Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BASILEA CITTA'
2 ore
«L'obbligo di test avrebbe conseguenze devastanti per le regioni di confine»
I principali partiti svizzeri hanno chiesto al Consiglio federale regole in entrata più severe.
SVIZZERA
4 ore
Smarties nella carta? A Greenpeace non bastano
L'abbandono della plastica mira a ridurre l'impatto ambientale. Per gli ambientalisti, però, non risolve il problema.
SVIZZERA
8 ore
Il Badrutt's Palace chiude (non si sa per quanto)
Il famoso hotel accusa il calo di visitatori e un focolaio di Covid. A casa 440 dipendenti
ARGOVIA
8 ore
Macabra scoperta sulle rive della Limmat
A Würenlos è stato rinvenuto un cadavere, al momento senza identità.
ZURIGO
9 ore
Casi di rigore: il settore dei viaggi critica i Cantoni
Secondo la "task force viaggi" i sostegni sono mancati alle agenzie che «hanno lasciato tutta la liquidità nell'azienda»
ITALIA / SVIZZERA
9 ore
Un ex manager di UBS per Unicredit?
Il nome di Andrea Orcel ha fatto salire le quotazioni del titolo alla borsa di Milano
SVIZZERA
9 ore
Diciannove richiedenti l'asilo positivi
Il centro per gli asilanti in attesa del rimpatrio di Aarwangen è stato messo in quarantena
SVIZZERA
10 ore
Col telelavoro, la mobilità è crollata
La costante diminuzione degli spostamenti è stata registrata a partire dallo scorso ottobre
BERNA
11 ore
I Cantoni sostengono i test gratuiti per gli asintomatici
GINEVRA 
11 ore
Oms: finita la quarantena gli esperti inizieranno i lavori a Wuhan
«Tra poco cambieremo scenario... se tutto va bene», ha scritto su Twitter una scienziata della squadra.
SVIZZERA
11 ore
I Cantoni nord-occidentali dicono no a nuove misure alle frontiere
Controlli più rigorosi paralizzerebbero il traffico frontaliero, sottolinea la Conferenza dei governi cantonali.
SVIZZERA
12 ore
Picnic su treni e bus, si valutano regole (e multe)
L'UFSP è in contatto con FFS e AutoPostale per trovare soluzioni a una questione che suscita malumori.
FOTO
TURGOVIA
12 ore
Il ghiaccio ha giocato un brutto scherzo a diversi turgoviesi
Sono stati diversi gli incidenti verificatisi questa mattina nel cantone della Svizzera orientale.
SVIZZERA
02.12.2020 - 12:220

5G: Swisscom preme per accelerare i tempi

Il responsabile finanze: «Siamo fiduciosi che nel primo trimestre del 2021 il Datec darà istruzioni ai Cantoni».

BERNA - I vertici di Swisscom premono per accelerare i tempi del 5G, attualmente rallentati dalle resistenze emerse in diverse regioni. L'auspicio è quello di un rapido intervento della Confederazione.

Il 2020 non è stato un anno sprecato per l'espansione della telefonia mobile di nuova tecnologia, ma il settore non ha fatto i progressi previsti, afferma il responsabile delle finanze di Swisscom, Mario Rossi, in un'intervista all'agenzia finanziaria Awp. All'estero, fa notare, il 5G è promosso dai governi: «Invece nel nostro Paese alcuni cantoni stanno imponendo moratorie illegali o hanno inasprito unilateralmente le regole. Le richieste di costruzione non vengono trattate o ritardate. Questo ostacola l'intero comparto», si lamenta il manager, secondo cui spetta alla Confederazione dare ai Cantoni direttive chiare.

Dopo l'incontro con la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, numero uno del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (Datec), si nota però movimento nel dossier. «Siamo fiduciosi che nel primo trimestre del 2021 il Datec darà istruzioni ai Cantoni su come gestire le domande di costruzione per le antenne: dopo di che il nostro settore potrà tornare a funzionare in modo ragionevole», dice Rossi.

