Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ASCONA/ZURIGO
7 ore
Il pluri-omicida è stato "coperto" dalle autorità?
Gunther Tschanun ha vissuto in incognito in Ticino per 15 anni. Ma a Zurigo qualcuno lo ha aiutato
SVIZZERA / FRANCIA
8 ore
«Tenevano la bimba, urlava. Pensavo a un rapimento»
La piccola Mia è stata ritrovata in una ex fabbrica, ora occupata.
SVIZZERA / FRANCIA
16 ore
Ritrovata in Svizzera la piccola Mia, arrestata la madre
È stata la donna a ordinarne il rapimento.
BERNA
17 ore
Coppia trovata morta, presentano lesioni da arma da fuoco
Stando ai primi elementi dell'inchiesta può essere escluso qualunque intervento esterno.
VALLESE
17 ore
Scontro a Lens, morto un centauro portoghese
Il motociclista è stato sbalzato per 12 metri lungo una scarpata.
VAUD
17 ore
Rapita e ritrovata in una casa occupata
La bambina era stata "prelevata" da tre uomini in Francia, e portata dalla madre
SVIZZERA
17 ore
Entro luglio grandi eventi all'aperto con 1'000 partecipanti?
Per arrivare a 5'000 entro settembre, la proposta in una bozza dell'Ufsp che dovrà ancora essere valutata
APPENZELLO ESTERNO
18 ore
Auto nel dirupo: muore una 18enne
L'incidente questa notte tra Trogen e Wald, in coincidenza di una curva pericolosa
BERNA
19 ore
«Con le riaperture ci sarà un rischio elevato»
Critico il capo della task force, Martin Ackermann, sugli allentamenti di domani
SAN GALLO
19 ore
Furto con scasso in moschea
I ladri si sono impossessati di alcune centinaia di franchi presenti della cassetta delle elemosine
ZURIGO
20 ore
Nel canton Zurigo: «Tutti vaccinati entro agosto»
Lo sostiene la consigliera Natalie Rickli che frena i piani di Berset per luglio: «Ancora troppe incertezze»
SVIZZERA
20 ore
È morto Peter Schellenberg
Fu una figura chiave della televisione svizzera in lingua tedesca SRF
SVIZZERA
20 ore
Accordo quadro, Parmelin: «Non andrò a Bruxelles a fare il Boris Johnson»
Il presidente della Confederazione intervistato dai domenicali: «Non vogliamo uscirne, vogliamo svilupparlo»
SVIZZERA
22 ore
Passaporto vaccinale: uno svizzero su due è favorevole
Il 48 per cento non è contrario a un trattamento preferenziale per chi ha un attestato di immunità
GRIGIONI
1 gior
Festa di 300 persone in una scuola grigionese, al via l'inchiesta
L'istituto aveva dato il suo permesso, ma intimando di tenere mascherina e distanze sociali.
FOTO
BASILEA CITTÀ
1 gior
Manifestazione “alternativa” contro Bayer e Syngenta
Una "caccia al tesoro" per «cacciare simbolicamente la multinazionale da Basilea»
SVIZZERA
1 gior
Il comeback della pubblicità cartacea a causa della pandemia
Con l'obbligo di telelavoro si passa più tempo davanti allo schermo. E allora si apprezza maggiormente la carta
SVIZZERA
1 gior
Berna ammette un «fastidioso ritardo» nell'ultima fornitura di vaccini
Solo 70'000 dosi di Moderna, sulle 350'000 promesse per questa settimana, sono già arrivate nel nostro Paese.
SVIZZERA
1 gior
Vertice Putin-Biden, anche la Svizzera sarebbe in lizza
Non si sa ancora quando si terrà ma è già un evento storico, Berna non si sbottona ma...
FOTO
SCIAFFUSA
1 gior
No mask in piazza a Sciaffusa
Quasi mille persone si sono riunite per manifestare contro le misure anti-Covid
BERNA
1 gior
Incendio in casa: mamma e cinque bimbi in ospedale
Intervento dei pompieri ieri sra a Pieterlen
SVIZZERA
1 gior
Vaccini e ritardi, la crisi «va gestita da qualcun altro»
Il canton Berna lancia un'esortazione pubblica alla Confederazione. E chiede di esautorare l'Ufsp
BERNA
1 gior
I dati del Comune spariscono nel cloud
Un buco informatico di quattro mesi a Landiswil
SVIZZERA
1 gior
Le FFS tagliano sulle pulizie
Salteranno tra 130 e 150 impieghi, ma ne verranno creati altri, soprattutto nelle grandi stazioni
SVIZZERA
09.06.2020 - 10:320
Aggiornamento : 14:15

Primo "sì" alla nuova legge sul CO2

Tutti i partiti hanno votato a favore, tranne l'UDC.

