TIO/20M/GIORDANO
Lo scorso 13 maggio il legislativo luganese ha deciso di sostenere una progettazione all’ex Macello che non prevede l’autogestione.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
11 min
L’Orchestra della Svizzera italiana al Musikverein di Vienna
CANTONE / SVIZZERA
21 min
Monica Duca Widmer si siede al tavolo della Ruag
CASTEL SAN PIETRO
22 min
Svizzeri un po’ xenofobi e facilmente in disoccupazione
MENDRISIO
3 ore
Pizzica il capo a rubare dalla cassa, parrucchiera licenziata
LUGANO
10 ore
Sole e caldo, è stato uno Scollinando da record
LUGANO
12 ore
«Così ti sfasciamo l'auto»
ITALIA / CANTONE
14 ore
Traghetto si incaglia nel porto di Ischia: «La vacanza non inizia benissimo»
CANTONE
15 ore
«Progresso solo con la fine della maggioranza di destra al Parlamento»
CANTONE
16 ore
Temporali blues a Caslano…
NOVAZZANO
17 ore
Ecco il Boscoiattolo per i bimbi di Novazzano
CONFINE
17 ore
Proto confessa: «Sono dipendente dal gioco d’azzardo»
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
Ora è ufficiale: Marina Carobbio correrà su entrambi i fronti
BREGAGLIA (GR)
21 ore
Frana di Bondo: nessun colpevole per otto morti
CANTONE / CONFINE
21 ore
Chiusura valichi secondari, c’è chi dice no
MONTE CARASSO
21 ore
Riapre lo storico oratorio: ed è bagno di folla
LUGANO
12.06.2019 - 14:500

Ex Macello, la «proposta indecente» rispedita al mittente

Gli autogestiti rispondono picche all’invito per un incontro con un gruppo di lavoro sul futuro del centro sociale: «Una provocazione. Non vogliamo essere presi in giro»

LUGANO - Una proposta «indecente» e «senza senso». Con queste parole, affidate ad un loquace comunicato, il Molino ha liquidato l’invito ad incontrare «un gruppo di lavoro per la ricerca di una sede al centro sociale» recapitato lo scorso 27 maggio all’assemblea degli autogestiti.

Un invito (per domani) considerato una «provocazione» e quindi rispedito al mittente. «Quello che vogliamo è continuare a sperimentare, a sostenere e a praticare autogestione, solidarietà, conflitto, culture dal basso e dignità per tutte e tutti», scrivono i molinari puntando il dito contro i «mandanti» della missiva: in particolare Fabio Schnellmann (firmatario dell’invito e «da anni il supposto “interlocutore” del CSOA»), il sindaco Marco Borradori e il vicesindaco Michele Bertini.

«Tre astute “Old Fox”», incalzano gli autogestiti richiamando un incontro avvenuto 5 anni fa, durante il quale «sviscerammo, su loro richiesta e per l'ennesima volta nel dettaglio, le nostre esigenze». Un incontro - si legge - seguito «dal vuoto totale», che portò gli autogestiti a «uscire definitivamente dalle trattative e dall'inutile, stagnante e ridondante mancanza di serietà».

Un’ultima critica viene riservata infine alla scelta di proporre un “meeting” «senza indicare su quali temi e con quali entità» l’assemblea sarà chiamata a confrontarsi: «Quello che non vogliamo è soprattutto essere presi in giro. E men che meno dai padri padroni di questa città».

CSOA
Ingrandisci l'immagine
1 mese fa Con la videocamera all'ex Macello: bocche cucite tra gli "alternativi"
1 mese fa Via l'autogestione dall'ex Macello, la Lega esulta
1 mese fa Ex Macello, non ci sarà l’autogestione
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-17 09:26:16 | 91.208.130.87