ULTIME NOTIZIE Ticino
GAMBAROGNO
4 ore
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
6 ore
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
LUGANO
7 ore
Sebalter per festeggiare il 25esimo anniversario di Apple da Manor
SEMENTINA
7 ore
Associazione dei Contabili-Controller, premiati i neo-diplomati
CANOBBIO
8 ore
Rilasciato l'ex municipale, docente e allenatore accusato di pedofilia
CADENAZZO
9 ore
Tamponamento sull'A2 prima della galleria del Monte Ceneri
CANTONE
10 ore
L'occhio del radar scruta mezzo cantone
MUZZANO
10 ore
I tre sindacati al Corriere: «Ritirate i licenziamenti!»
CANTONE
11 ore
Erosione delle Guardie di confine, il PLR interroga il Governo
CANTONE
11 ore
«Bisogna incentivare i giovani ad usare i mezzi pubblici»
AQUILA
11 ore
Incidente nel nucleo di Aquila
BELLINZONA
11 ore
Giovani in piazza per salvare il clima
CANTONE
12 ore
Due importanti nomine per De Rosa
BELLINZONA
12 ore
«Ci hanno tagliati fuori dal mondo senza preavviso»
LUGANO
12 ore
Appartamenti sussidiati a 400 franchi in più: «Il Municipio lascia fare?»
LUGANO
12.07.2016 - 06:340

Borradori: «Siamo disponibili a discuterne»

Il sindaco di Lugano ammette, tuttavia, che un gay pride è una manifestazione «un po' controversa»

LUGANO - Annunciando la decisione di organizzare un gay pride nella Svizzera italiana, i promotori dell'iniziativa lasciano aperte tutte le possibilità per quanto riguarda la città ospitante. Lugano sarebbe «disponibile» quantomeno a discuterne.

«Si tratta in genere di manifestazioni un po’ controverse e, quindi, se Lugano dovesse entrare in linea di conto auspicherei prima di tutto un incontro con gli organizzatori per capire le loro aspettative, le previsioni in termini di affluenza e i costi», commenta il sindaco di Lugano, Marco Borradori. «Non è un no di principio né un sì di principio, siamo disponibili a discuterne», aggiunge.

Pride simili in altre regioni della Svizzera e quello, recente, di Varese hanno attirato circa 3mila partecipanti. Per la città sarebbe un problema far fronte a questo tipo di affluenza? «Se il numero dei partecipanti fosse questo la Città sarebbe assolutamente in grado di gestirlo», risponde Borradori.

 

Commenti
 
Lucauno 2 anni fa su tio
Gli operatori turistici stanno grattando il fondo della padella nella vana speranza di attirare clienti che potrebbero "forse" recare indotto. Ci provano ora stuzzicando anche i Gay, e lasciamo perdere le donne col burka o il niqab. Non vogliono prendere atto che in Ticino il turismo è finito per colpa dei prezzi alti e della mancanza di attrattive, e poi vanno avanti a fidarsi del Solari e del Polli come se niente fosse Chiudano la baracca ETT che é meglio.
cacos 2 anni fa su tio
personalmente vedere in città uomini in tanga che si slinguano mi da fastidio saro al antica ma la peso cosi, vogliamo manifestazioni soldi e hotel pieni di alternative ce ne sono non da ultimo la formula E , pens he cosi cadiamo sempre piu in basso.
Paolo Scarduelli 2 anni fa su fb
Non sono i gay pride a dare la libertà di amare.......
Joana A. Bienert 2 anni fa su fb
Sono i gay pride a dare sostegno ai giovani che devono affrontare la loro sessualità , a fagli capire che non sono soli.
Paolo Scarduelli 2 anni fa su fb
Eh sì......proprio così!
lo spiaggiato 2 anni fa su tio
E il Quadri che dice?... :-))))))))
cacos 2 anni fa su tio
@lo spiaggiato piuttosto Scherre ......
ste3990 2 anni fa su tio
Borradori non farti scappare l'occasione! Ci saranno sicuramente più di 3000 persone, dal Ticino, Lombardia e dal resto della Svizzera!! Sarà una festa di colori e di amore. Indotto importante per tutta l'economia.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-25 03:43:10 | 91.208.130.86