BERNA - La Svizzera deve impegnarsi in modo più incisivo per lottare contro il cambiamento climatico. Ne è convinto il Consiglio nazionale che ha iniziato oggi le discussioni sulla nuova legge sul CO2. Lo scopo è di raggiungere gli obiettivi stabiliti nell'Accordo di Parigi sul clima, ossia di ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 50% entro il 2030 (rispetto al 2006). Le discussioni continueranno domani.

Il riscaldamento ambientale è uno dei problemi più gravi per l'umanità, ha spiegato durante il dibattito d'entrata in materia (poi approvata con con 140 voti contro 51 e 4 astenuti) il relatore commissionale Roger Nordmann (PS/VD). I rapidi cambiamenti del clima modificheranno profondamente anche la Svizzera: si può pensare ad esempio all'agricoltura, al turismo alpino, ai boschi e alle ondate di canicola in città, ha sostenuto il vodese.

Vero, ha risposto l'UDC, ma una politica climatica degna di questo nome può dare frutti solo se tutti i Paesi, in particolare i maggiori inquinatori, partecipano alla lotta. Orbene, gli Stati Uniti con i suoi 5 miliardi di tonnellate di CO2 hanno annunciato il loro ritiro dagli Accordi di Parigi, ha affermato Pierre-André Page (UDC/FR).

Insomma, la Svizzera non può influenzare da sola il clima globale, può al massimo contribuire al suo miglioramento e lo sta già facendo, ha sostenuto il friburghese. Per quanto riguarda la politica climatica, va notato che la proposta in discussione pone più l'accento sul rincaro del consumo di energia piuttosto che sull'efficacia della lotta al riscaldamento climatico, ha aggiunto Page invitando il plenum a bocciare l'entrata in materia.

"Non si può rinunciare al nostro contributo alla soluzione del problema, nell'attesa e anche nella speranza che altri Paesi, soprattutto quelli più grandi e più rilevanti dal punto di vista climatico, risolvano il problema per noi", ha replicato Nicolo Paganini (PPD/SG). Un simile atteggiamento è inaccettabile per la Svizzera in quanto Stato altamente sviluppato con una grande impronta ecologica pro capite, ha sostenuto il sangallese.

"È nostro dovere e nostra responsabilità salvaguardare le risorse naturali per le generazioni future, lo status quo non è un'opzione", ha affermato Jacques Bourgeois (PLR/FR). Per il liberale-radicale bisogna puntare innanzitutto sulla responsabilità individuale. In secondo luogo sulle misure basate sul principio "chi inquina paga", con una ridistribuzione alla popolazione e alle imprese della maggior parte delle imposte riscosse.

La Svizzera avrà tutto da guadagnare a uscire dalla dipendenza del petrolio, rafforzandosi non da ultimo da un punto di vista dell'indipendenza energetica, ha aggiunto Beat Jans (PS/BS). "Chi vive in una casa ben isolata ha minori costi accessori, chi guida un'auto elettrica risparmia carburante e manutenzione", ha precisato, riconoscendo che ci sarà comunque un certo costo iniziale. "I 5-13 miliardi di franchi che ogni anno trasferiamo all'estero per l'acquisto di petrolio potrebbero essere molto utili qui in Svizzera", ha sostenuto il basilese.

Per i Verdi la revisione legislativa in discussione è tuttavia insufficiente: "non basterà per la nostra terra e il nostro clima ma è un inizio, una base necessaria per poter sperare in un futuro che valga veramente la pena di essere vissuto", ha detto, in italiano, Aline Trede (Verdi/BE). Le proposte provenienti dal gruppo ecologista di rendere il progetto ancora più ambizioso sono però state respinte.

Bocciate anche gli emendamenti dell'UDC, che avrebbe invece voluto rendere la legge meno incisiva. I democentristi chiedevano ad esempio di ridurre solo l'aumento delle emissioni di CO2 prodotte dall'uomo. Approvata invece la proposta verde-liberale che chiede di portare dal 60 al 75% la percentuale di emissioni che va compensata in Svizzera.

In base agli Accordi di Parigi, entro il 2050 le emissioni nette di di CO2 dovranno essere pari a zero, non solo in Svizzera, ma a livello globale, ha spiegato Martin Bäumle (PVL/ZH) nel giustificare l'emendamento. Ciò significa che tutti i Paesi dovranno adottare misure. In questo senso, le compensazioni all'estero non sono necessariamente efficaci a lungo termine, ha aggiunto.

