Keystone
UE / SVIZZERA
26.05.2021 - 17:120

L'Ue si rammarica: «I bilaterali invecchiano»

Bruxelles non ha preso benissimo la decisione unilaterale di terminare i negoziati presa dal Consiglio federale.

La Commissione: «L'Accordo quadro era concepito per assicurare che chiunque operi nel mercato unico affronti le medesime condizioni. È una questione di equità e di certezza giuridica».

BRUXELLES - «Ci rammarichiamo della decisione del governo svizzero visti i progressi compiuti negli ultimi anni per trasformare in realtà l'accordo quadro istituzionale»: lo scrive la Commissione europea in una nota dopo la decisione comunicata dalla Svizzera di terminare unilateralmente i negoziati.

L'accordo, sottolinea la Commissione, era concepito come «il fondamento» per migliorare e sviluppare le relazioni Ue-Svizzera nel futuro: il suo scopo principale era «assicurare che chiunque operi nel mercato unico, cui la Svizzera ha accesso in misura significativa, affronti le medesime condizioni. È una questione di equità e di certezza giuridica».

«Avere accesso privilegiato al mercato unico significa rispettare le stesse regole e i medesimi obblighi», ricorda Bruxelles, spiegando che per questo, nel 2019, l'Ue ha insistito per rendere l'accordo quadro istituzionale «essenziale per la conclusione di possibili accordi futuri sull'ulteriore partecipazione della Svizzera al mercato unico». Questo accordo «avrebbe consentito un consolidamento dell'approccio bilaterale e garantito la sua sostenibilità e ulteriore sviluppo».

Ora, precisa la Commissione, «senza questo accordo, questa modernizzazione delle nostre relazioni non sarà possibile e i nostri accordi bilaterali invecchieranno inevitabilmente. Sono passati 50 anni dall'entrata in vigore dell'Accordo di libero scambio, 20 anni dagli accordi bilaterali I e II. Già oggi non sono al passo con ciò che dovrebbero e potrebbero essere le relazioni Ue e Svizzera».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 6 mesi fa su tio
reazione vergognosa
Tato50 6 mesi fa su tio
Anche tu, babbiona ;-((((((
ugo202230 6 mesi fa su tio
E non solo loro cara Ursula😂😂😂😂😂
volabas56 6 mesi fa su tio
Bella notizia, finalmente hanno mostrato quello che il popolo si attendeva, ora avanti senza paura di eventuali ritorsioni, perchè sicuramente dai ricattatori della fallimentare UE ci si puo' aspettare di tutto.
seo56 6 mesi fa su tio
Chi se ne frega se l’Europa si rammarica... personalmente sono contento 👍🏼👍🏼👍🏼👍🏼
dimdi 6 mesi fa su tio
@seo56 Una scelta saggia, oggi, da parte della Svizzera. E' importante per questo paese mantenere la propria autonomia decisionale. Un fianco a fianco con la UE, come praticato finora, ê l'unica via percoribbile per la confederazione elvetica.
Mat78 6 mesi fa su tio
Sono proprio certe relazioni che "potrebbero essere" che ci hanno indotto a non firmare, cara Ursula. Stavolta avete ricattato il paese sbagliato...cambiate strategia se volete che i cittadini europei non vi voltino le spalle prima o poi...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-04 22:02:28 | 91.208.130.87