foto Facebook
BODIO
21.10.2019 - 21:100

Il video con il fucile: «Ma sono bravi ragazzi»

Un gruppo di giovani di Bodio si è esibito sui socail con una clip rap dai toni un po'... estremi. L'intervento del sindaco

BODIO - Cani al guinzaglio, giubbotti antiproiettile, volti coperti e un fucile mitragliatore «da softair». Un video rap pubblicato settimana scorsa da un gruppo di giovani di Bodio e Biasca ha suscitato il plauso dei social, ma anche qualche (giustificata) preoccupazione nel mondo reale.

La clip inneggia allo spaccio di droghe e alla violenza – «braccia conserte/ferro in mano», «ti sparo nel petto/ mentre fumo» –  e mostra una quindicina di giovani, tra cui alcuni minorenni, che si atteggiano a gang di strada. Uno di loro indossa un passamontagna e sfodera un fucile a ripetizione.

Le immagini sono arrivate al sindaco di Bodio che si è interessato personalmente del caso. «Ho riconosciuto diversi ragazzi del posto» spiega Stefano Imelli, e rassicura: «Si tratta di bravi giovani attivi nella comunità, nella parrocchia e in diverse associazioni. Mi hanno garantito che si tratta di un fucile sportivo da softair, non di un vero mitragliatore».

Certo i contenuti del video restano «discutibili» conferma il sindaco. E difatti sono stati immediatamente rimossi dal web, per iniziativa degli stessi autori. «Hanno capito di avere dato una brutta immagine». Sui social però, il giorno stesso i "bravi ragazzi" si sono giustificati diversamente con i fan: «Vogliono ostacolarci ma non ci possono fermare». 

foto Facebook
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 05:52:00 | 91.208.130.89