Tale misura ha anche il vantaggio di favorire la ricerca e l'innovazione in Svizzera, ha precisato Bäumle. "È sicuramente una proposta interessante, ma occorre fissare obiettivi realistici e il modo migliore per farlo è approvare le proposte della maggioranza della commissione", ha replicato, invano, la consigliera federale Simonetta Sommaruga.

Il Nazionale si è anche occupato delle emissioni di gas effetto serra degli edifici, che andranno drasticamente ridotte. Dal 2023, non dovranno superare il valore limite di 20 kg di CO2 per metro quadrato in caso di sostituzione di un impianto di riscaldamento. Tale valore sarà ridotto ogni 5 anni di 5 chilogrammi. A differenza degli Stati, la Camera del popolo ha voluto concedere un periodo transitorio di tre anni ai Cantoni che hanno attuato le disposizioni del cosiddetto Modello di prescrizioni energetiche del 2014.

Con il 22% del totale, gli edifici sono al secondo posto nella classifica dei maggiori produttori di emissioni di gas serra, ha sottolineato Simonetta Sommaruga spiegando la necessità di intervenire. Quasi i due terzi di tutti gli edifici sono inoltre ancora riscaldati con combustibili fossili.

Il dibattito è poi stato interrotto alle 13.00. Riprenderà domani, quando il Nazionale si esprimerà sull'aumento del prezzo della benzina e dei combustibili, sulla tassa sui biglietti aerei (tra 30 e 120 franchi) e sul Fondo per il clima. Quest'ultimo, che dovrà anche finanziare misure di riduzioni a lungo termine delle emissioni di CO2 degli immobili, dovrà in particolare tenere in considerazione le regioni periferiche di montagna.

Tutte queste misure dovrebbero essere approvate. L'unico partito che si è già detto contrario è l'UDC, gli altri dovrebbero invece verosimilmente esprimersi a favore. A tal proposito, Jacques Bourgeois ha sostenuto "come ogni settore economico debba dare il suo contributo".

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 10 mesi fa su tio
Tasse e sempre tasse... aumenti a chi va con i veicoli e aumenti con chi va con i mezzi pubblici
Thor61 10 mesi fa su tio
RED come mai i miei commenti vengono "Censurati"???
Tato50 10 mesi fa su tio
@Thor61 Perché non sei socialista;o))))) Ahahaha !!@
Tato50 10 mesi fa su tio
Finalmente l'UDC vincerà una votazione, visto che arriverà il referendum-;))
roma 10 mesi fa su tio
@Tato50 ...e si. Penso che in questo caso li sosterrò pure io.
Tato50 10 mesi fa su tio
@roma La Svizzera ha la brutta abitudine di risolvere i problemi con il denaro. Chi paga le conseguenze è il cittadino medio, ma guai a toccare certi " mastodonti " che finanziano e sfruttano certe Società, in particolare quelle che sono fuori dai nostri confini. Non vorrai mica che chi fa parte dei Consigli d'Amministrazione ci perdano-;((( Votate "cücümar" e i voltagabbana ed eccovi serviti !!!
Thor61 10 mesi fa su tio
@Tato50 Ciao Tato50, come non darti ragione!!! Saluti ;o))))
Thor61 10 mesi fa su tio
@Tato50 Tato50, proprio stamattina ho visto un filmato di un esperto di automotive che spiegava la sua opinione in merito alla elettrificazione delle auto voluto dall'imperatore cin cin, molto interessante e convincente. Spero che sia uscito dall'hotel bellinzonese e Saluti ;o))))
Thor61 10 mesi fa su tio
@Tato50 Se ti interessase. https://www.youtube.com/watch?v=kBxN3ilfzLo&feature=emb_rel_end
Thor61 10 mesi fa su tio
@Tato50 Se ti interessasse copia e incolla ;o))) youtube.com/watch?v=kBxN3ilfzLo&feature=emb_rel_end
Tato50 10 mesi fa su tio
@Thor61 Noi pagheremo la benzina 12 cts al litro in più. Milioni di auto transiteranno sul nostro territorio per 40 franchi e non si fermeranno nemmeno per andare alla toilette. Noi paghiamo gli altri inquinano. Certo che a Berna li abbiamo i fuchi . Saluti ;o))))
sedelin 10 mesi fa su tio
l'udc é il vero virus :-)
Tato50 10 mesi fa su tio
@sedelin E i PLR quelli di facili costumi-;(
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-19 05:58:59 | 91.208.130.87