Ti Press
CANTONE
20.12.2019 - 15:110

Migrante ammanettato, un solo poliziotto colpevole

L'agente, condannato per sequestro di persona e abuso di potere, ha ricevuto una pena (sospesa) di 20 aliquote giornaliere di 110 franchi. Prosciolto il collega

di Redazione

BELLINZONA - Una condanna e un proscioglimento. È questa la decisione presa dal giudice Siro Quadri nel processo che vedeva alla sbarra due agenti della Polizia cantonale, che nel gennaio del 2017 ammanettarono un richiedente l’asilo minorenne per ore in una doccia del bunker di Camorino.

Un poliziotto, come riferisce la Regione, è infatti stato ritenuto colpevole di sequestro di persona e abuso di potere e gli è stata inflitta una pena di 20 aliquote giornaliere di 110 franchi (sospese per un periodo di prova di 2 anni). Il collega è stato prosciolto perché, nonostante fosse presente, di fatto non ha agito. 

I due - ricordiamo - avevano giustificato la loro azione spiegando di aver obbedito a un ordine superiore e di aver dovuto gestire una situazione delicata nel modo che in quel momento risultava essere il più praticabile. Quadri ha però fatto notare che il poliziotto con più esperienza, definito capogruppo, avrebbe dovuto perlomeno mettere in dubbio l'ordine ricevuto.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-01 00:21:50 | 91.208.130.85