Keystone (archivio)
In caso di crisi, UBS e Credit Suisse potrebbero mantenere, senza interruzioni, le attività più importanti.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO / APPENZELLO ESTERNO
8 ore
Liquami nei torrenti, maxi moria di pesci
FRIBURGO / VAUD
8 ore
La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva
VAUD
9 ore
La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti
GRIGIONI
9 ore
Violento scontro, conducenti feriti e furgoni distrutti
BERNA
9 ore
L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico
SVIZZERA
10 ore
UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato
SVIZZERA / STATI UNITI
10 ore
In vigore la convenzione contro le doppie imposizioni
NEUCHÂTEL
10 ore
Trovato un cadavere vicino ad una scuola
SOLETTA
11 ore
La maggioranza degli svizzeri si fida delle centrali nucleari
BASILEA CITTÀ
11 ore
L’autista dello scuolabus picchia il bambino di 9 anni
ZURIGO
13 ore
Scritte contro Erdogan, la giustizia svizzera sconfessa la Turchia
SVIZZERA
13 ore
Siamo sempre più spaventati, xenofobi e un po’ omofobi
SOLETTA
13 ore
Bimba cade da cavallo e perde la vita
SVIZZERA
13 ore
«Tassare al 90% i capitali oltre i 2 miliardi»
SAN GALLO
14 ore
Poliziotto si spara alla gamba durante un'esercitazione
SVIZZERA
13.06.2019 - 07:520
Aggiornamento : 08:09

La capitalizzazione di UBS e Credit Suisse soddisfa la Banca Nazionale

I due maggiori istituti elvetici si avviano sempre più a raggiungere la soglia di capitale richiesto per le banche che rappresentano un rischio sistemico

BERNA - UBS e Credit Suisse si avvicinano sempre più a raggiungere la soglia di capitale richiesto per le banche che rappresentano un rischio sistemico ("too big to fail 2"). I due istituti bancari zurighesi hanno leggermente aumentato la loro capitalizzazione nel corso del 2018, indica oggi la Banca nazionale svizzera (BNS) all'interno del suo rapporto di stabilità finanziaria.

La resilienza delle prime due banche elvetiche è pressoché invariata rispetto allo scorso anno, precisa la BNS. Gli sforzi profusi dopo la crisi finanziaria dell'ultimo decennio hanno permesso ai due stabilimenti di compiere progressi significativi. Tuttavia, le attese dell'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) non sono ancora state soddisfatte.

In caso di crisi, UBS e Credit Suisse potrebbero mantenere, senza interruzioni, le attività più importanti, sottolinea la BNS.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 01:18:30 | 91.208.130.86