Keystone
SVIZZERA
24.10.2019 - 06:150

Il fallimento di Thomas Cook costerà 6,5 milioni al nostro turismo?

Lo sostiene Svizzera Turismo che parla di 50'000 pernottamenti generati dalla compagnia britannica ma non ci sarebbe da preoccuparsi troppo

ZURIGO - La colossale bancarotta del tour operator britannico Thomas Cook potrebbe avere alcune ripercussioni economiche negative anche sul nostro settore turistico.

Ad avanzare l'ipotesi è Svizzera Turismo che ha calcolato come la compagnia britannica da noi genera circa 50'000 pernottamenti ogni anno. Se a questi aggiungiamo la spesa media di un turista che viaggia per la Confederazione (130 franchi al giorno) arriviamo a un totale di 6,5 milioni di franchi.

Non per questo, però, significa che gli addetti del settore debbano per forza di cose preoccuparsi: «Scompare sì un canale di vendita, ma non è detto che valga lo stesso per i visitatori», commenta a 20 Minuten il portavoce Markus Berger.

Secondo, lui, infatti il nostro Paese continuerà ad attirare turisti che però troveranno altre modalità per prenotare il loro soggiorno: o direttamente – magari via internet – o approfittando dei servizi di un altro tour operator.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 07:40:57 | 91.208.130.86