TIO/20M/GIORDANO
Lo scorso 13 maggio il legislativo luganese ha deciso di sostenere una progettazione all’ex Macello che non prevede l’autogestione.
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 ora
Tokyo? No, Lugano all'ora di punta
Attualità
1 ora
"Opera per tutti" e "Tristar Triathlon Lugano", chiuse alcune strade
SANT’ANTONINO
1 ora
Prezzi italiani in Ticino: «Il test sta dando buoni frutti»
CANTONE / GRIGIONI
10 ore
Il Passo del Lucomagno è stato riaperto
CANTONE
11 ore
Un futuro più digitale per la SUPSI
LUGANO
13 ore
Quando vivevamo senza fili
LUGANO
13 ore
LAC: cibo, bevande e pulizie cambiano mano
LUGANO
14 ore
Tamponamento a Lugano Sud ed il traffico va in tilt
CAPRIASCA
14 ore
Cade da un muretto, interviene la Rega
CANTONE
14 ore
Approvvigionamento dell'acqua, una nuova ordinanza in caso di penuria
CAMPIONE D'ITALIA
14 ore
«I debiti di Campione li paghi l'Italia»
CANTONE
15 ore
Il comitato del Kiwanis si rinnova
CANTONE
15 ore
«La dott.ssa Lesmo non è contraria ai vaccini. Ha vaccinato i suoi figli»
MASSAGNO
15 ore
I sindacati contro il CdT: «I vertici non hanno voluto incontrarci»
MENDRISIO
16 ore
Festa della Musica, tante luci e qualche ombra (sul futuro)
LUGANO
12.06.2019 - 14:500

Ex Macello, la «proposta indecente» rispedita al mittente

Gli autogestiti rispondono picche all’invito per un incontro con un gruppo di lavoro sul futuro del centro sociale: «Una provocazione. Non vogliamo essere presi in giro»

LUGANO - Una proposta «indecente» e «senza senso». Con queste parole, affidate ad un loquace comunicato, il Molino ha liquidato l’invito ad incontrare «un gruppo di lavoro per la ricerca di una sede al centro sociale» recapitato lo scorso 27 maggio all’assemblea degli autogestiti.

Un invito (per domani) considerato una «provocazione» e quindi rispedito al mittente. «Quello che vogliamo è continuare a sperimentare, a sostenere e a praticare autogestione, solidarietà, conflitto, culture dal basso e dignità per tutte e tutti», scrivono i molinari puntando il dito contro i «mandanti» della missiva: in particolare Fabio Schnellmann (firmatario dell’invito e «da anni il supposto “interlocutore” del CSOA»), il sindaco Marco Borradori e il vicesindaco Michele Bertini.

«Tre astute “Old Fox”», incalzano gli autogestiti richiamando un incontro avvenuto 5 anni fa, durante il quale «sviscerammo, su loro richiesta e per l'ennesima volta nel dettaglio, le nostre esigenze». Un incontro - si legge - seguito «dal vuoto totale», che portò gli autogestiti a «uscire definitivamente dalle trattative e dall'inutile, stagnante e ridondante mancanza di serietà».

Un’ultima critica viene riservata infine alla scelta di proporre un “meeting” «senza indicare su quali temi e con quali entità» l’assemblea sarà chiamata a confrontarsi: «Quello che non vogliamo è soprattutto essere presi in giro. E men che meno dai padri padroni di questa città».

CSOA
Ingrandisci l'immagine
1 mese fa Con la videocamera all'ex Macello: bocche cucite tra gli "alternativi"
1 mese fa Via l'autogestione dall'ex Macello, la Lega esulta
1 mese fa Ex Macello, non ci sarà l’autogestione
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-18 07:30:52 | 91.208.130.86