ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
40 min
Caccia sì, ma non stressiamo gli animali al gelo
Si apre la caccia tardo autunnale. Cervi, caprioli e cinghiali sono le prede. Ma con dei limiti: «Le condizioni sono estreme, bisogna evitare che gli animali disperdano le loro energie»
CANTONE
1 ora
La legge "Fogazzaro" si è arenata. Bertoli: «Il Parlamento decida»
Da febbraio la modifica della legge scolastica è in Commissione, dove si sta tentando l'operazione di unire due rapporti antitetici. Il direttore del Decs: «È un'operazione impossibile»
CANTONE
3 ore
Uccise la moglie: condannato a diciotto anni di carcere
È colpevole di assassinio il 57enne macedone comparso alle Criminali per il delitto di Ascona
ROVEREDO (GR)
3 ore
Equilibri in Municipio di nuovo in discussione
Il Tribunale federale ha accolto in parte il ricorso della sezione Liberale democratica sul conteggio delle schede dell'elezione dell'ottobre 2018
CANTONE
3 ore
Un anno impegnativo per il sindacato dei docenti
Dalla pausa per i docenti di scuola dell’infanzia, all’ottimizzazione dei consigli di classe, fino alla riforma del liceo
CANTONE / URI
3 ore
Scontro nel San Gottardo, circa 40mila franchi di danni
L'impatto contro un pullman è costato un bello spavento all'automobilista, che ha effettuato un testacoda prima di andare a sbattere contro la parete della galleria
LUGANO
4 ore
«Ma quale conflitto d'interessi?», Valenzano Rossi risponde alla Lega
La capogruppo PLR sottolinea come la collaborazione, legale, fosse nota da tempo. E rilancia: «Attaccata per indurre al silenzio le voci critiche e per mancanza di argomenti validi»
FOTO
CANTONE
4 ore
Sos Infanzia premia quattro associazioni
Consegnato il riconoscimento in onore di Federico Mari a Malattie Genetiche Rare Svizzera Italiana, Shark Team 2000, Illy e la Sindrome di Goodpasture e ATKYE
FOTO E VIDEO
CENTOVALLI
4 ore
Operazione mozzafiato: cinque campane in volo a Rasa
Video spettacolare sui monti innevati. Claudio Simoni, segretario della “parrocchia”: «È un momento storico per noi»
CANTONE
4 ore
Il prof. Giovanni Pedrazzini in conferenza a Massagno
L'evento, aperto a tutti, permetterà al pubblico di conoscere un luminare del suo ramo, unico ticinese a ricoprire la carica di Presidente della Società Svizzera di Cardiologia
CANTONE
4 ore
Genova e Savona propongono la loro strategia dei trasporti
Dubbi sulla fattibilità della Chiasso-Lugano. Autotrasporto strategico ancora per molti anni a venire
CANTONE
5 ore
Oltre trenta domande sulla politica carceraria
L'interrogazione al Consiglio di Stato si inserisce in un'indagine avviata dal deputato ginevrino Pierre Bayenet
LUGANO
5 ore
Lavori stradali a Viganello, ecco dove fare attenzione
Si terranno di notte, tra il 25 di novembre e il 6 di dicembre
BELLINZONA
5 ore
Haber a Castellinaria: «Chiedo scusa a tutte le donne»
Nell'occhio del ciclone "la performance" sessista dell'attore bolognese domenica sera al festival per ragazzi, soprattutto nei confronti della presentatrice
LUGANO
5 ore
Il LAC supera il milione di presenze
Anche la quarta stagione del centro culturale ha registrato un incremento di pubblico arrivando a quota 280’721
CANTONE
5 ore
Il Mendrisiotto dimenticato e tartassato
Interrogazione di Matteo Quadranti, che chiede al Governo di difendere la stazione internazionale di Chiasso e i momò dal rincaro dei premi di cassa malati e della benzina
FOTO
BELLINZONA
6 ore
Cent'anni di proporzionale a Palazzo delle Orsoline
Una mostra ripercorre le dinamiche che portarono la Confederazione ad introdurre il sistema proporzionale per la ripartizione dei seggi in Consiglio Nazionale
LUGANO
6 ore
Ecco chi ha vinto il premio svizzero Architettura sostenibile
Lo hanno assegnato a Lugano Artecasa e Raiffeisen, a vincere Oppenheim Architecture di Basilea e attivo in tutto il mondo
CANTONE
6 ore
Roberto Bevacqua è il nuovo Capo della Sezione delle finanze del Dfe
Sostituirà Sandro Destefani, ora direttore della Divisione dell'ambiente
GAMBAROGNO
7 ore
Traffico da incubo, torna la “mega rotonda” in zona Pergola
La sua messa in funzione è prevista entro circa 15 giorni. Intanto la colpa delle code viene attribuita anche al cantiere di Luino
CANTONE
7 ore
L'onda verde conquista il Malcantone
Si presenta un neocostituito gruppo ecologista che mira a dare risposte ai problemi urgenti della regione
CANTONE / URI
7 ore
Incidente in galleria, chiuso per un'ora il San Gottardo
Lo scontro, di lieve entità, è avvenuto nella parte urana del tunnel, che è rimasta inagibile fino alle 15
CANTONE
9 ore
Uccise la moglie: «Ma fu omicidio, non assassinio»
La difesa del 57enne autore dell’episodio di sangue verificatosi nel 2017 in un autosilo di Ascona chiede la condanna a quattordici anni di carcere. L’incarto potrebbe tornare al mittente?
MENDRISIO
10 ore
Così una ticinese trasforma le unghie in fenomeno internazionale
Si è concluso di recente il Campionato Internazionale Aestetica Nails Challenge di Napoli. Organizzato dalla momò Claudia Valli. Ecco come è andata
MANNO
10 ore
Prestigioso riconoscimento per un professore della Supsi
Giovanni M. Pavan ha vinto un ERC Consolidator Grant, prestigioso riconoscimento conferito dal Consiglio Europeo della Ricerca
BIASCA
12.06.2017 - 06:020
Aggiornamento : 07:28