Il problema non riguarda solo il 5G, ma l'espansione delle comunicazioni mobili in generale: «Nelle aree urbane, le nostre antenne sono già utilizzate al 90-95% della loro capacità; senza una rapida estensione potremmo presto trovarci di fronte a problemi nella trasmissione dei dati», sostiene il 60enne.

Finora Swisscom non ha intentato alcuna azione legale contro i cantoni e i comuni che hanno deciso una moratoria 5G. «Tuttavia, sono pendenti ricorsi per quanto riguarda i singoli siti di antenne», osserva il dirigente con diploma di revisore. «Ora speriamo di poterci muovere nel primo trimestre del 2021. Non ha senso che le aziende di telecomunicazione intraprendano azioni legali contro le moratorie imposte dai cantoni: bisogna trovare altre soluzioni».

Un altro problema è posto a Swisscom dall'intenzione, espressa dal Consiglio nazionale, di aumentare la velocità minima di accesso a internet dagli attuali 10 a 80 megabit al secondo, nell'ambito del mandato di servizio universale. L'impresa sostiene che dovrebbe investire 2 miliardi di franchi in 400'000 collegamenti non redditizi e situati in luoghi poco richiesti.

«Il fatto è che abbiamo un servizio universale a 10 Mbit/s, che è di gran lunga la velocità minima più alta d'Europa», osserva il manager in forza a Swisscom dal 1998. A suo avviso il servizio universale non è l'ambito giusto per promuovere la politica regionale. «Bisogna trovare altre modalità», dice il direttore finanziario.

Se l'oggetto dovesse essere approvato anche dal Consiglio degli Stati l'impresa dovrebbe esaminare le modalità di attuazione: sarebbe impossibile rispettare i tempi previsti a causa delle limitate capacità di costruzione. Dovrebbero inoltre essere trovate anche nuove forme di finanziamento. «Il servizio di base è in deficit e Swisscom non ha mai preteso un franco per questo», spiega Rossi, che non ha voluto specificare a quanto ammonti il rosso in tal senso.

Riguardo alla panne tecniche che hanno interessato quest'anno la rete Swisscom - vi sono stati momenti in cui gli stessi servizi di emergenza come i pompieri o l'ambulanza non erano più raggiungibili - l'azienda è convinta di aver fatto passi avanti. «Siamo partiti male nel 2020, con cinque grossi guasti. Abbiamo esaminato la questione con molta attenzione. Queste panne non aveano nulla a che vedere l'una con l'altra».

«Abbiamo affrontato i problemi con le organizzazioni di soccorso in modo molto rapido e completo», prosegue il CFO dell'impresa quotata in borsa, ma a maggioranza pubblica (è controllata nella misura del 51% dalla Confederazione). «In poco tempo abbiamo avuto di nuovo reti molto stabili. Lo si è visto nel mese di marzo durante il semiconfinamento, quando abbiamo registrato il 70% di chiamate in più rispetto al mese precedente e anche i volumi di dati sono aumentati».

Il nuovo anno rappresenterà anche l'inizio di un nuovo capitolo per Rossi che, come comunicato un mese fa, lascerà l'impresa per concentrarsi su mandati nell'economia. Dal primo marzo sarà sostituito da Eugen Stermetz, dirigente attivo dal 2012 presso l'operatore di telecomunicazioni.

Swisscom è nata nel 1998 come società anonima di diritto speciale - in seguito all'entrata in vigore della Legge federale sull'organizzazione dell'azienda delle telecomunicazioni della Confederazione (LATC) - nell'ambito della riorganizzazione delle poste e dei telefoni. Lo stesso anno è entrata in borsa. Alla fine di settembre 2020 il gruppo - che comprende anche l'italiana Fastweb, acquistata nel 2007 - aveva in organico 19'000 impieghi a tempo pieno, di cui 16'100 in Svizzera.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 mese fa su tio
Bene, ogni tanto una bella notizia

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-27 02:28:14 | 91.208.130.87