Keystone
BERNA
03.11.2020 - 18:160

Glifosato: la commissione del Nazionale dice "no" al divieto

La maggioranza ritiene che il glifosato sia innocuo in termini di tossicità.

BERNA - Non è necessario vietare l'uso del glifosato né programmare il suo abbandono. Ne è convinta la maggioranza della Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale (CET-N), che con 14 voti contro 9 non ha dato seguito alle iniziative in questo senso dei Cantoni di Ginevra e Giura.

La maggioranza, indica una nota dei Servizi del Parlamento, ritiene che il glifosato sia innocuo in termini di tossicità e che dal punto di vista sanitario non sia quindi necessario adottare misure. Inoltre, l'impiego del glifosato in Svizzera è soggetto a condizioni restrittive: a differenza di altri Paesi, può essere utilizzato solo su piante non destinate a essere raccolte, precisa la commissione.

Tuttavia, la CET-N ha approvato all'unanimità una mozione della Commissione omologa degli Stati che chiede al Consiglio federale di mettere a disposizione risorse supplementari per la ricerca e la selezione di specie più resistenti quale alternativa all'impiego di prodotti fitosanitari.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
kenobi 3 sett fa su tio
certo pagati da multinazionali o in consiglio di amministrazione i nostri politici. io non ho avuto praticamente nessun danno alle mele cliege e pere da quando solo un anno fa hanno tolto la vigna in un terreno adiacente al mio e che impestava pesantemente di pesticidi e diserbanti, nuvoloni per arrivavano perfino ai vetri delle mie finestre. per fortuna è finita e il cambiamento in un solo anno è evidentissimo
lollo68 3 sett fa su tio
Se mettessimo delle etichette sui prodotti con la scritta "è stato usato il glifosato per produrlo" sono sicura che poche persone li comprerebbero!
pillola rossa 3 sett fa su tio
Invece di sbraitare al virus e alla condizione patologicamente acuta sarebbe meglio prevenire gli stati cronici. Se molte persone ora sono a rischio per quanto concerne il virus, lo dobbiamo al nostro stile di vita, supportato da regole statali antisalutiste.
joe69 3 sett fa su tio
Che vergogna... Via i lobbisti da Palazzo federale... rausss. Basta proteggere gli Interessi di pochi a scapito di tanti... In laboratorio il glifosato provoca danni genetici e stress ossidativo, ma negli studi nell'uomo la cancerogenicità non è stata ancora dimostrata con assoluta certezza, tanto che lo IARC lo considera tra i "probabili cancerogeni". Ma nel forte dubbio... dobbiamo aspettare più malati o morti. ..?? Come è stato fatto con il tabacco?? , lo zucchero?? ecc... facciamoli arricchire ancora un pochetto... se poi si ammala la popolazione chissene.. oltre a perdere la salute... aggiungiamoci i costi miliardari di cura spalmati su tutta la popolazione ... A questo punto forse è veramente meglio boicottare l'agricoltura tradizionale svizzera e indirizzarsi su quella estera o bio di casa nostra...
Mirketto 3 sett fa su tio
@joe69 Purtroppo morti per colpa del Glifosato ci sono già state in America, Italia e in molti paesi del mondo. Purtroppo come dici tu, fin quando l'economia farâ parte della politica non ne usciremo mai.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-29 21:28:43 | 91.208.130.89