Moto e fuoristrada abusivi, rabbia tra contadini e ambientalisti

Il fenomeno nella zona Buzza è incontrastato da anni. Elio Re, presidente del Patriziato: «C'è chi è entrato con la jeep nei terreni agricoli» Il WWF: «Multe ridicole. E i Comuni fanno troppo poco

BIASCA – In zona Buzza, a Biasca, non bastavano le discariche abusive, già segnalate in un precedente servizio di Ticinonline. Ora spuntano anche moto e fuoristrada che, illegalmente, sfrecciano a fianco dei pascoli. In realtà il problema andrebbe avanti ormai da anni. Sono gli stessi agricoltori del posto a raccontarlo. A cui si aggiungono le lamentele degli ambientalisti. «A volte al weekend c'è un baccano assordante – dice un contadino –. Le nostre bestie si spaventano».

Tra gas e freno – A provare disagio è anche chi frequenta la zona alla ricerca di pace e di relax. Elio Re, presidente del Patriziato, sta cercando di limitare, da tempo, il trial selvaggio alla Buzza. «In passato c'è anche chi si è permesso di entrare con una jeep nei terreni agricoli, facendo frenate e accelerazioni e rovinando i pascoli. Noi abbiamo piazzato alcuni cartelli, in cui si spiega a chiare lettere che questo genere di attività è contro la legge».

Emozioni – Su e giù tra sassi, alberi e pantani. Alla ricerca di percorsi adrenalinici e di emozioni forti. Secondo Re, a lanciarsi in questo genere di avventure sarebbero soprattutto giovanissimi attorno ai 18 anni di età. «Non riescono a capire che quella è una zona di pascolo, definita dal Piano regolatore».

Le accuse – Francesco Maggi, responsabile del WWF per la Svizzera italiana, punta il dito contro le autorità comunali. «Purtroppo – sostiene – questo è un problema che esiste anche in altre località ticinesi. I Comuni sono latitanti e tendono a chiudere un occhio quando si ha a che fare con tematiche ambientali. Sulla situazione alla Buzza di Biasca noi stessi abbiamo ricevuto varie segnalazioni».

Sanzioni contestate – «Chi viene beccato, rischia una multa che può essere anche di centinaia di franchi», fa notare Re. Maggi, dal canto suo, non è d'accordo. E ribatte: «Chi commette queste azioni rappresenta una minoranza. Che, tuttavia, continuerà a comportarsi in questo modo. Queste persone non vengono mai punite, e quando accade, le multe sono irrisorie, ridicole».

