Immobili
Veicoli

CANTONEUn contagio al pronto soccorso: il paziente era arrivato per una caduta

05.03.20 - 11:56
In Ticino si registrano attualmente diciotto casi accertati
Repubblica e Cantone Ticino
CANTONE
05.03.20 - 11:56
Un contagio al pronto soccorso: il paziente era arrivato per una caduta
In Ticino si registrano attualmente diciotto casi accertati
Negli ospedali del cantone sono state implementate ulteriori misure di protezione a favore di personale e pazienti

BELLINZONA - Anche in Ticino i casi accertati di coronavirus continuano ad aumentare. E ora il contagio è arrivato tra le mura delle strutture sanitarie ticinesi. Sono infatti stati individuati tre casi positivi di Covid-19 tra professionisti della salute, come fa sapere oggi lo Stato maggiore cantonale di condotta (SMCC).

Due di questi - si legge in una nota odierna - sono riconducibili a un contatto con l’Italia. La terza persona è invece stata contagiata nell’esercizio della sua professione. In questo caso, la malattia è stata scoperta nell’ambito dell’indagine ambientale condotta tra i contatti di un paziente che si era presentato in pronto soccorso per una caduta, a quel momento ancora senza sintomatologia respiratoria.

Gli ospedali interessati, sottolineano le autorità, hanno avviato le necessarie indagini per escludere contagi all’interno della struttura e hanno implementato immediatamente ulteriori misure di protezione a favore sia del personale sia dei pazienti.

Diciotto casi in Ticino - Il primo caso noto di coronavirus in Ticino e in Svizzera risale alla metà di febbraio: si trattava di un settantenne che aveva partecipato a un convegno scientifico a Milano. Il paziente aveva mostrato i primi sintomi il 17 dello scorso mese e l'analisi aveva confermato la presenza del coronavirus la settimana successiva. L'uomo era stato ricoverato alla Clinica Moncucco di Lugano, dalla quale è poi stato dimesso negli scorsi giorni. Ora in Ticino, come rende noto il Cantone, si registrano 18 casi di persone positive al nuovo coronavirus. Tra questi un 80enne che dall'inizio di questa settimana si trova in terapia intensiva.

La prima vittima in Svizzera - Per ora in Svizzera (dove i casi sfiorano il centinaio) la diffusione del coronavirus ha fatto un morto. Si tratta di una donna 74enne che lo scorso 3 marzo era stata ricoverata al Centro ospedaliero universitario di Losanna. Quando ha contratto il Covid-19, la donna soffriva di una malattia cronica, come comunicato stamani dalle autorità del Canton Vaud.

Le indicazioni dell'UFSP - Il paziente che si è presentato in pronto soccorso per la caduta non presentava sintomi. Ma se questi ci fossero, resta valida la disposizione di annunciarsi telefonicamente al medico. E la raccomandazione dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) è di seguire, in generale e nella vita di tutti i giorni, le seguenti regole di comportamento e di igiene: lavarsi accuratamente le mani, tossire e starnutire in un fazzoletto o nella piega del gomito, evitare le strette di mano, in caso di febbre o tosse restare a casa. Da ieri si parla inoltre anche di distanza sociale, ossia lasciare spazio tra le persone, ad esempio quando si è in coda ad aspettare o in riunione.

Tutte le informazioni sulla situazione relativa al coronavirus in Svizzera sono disponibili su www.ufsp-coronavirus.ch e su www.ti.ch/coronavirus. Per qualsiasi dubbio è attiva la seguente infoline: 0800.144.144 (tutti i giorni dalle 7.00 alle 22.00).

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO