Ti Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
25 min
I bambini raccolgono fondi per il club, ma è un bluff
Sostenevano che i soldi sarebbero andati all'FC Köniz, ma la società era all'oscuro di tutto
SVIZZERA
1 ora
Nessuna imposta sul tabacco per i fiori di canapa
Il Tribunale federale ha smentito quello amministrativo: la cannabis a basso tenore di THC non sarà tassata come il tabacco
SVIZZERA
2 ore
Opacità finanziaria, la Svizzera al terzo posto
Nonostante i progressi fatti, la piazza finanziaria elvetica continua a essere una delle meno trasparenti al mondo
SVIZZERA
3 ore
Italiani uniti per non ripetere "l'errore del 2014"
Diverse organizzazioni si sono aggregate per contrastare l'Iniziativa per la limitazione dell'UDC, in votazione il 17 maggio
BERNA
3 ore
«Ha sbattuto la testa facendo delle capriole»
Durante una conferenza stampa, i gestori della "Trampolinhalle" di Belp hanno spiegato la dinamica dell'incidente che ha portato alla morte una 13enne
VIDEO
BASILEA CITTÀ
5 ore
Si trasferisce e svuota il suo appartamento sul marciapiede
Una 35enne ha trovato un sistema "originale" per liberarsi d'immondizia e vecchi mobili. Ma ora dovrà pagare una multa salata
ARGOVIA
5 ore
Tragedia aerea di Muhen: «Pilota morto per un guasto al motore»
Il rapporto finale della SISI scagiona completamente il 70enne che nel settembre del 2015 si schiantò su un'auto
SVIZZERA
5 ore
Fusione Bombardier-Alstom, Stadler Rail e FFS sul chi vive
«È ancora troppo presto per commentare la notizia» dichiarano dalla sede del costruttore turgoviese
SVIZZERA
5 ore
Le plastiche oxo-degradabili «vanno bandite»
La Commissione ambientale degli Stati precisa che questo materiale libera micro-plastiche nell'ambiente decomponendosi
SVIZZERA
6 ore
«Le nuove auto non rispettano i limiti di CO2»
Secondo un rapporto del DATEC i valori delle emissioni dei veicoli importati sono addirittura aumentati nel 2017 e nel 2018
VALLESE
6 ore
Un lustro per smantellare la raffineria di Collombey-Muraz
I lavori di bonifica e risanamento dei terreni costeranno circa quattro milioni di franchi a Tamoil
GINEVRA
7 ore
Il coronavirus blocca le invenzioni: «Metà degli espositori provengono dalla Cina»
L'epidemia ha obbligato gli organizzatori del Salone internazionale di Ginevra a posticipare l'evento a settembre
SVIZZERA
8 ore
Panne di Swisscom, anche la politica vuole vederci chiaro
La Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale chiederà ragguagli
FOTO
ZURIGO
8 ore
Dalla spedizione merci spuntano 83 kg di marijuana
La sostanza, all'interno di 79 confezioni sottovuoto, proveniva da Johannesburg ed era diretta a Vienna
SVIZZERA
8 ore
Niente canone per le piccole imprese
Lo chiede un'iniziativa parlamentare di Fabio Regazzi approvata dalla Commissione del Consiglio nazionale.
SVIZZERA
8 ore
Coop: 531 milioni di franchi di utili anche grazie a bio e acquisti online
Il gruppo è tornato ad aumentare la redditività. Nel commercio al dettaglio ricavi a +1,4%
NEUCHÂTEL
9 ore
Coronavirus, la quarantena per il bambino finisce domani
Il ragazzino non ha sviluppato sintomi. Era entrato in contatto con una persona malata lo scorso 5 febbraio durante un corso di sci in Alta Savoia
VALLESE
9 ore
Il principe danese si è ferito sulle piste
Rimpatriato con un volo a Copenhagen, è stato operato e sta bene
SVIZZERA
9 ore
Rivella punta «sempre di più sulle bevande leggere»
Ricavi a 140 milioni e fatturato in leggero aumento nel 2019 per il produttore di bevande
BERNA
30.05.2017 - 13:400

«Alla Svizzera servono nuovi aerei da combattimento»

È la conclusione a cui sono giunti due gruppi di lavoro per la valutazione e l’acquisto di nuovi aerei da combattimento

BERNA - La Svizzera necessita di nuovi aerei da combattimento e di un nuovo sistema di difesa terra-aria per sorvegliare, proteggere e difendere il proprio spazio aereo. A questa conclusione sono giunti due gruppi istituiti dal capo del DDPS per la valutazione e l’acquisto di nuovi aerei da combattimento: il gruppo di esperti nel suo rapporto esamina a fondo la questione della protezione dello spazio aereo e illustra anche il ruolo della difesa terra-aria che questa è tenuta a svolgere in maniera congiunta con gli aerei da combattimento. Il gruppo di accompagnamento formula complessivamente 16 raccomandazioni all’attenzione del capo del DDPS.

Negli anni 2020 i mezzi per la difesa aerea dell'Esercito svizzero (aerei da combattimento, difesa contraerea) giungeranno al termine della loro durata d'utilizzazione. Per affrontare in maniera globale i diversi rinnovi previsti, nella primavera del 2016 il capo del DDPS ha incaricato un gruppo di esperti interni al DDPS di elaborare le basi necessarie al riguardo. Il rapporto di questo gruppo, ora disponibile, costituisce un rapporto di base fondato sui pareri di esperti grazie al quale il capo del DDPS potrà definire la posizione del DDPS. Non si tratta della posizione ufficiale del DDPS in merito alla questione dell'acquisto di nuovi aerei da combattimento.

Il rapporto analizza in una prima parte le tendenze attuali nella guerra aerea e nello sviluppo di mezzi moderni di difesa aerea e illustra in una seconda parte i compiti delle Forze aeree svizzere. Evidenzia che per una protezione dello spazio aereo di lunga durata in periodi di tensione e per un'elevata prestazione iniziale in un conflitto armato è necessario un numero sufficiente di mezzi di difesa aerea (aerei da combattimento e mezzi di difesa terra-aria).

Sulla base del livello prestazionale delle Forze aeree da perseguire a partire dal 2025, come ha stabilito il Consiglio federale nel suo concetto per la sicurezza a lungo termine nello spazio aereo (rapporto in adempimento del postulato Gallardé 12.4130) del 27 agosto 2014, vengono illustrate, sulla scorta di quattro opzioni, le possibilità di sviluppare ulteriormente i sistemi per proteggere lo spazio aereo nelle diverse forme e con i diversi vantaggi e svantaggi.

Sono illustrate opzioni che contemplano l'acquisto di 30, 40, 55 o più aerei nonché un'opzione in cui, oltre all'acquisto di 20 nuovi aerei da combattimento, è previsto il mantenimento in servizio dell'attuale flotta di F/A-18 (30 aerei) sino alla sua sostituzione negli anni 2030.

Il gruppo di esperti giunge alla conclusione che il rinnovo dei mezzi di difesa aerea attualmente disponibili va affrontato con urgenza. A tal proposito prossimamente inizierà la valutazione di un nuovo aereo da combattimento con l'obiettivo di scegliere il modello nel 2020 e di chiedere il credito d'impegno con il messaggio sull'esercito 2022. La procedura relativa alla valutazione è illustrata in maniera dettagliata nel rapporto come pure la possibile partecipazione dell'industria durante l'acquisto e nel successivo esercizio.

Il rapporto esamina a fondo la questione della protezione dello spazio aereo e illustra anche il ruolo della difesa terra-aria, che questa è tenuta a svolgere in maniera congiunta con gli aerei da combattimento. In tutte e quattro le opzioni è previsto un sistema di difesa terra-aria a lunga gittata con cui sarebbe possibile coprire, a seconda del numero di aerei da combattimento, una superficie grande quanto l'Altopiano o la Svizzera intera. Dopo la sospensione del progetto «Difesa terra-aria 2020» nel marzo del 2016, la relativa valutazione a livello concettuale sarà redatta ex novo e ripresa il più rapidamente possibile sulla base dei parametri fondamentali descritti nel rapporto. L'obiettivo consiste nel chiedere il credito necessario all'acquisto al più tardi con un messaggio sull'esercito agli inizi degli anni 2020.

Commenti
 
Liola 2 anni fa su tio
Quella dei capi di governo era una battura per non farmi coinvolgere dai desideri di Maurer...peccato che sono stata fraintesa...
Esse 2 anni fa su tio
Ma se arrivano quelli nuovi perché gli articoli hanno le foto di quelli vecchi?
Liola 2 anni fa su tio
scusa Mat78, probabilmente fai parte della generazione che crede ancora a Gesu' bambino!!! difatti da che sono venuta al mondo IN SVIZZERA, mio padre e mio nonno tutti gli anni dovevano prestare il servizio militare ...ora anche questo è diventato una specie di vacanza per spendere i soldi dei contribuenti... e poi scordavo gli F18 non sono più all'altezza dei nostri capi governo che li utilizzano per spostarsi!!! ma che c...dici??? spendiamo migliardi per che cosa??? altri soldi buttati al vento, almeno per la nostra nazione...agli altri che ci pensino loro, non sono affari della Svizzera.... E rifletti prima di dare risposte inadeguate...mica siamo tutti militaristi.... per fortuna qui da NOI c'è ancora liberta' di pensiero e di parola.
beta 2 anni fa su tio
@Liola .....e poi scordavo gli F18 non sono più all'altezza dei nostri capi governo che li utilizzano per spostarsi!!!..... HA; HA; HA; questa é veramente bella ! E dimmi un po, tu che sei così erudita , i passeggeri li portano sulle ali ? Mah ; vai a mungere il lupo !
Mat78 2 anni fa su tio
@Liola A Geu bambino credi forse tu e tutti quelli che predicano il pacifismo ottuso come te. ll mondo si sta (ri)armando, le tensioni tra stati continuano ad aumentare, ci sono flussi migratori fuori controolo, il terrorismo, ecc. e voi predicate di smantellare ogni difesa del paese? Oltre che ottusi siete pure irresponsabili. Poi cosa ne sai TU dei corsi di ripetizione, ne hai mai fatto uno? Io ne ho fatti un bel po' visto che sono un ex quadro. Un FA-18 è un caccia-bombardiere. Esiste nella versione monoposto e biposto. I nostri politici non usano i caccia per spostarsi. Non sai nemmeno di ciò che parli. Ti do un consiglio: torna a fare la calzetta va... Se qualcuno da aria alla bocca scrivendo cose inadeguata quella sei proprio tu...
Mat78 2 anni fa su tio
L'esercito c'è ed il popolo lo vuole. Un esercito efficiente ha bisogno di un'aviazione. La protezione delle spazio aereo è una dell ultime cose per cui serve davvero l'esercito. Leggo tanti commenti capti in aria, come se la confederazione non spendesse già eccessivamente in altri campi. Ormai gli FA18 sono arrivati alla frutta, vanno sostituiti. Probabilmente, causa idealisti esaltati per un Svizzera senza Esercito ma per 2 milioni in più di mangia pane a ufo da mantenere , la spesa verrà inserita nel budget dell'esercito, quindi non referendabile... Fatevene una ragione ed evitate travasi di bile, gli aerei da caccia questa volta verranno acquistati. Punto.
Benji78 2 anni fa su tio
Ancora con questi aerei?! 30, 40 o 55 aerei? Ma se non abbiamo nemmeno i piloti. E se li abbiamo lavorano solo in orario d'ufficio. Se qualche grande potenza per qualche strano e inspiegabile motivo decidesse di attaccarci ci distruggerebbe in due giorni, aerei o non aerei. In caso di bisogno potremmo sempre dare 1 miliardo di franchi a Francia o Germania o Italia per difenderci. Accetterebbero molto volentieri e sarebbero sempre meno dei 5 miliardi necessari a comperare 30-40 aerei nuovi. Spendiamo i soldi in qualcosa di più intelligente. Nel sociale, nelle scuole e negli asili, in progetti per il raggiungimento dell'indipendenza energetica, nelle case per anziani, nella ricerca, negli ospedali ecc. ecc. ecc.
Mat78 2 anni fa su tio
@Benji78 I piloti da caccia si formano in base agli aerei che hai a disposizione, non il contrario. Comunque con l'altra scelta idealista per la "geniale" strategia energetica 2050 vedrai che di soldi non ce ne saranno più a disposizione per nessuno, a furia di sovvenzionare a destra e manca. Sembra di essere in unione sovietica ultimamente...
Liola 2 anni fa su tio
Giusto, aerei che appena üpartiti oltrepassano le nostre vicine frontiere??? Se uno dei "buoni" ha l'idea geniale di usare l'atomica ...non serviranno a nulla in pochi secondi nè rifugi atomici , nè San Gottardo, nè missili..... Non facciamo ridere per favore...Lasciamo certe idee a Nazioni un po'più grandi di noi... E quei soldi, invece di distribuirli per una guerra già persa in partenza, usiamoli per far del bene ai nostri!!!!
Mat78 2 anni fa su tio
@Liola Non ti rendi conte nemmeno di quello che dici...nessuno pensa di comperare dei caccia per fare la guerra a qualcuno. Quanta ignoranza...povera Svizzera come sei messa male...
sedelin 2 anni fa su tio
alla svizzera servono i soldi destinati agli INUTILI aerei da combattimento (per combattere chi? che cosa?) per sostenere tutti i nuovi poveri che il paese ha creato.
MIM 2 anni fa su tio
@sedelin Referendiamo tutti i miliardi dati all'estero così come volete referendare le spese militari?
Mat78 2 anni fa su tio
@sedelin Quali poveri avrebbe creato il paese? Ti riferisci a tutti i migranti che vengono qui a farsi mantenere? Ah...ma quelli li vogliono i rossi, perché poi li naturalizzano per farli votare per loro, così poi proporranno altre idee geniali tipo "spendiamoli nel sociale", invece che eliminarli, i problemi sociali...
beta 2 anni fa su tio
@MIM ... i miliardi sperperati all'estero NON LI HA MAI VOTATI NESSUNO !
tip75 2 anni fa su tio
al mondo serve la pace
MIM 2 anni fa su tio
@tip75 Il nostro è un esercito di difesa, non di attacco. Lo è sempre stato
Mat78 2 anni fa su tio
@tip75 Già, se ti sparano tu lanciagli una ghirlanda di fiori, vedrai che si risolve tutto...
falcodellarupe 2 anni fa su tio
Sono già 2 ore che è stato postato l'articolo e non vedo ancora alcun commento....mah!!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-18 20:29:01 | 91.208.130.86