Commenti
 
Mic8 2 anni fa su tio
Come si può fare? a chi ci si può rivolgere per creare uno spazio?
gabola 2 anni fa su tio
@Mic8 Siamo in ticino...c'è gente che ci ha gia provato,anche solo per un week end di gara l'hanno fatta togliere per una bisa
Lucilla Ferrara 2 anni fa su fb
Stessa cosa con le motoslitte in Dõtra: si limitassero alle piste che d'estate sono strade carrozzabili, come prevede la Legge (quella tanto invocata quando si tratta di altri argomenti...) non ci sarebbe problema. Invece tra Anveuda e Döttra, fino ai piedi del Rossetto e del Cadrèigh ogni tanto pare di essere in un parco divertimenti con motoslitte ovunque. Rumore, caos, pericolo, inquinamento inutile, selvatici stressati e disprezzo per la Legge tutto in una sorta di cosanostra in salsa nostrana (chì lè ca' nòsa!). E figuriamoci se ci sono controlli: meglio non irritare un elettorato interessante.
Stefano Franzini 2 anni fa su fb
Solo critiche e lamentele!! È vero è forse meglio ritrovarsi tutti sotto un ponte a drogarci!! Per quel poco che si può fare in Ticino un po' di comprensione ci vorrebbe!! Poi chiaramente le cose vanno fatte senza arrecare danni a terreni o pascoli ma questo è una questione di rispetto per chi vive di ciò!!
Stefano Martinoni 2 anni fa su fb
Giacomo Togni tun sai queicos???
Simona Rigolli 2 anni fa su fb
Mattia Chianese???‍♀️?
Mattia Chianese 2 anni fa su fb
sono troppo povero per permettermi sia un fuoristrada sia una moto da cross??
Simone Minotti 2 anni fa su fb
Athos Rodoni
Mauro Darani 2 anni fa su fb
Alan Calabresi??
Alan Calabresi 2 anni fa su fb
Vist??
Gentilini Mario 2 anni fa su fb
Fate cagare poi dicono che i giovani bevono ciola non possono più fare un cazzo
Roberto Fornara 2 anni fa su fb
appunto cosa c'e' di male andare fuoristrada con un mezzo da fuori strada, vedere bei paesaggi , fermarsi ad ammirarli ... teniamoci questo privilegio non da poco ....
Sì GP F1 in Svizzera e ad un circuito Ja F1 GP Schweiz und eine Rennstrecke 2 anni fa su fb
Date un circuito alla Svizzera!
Sergio Miranda 2 anni fa su fb
Ma quanto rompete no si può fare niente in questo paese che no sia pagar appena si diverte un po' dovete rompere gli coglioni ??? continuate a vivere tristi e depressi
Giuseppe Zedda 2 anni fa su fb
Fate una benedetta pista, stile castelletto in Italia dove tutte le tipologie di moto e auto possano entrare a prezzi accessibili e divertirsi. Paese di morti viventi senza idee e passioni. ?
Ivan Tadic 2 anni fa su fb
Se qualche sentiero o zona venisse reso/a accessibile per i pochi enduristi che ci sono in Ticino, non ci sarebbero questi problemi di convivenza. Non avendo degli spazi dedicati bisogna 'arrangiarsi' e cercarsi gli spazi (personalmente lontani da abitazioni, spazi non curati e senza animali o persone che possano essere disturbati.) Ovvio che poi se uno passa in campi coltivati o spaventa gli animali è uno stronzo, però finche si passa in zone non curate senza arrecare danni a persone o cose non penso nessuno possa lamentarsi. D'altro canto se vai anche solo su una strada sterrata senza divieti spesso il primo che ti vede ti tratta come un criminale, non sempre ci si trova davanti a persone aperte al dialogo.
Nathan Hubner 2 anni fa su fb
Ivan Tadic complimenti
Sergio Lorenzon 2 anni fa su fb
Solo campi da calcio e puttanai in Ticino!! Sempre tutti contro moto e auto??
Sergio Lorenzon 2 anni fa su fb
...E fatele un pò di piste in modo che la gente si possa sfogare con il proprio veicolo e non per strada e nei boschi?!!!
Mirco Zabot 2 anni fa su fb
Gli ambientalisti e il WWF si facciano i c****i loro! Il governo ascolta fin troppo le tematiche ambientali con conseguenze ad esempio che rovinano il Motorsport!
Jacopo Bionda 2 anni fa su fb
Perché le formiche diventano elefanti e gli elefanti formiche? Non so se ridere o che cosa......
Ben8 2 anni fa su tio
Piste con i soldi di via sicura
SosPettOso 2 anni fa su tio
