di continui alti e bassi, ma sono convinto che ci sarà una ripresa». 

Anche a Lugano?
«Ovunque gli aeroporti sono vettori di crescita per i territori che li ospitano. Ad Agno i privati manterranno l'aviazione generale, e poi ristruttureranno lo scalo in attesa di vedere gli scenari futuri. Bisognerà aspettare e avere pazienza, ma sono fiducioso. In particolare sulla tratta Lugano-Ginevra, che è sempre stata importante».   

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 1 anno fa su tio
Io dubito fortemente però......... :):):)
gigipippa 1 anno fa su tio
Chissà se le varie indennità verranno calcolate con un sistema all`americana, mediante un fattore favorevole a chi a già guadagnato tanto?
seo56 1 anno fa su tio
E per fortuna!
miba 1 anno fa su tio
Il giornalista ha dimenticato una domanda e cioè nel gruppo di lavoro che accompagnerà la transizione dalla proprietà pubblica ai nuovi proprietari privati a quanto ammonta il compenso che percepisce? Uguale, minore o superiore del salario che aveva?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 12:41:15 | 91.208.130.86