C'è un abuso/scempio ecologico immenso che va avanti dalla costruzione delle autostrade. Possibile che non vi si possa ritagliare un angolo dedicato a 'sti giovani con due piste per 4x4 in stile militare? Un bel cartello con cui si declina ogni responsabilità e buon divertimento.... L'è un po' come con gli skatepark finché ci si limita a non far nulla vanno ovunque disturbando, rovinando e facendosi male.
maocr 2 anni fa su tio
@SosPettOso Proprio vero, si publicizza e propagandano attivitàcome tial, fuorisrada,cross corse varie e tanto altro con filmati e pubblicità oltre ogni limite per puro lucro di vendita, ma poi nessuno pensa che qualcuno vorrebbe praticare queste attività costose e quindi si arrangia. La legge permette di pubblicizzare(fanno soldi)ma non da alcuna possibilita per fare le pratiche di dette attività, che potrebbero creare posti di lavoro e permettere hai nostri giovani e non solo di passare a esperienze che altrimenti sfogheranno in ambienti insicuri e non legali visto che non ci sono.
Luca Caminada 2 anni fa su fb
Ma perché le moto e le auto vengono sempre demonizzate in Ticino?!?? Rompete le balle ai criminali veri e non a chi si vuole divertire un pochino
Yoebar 2 anni fa su tio
Sono 30 anni che le moto vanno lì. Tutti lo sanno, se ti fanno fastidio vai da un'altra parte, tra di loro molti giovani, bellissimo, meglio che vederli nelle piazze a fare disastri, a farsi canne o tutto un giorno davanti alla TV. Non mollate, la buzza è un luogo ideale per tale sport. Sarebbe sufficiente limitare le zone e fuori di queste intervenire.
Marzio Fontebasso 2 anni fa su fb
Non c è nulla per i giovani in queste valli , ed è un peccato perché basterebbe poco , vermante poco , pero sicuro che questo non è il modo migliore per attirare L attenzione , una proprietà privata resta tale
Dem Borgna 2 anni fa su fb
ahahaha e che terreni agricoli in zona buzza ahaha Vanno bene solo per il bestiame, visto che sono a nord di una collina. Dal momento che ci sono le bestie e che il recinto è tirato, allora non entrano più con i jeep. Comunque, dalle stelle alle stalle. Negli anni 90 hanno fatto i mondiali di trial a Biasca, e oggi siamo qui a parlare di qualcuno che guida fuori carreggiata.
Emma Vittoni 2 anni fa su fb
Andrea Lazzarin
Fabio Nardone 2 anni fa su fb
Se ci fosse qualche pista questi problemi non esisterebbero
Siro Schürmann 2 anni fa su fb
Questo è vero e concordo con te! Altrettanto vero che nessuno ha diritto di entrare su un terreno privato a fare ste cose e a spaventare gli animali!!! Sparare nelle gomme sempre un ottima alternativa a buon intenditor...
Mile Tesmanovic 2 anni fa su fb
Già ??
Ivan Tadic 2 anni fa su fb
!!
Sergio Svircevic 2 anni fa su fb
Capito Fabio Nardone? Ti sparo nelle gomme
Federico Bernasconi 2 anni fa su fb
C'è da dire che molti "riders" della domenica, fan casotto e basta, dopo per colpa loro ne risente chi ci tiene. Dopo una pista o meno, se son capre son capre...
Mic8 2 anni fa su tio
Sono d'accordo con gli agricoltori. Quello con il Jeep dovrebbero tirarli le orecchie e farli un bel Multone così salato che li passa la voglia di passare nei terreni agricoli. Ma non metteteci tutti in croce. Un posto dove sfogarsi o praticare Trial che a mio parere e Sport non c'è. Anche i ciclisti inquinano quando bevono gli Energy Drink e li buttano per terra e me li ritrovo nella scarpata vicino a casa. Ciclisti ambientalisti mà?!? MOONIE SE C'è DA PAGARE PER CREARE UNA PISTA PAGHIAMO NON CI SONO PROBLEMI, CON TUTTE LE PERSONE IN TICINO CHE VANNO IN MOTO.BASTEREBBE UN PEZZETTO DI MONTAGNA ISOLATA.
vulpus 2 anni fa su tio
Il cantone stà pianificando tutto il territorio.Non c'è sicuramente necessità di crearne cinquanta, e di terrotorio abbandonato in Ticino ce nè. Hanno ragione gli agricoltori della zona: le bestie si impauriscono e vanno in panico, con il pericolo di farsi male. Già queste moto sono poco sopportabili quando girano sulle strade normali: rumori ogni limite e puzze di gas insopportabili, a causa del tipo di miscela utilizzata.
Mic8 2 anni fa su tio
@vulpus Vulpus anche le auto in autostrada sono insopportabili tutta la settimana. Quando esci mettiti una mascherina.Se inventavano le moto ad Acqua la puzza non la sentivi.
miba 2 anni fa su tio
Invece di fare polemiche e gli indignati create delle piste che in Ticino a qua torneo mi risulta non ce ne sono.
Frankeat 2 anni fa su tio
@miba Intendi dire che gli agricoltori dovrebbero preoccuparsi di creare delle piste per le moto da cross?
miba 2 anni fa su tio
@Frankeat No, intendo dire che in Ticino non mi risulta che vi sia nessuna pista da motocross e quindi mi sembra anche logico che "si va dove si può" (alternativa: caricare la moto e andare in Italia). Se le cose venissero fatte con criterio (invece di lamentarsi sempre in salsa ticinese) probabilmente qualcuno vedrebbe anche un indotto economico nel nostro sempre più povero Ticino
pontsort 2 anni fa su tio
@miba A creare le piste dovrebbero essere quelli che le vogliono non chi non le vuole. Invece di continuare ad andare su terreni di altri, quando si sa che i contadini si arrabbiano gia se entri sui loro terreni a piedi calpestando l'erba. Basta organizzarsi, si compra un terreno e lo si attrezza per questa cose, non sono sempre gli altri a dover prepare la pappa. Probabilmente se fin'ora non si é fatto niente significa che non c'é la massa critica, o che invece di farsi sentire si preferisce andare a sbaffo di nascosto
Stephan Kesslinger 2 anni fa su fb
Forza patrizi, imponente la legge della forca.
Ben8 2 anni fa su tio
Trovate un posto per gli appassionati di moto!!! Trial, enduro e piste!!! Come in Italia, Spagna ecc
moonie 2 anni fa su tio
@Ben8 ecco. pagatevela anche però!!!
Ben8 2 anni fa su tio
Trovate un posto dove si può fare enduro, Cross , trial, supermorard ecc.... invece di mettere sempre più divieti..... esempio Italia Francia Spagna ecc dove ci sono circiuti, piste e posti per andare fuoristrada! La moto è passione!!!!
dudo 2 anni fa su tio
Maleducati e cafoni! Ma purtroppo non sono solo loro. Oggi in qualunque posto vai, su qualsiasi sentiero cammini, ti trovi in mezzo alle scatole i ciclisti che vanno come se fossero ai campionati del mondo di velocità. Sono arroganti e pretendono la strada come se fosse tutto dovuto. Io non li sopporto più e come ho già detto piû volte il primo che mi fa un graffio paga per tutti.
prophet 2 anni fa su tio
@dudo mah...io sono un mbiker che gira per sentieri da 20 anni..."tiro" solo nei punti a vista e sempre, e dico davvero sempre, quando incontro persone a piedi mi fermo, mi sposto, saluto e auguro buona giornata, si chiama educazione...educazione per esempio che per esempio molti escursionisti (a piedi) non hanno quando intasano le stradine dei residenti per salire al Monte Bar...o parcheggiano lo scooter lato strada in punti di possibili incroci auto...in Ticino bisognerebbe fare come negli USA (ogni tanto ne azzeccano qualcuna...), creare spazi appositi dove "sfogarsi" ma quando poi si é sulla pubblica via tolleranza 0. Buone escursioni a tutti, a piedi o bici che sia
ramis 2 anni fa su tio
@dudo Sono con te, il rimedio ci sarebbe,chiodi a tre punte.
Lore62 2 anni fa su tio
@dudo Per fortuna che l'uomo è un "animale sociale", sarà per come i politici hanno conciato il nostro Cantone rendendolo invivibile che la gente non sopporta più niente... I maleducati ci sono dappertutto, ma per un'educazione mancata non bisogna "castrare" a tutti la libertà di praticare i propri hobby...
pontsort 2 anni fa su tio
@Lore62 La liberta c'é, ma dove é permesso, o sul tuo terreno, non a sbaffo sui terreni degli altri
Equalizer 2 anni fa su tio
@pontsort Purtroppo in questo cantone nemmeno sul tuo terreno, la scusa ufficiale? Provata sulla mia pelle tempo fa: L'attività svolta sul sedime non è quella per cui la destinazione di quest'ultimo è indicata nel piano regolatore. Ergo sempre castrati dalle leggi, anche sulle proprietà proprie. Paes da gnücc e quadradi.
SosPettOso 2 anni fa su tio
@ramis Ottimo sistema. Il (moto)ciclista buca una ruota, ma gli animali al pascolo, i selvatici e la maggior parte degli escursionisti (che vanno con scarpette) si fanno male davvero.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 21:46:35 | 91.208.130.89