Cerca e trova immobili

ARGOVIASfratto dei 49 inquilini: «Può portare a razzismo»

28.02.23 - 13:00
Anche la sinistra si aggiunge al coro di proteste. Al centro della questione gli abitanti di una palazzina e delle persone richiedenti asilo
20Minuten
Sfratto dei 49 inquilini: «Può portare a razzismo»
Anche la sinistra si aggiunge al coro di proteste. Al centro della questione gli abitanti di una palazzina e delle persone richiedenti asilo

WINDISCH - Uno sfratto che crea divisioni. Per fare spazio alle persone in cerca di un rifugio e accolte dalla Svizzera, 49 inquilini di un edificio di Windisch (AG) a  devono lasciare gli appartamenti in cui vivono in affitto. Sono, per la maggiore, persone con poca disponibilità economica e che già in passato si sono ritrovate a vivere per strada. La questione, portata recentemente alla luce da 20Minuten - e che è diffusa a livello svizzero - ha attirato anche grande indignazione politica, da ogni sfumatura.

Luzia Capanni, grancosigliera del Partito socialista svizzero e membro della Commissione per l'integrazione a Windisch (AG), ritiene che «con lo sfratto si mettono le une contro le altre persone con poche risorse economiche». E questo è problematico perché «non solo distrugge la solidarietà tra rifugiati e popolazione, ma può anche portare a razzismo».

Inoltre questo provvedimento andrebbe solo a spostare il problema: «Se gli inquilini non riescono a trovare un appartamento, il comune è responsabile per loro». Esistono già due centri cantonali per l'asilo nel comune e anche quello federale di Brugg rappresenta una sfida per Windisch: «Siamo sempre stati aperti riguardo all'accoglienza e al sostegno dei rifugiati. Ma questo richiede uno scambio aperto e trasparente tra il cantone e il comune. In questo caso non ha funzionato».

Dello stesso parere il socialista e presidente della Netzwerk Asyl Aargau Rolf Schmid. «Una cosa del genere non è possibile, è estremamente pericolosa. Questo perché invia un segnale completamente sbagliato alla popolazione. Dà l'impressione che ci sia una priorità tra i gruppi di popolazione».

Una nuova petizione - Per fronteggiare quanto accade, sempre il Partito Socialista argoviese ha lanciato una petizione: «Siamo stupiti e arrabbiati per le azioni del cantone. Chiediamo l'immediata sospensione del piano di accoglienza per richiedenti asilo a Windisch e la revoca degli sfratti».

Al coro si aggiungono anche i Verdi. Dal nazionale Irène Kälin afferma che «se quanto comunicato lunedì dal comune di Windisch è vero, allora il cantone Argovia ha mancato di tatto affittando la proprietà». 

Gli alloggi a prezzi accessibili scarseggiano per tutti: «Capisco molto bene la frustrazione e l'incomprensione tra gli inquilini a cui è stato dato il preavviso». Ma è anche un dato di fatto che a dare loro disdetta sia stato il locatore e non il cantone stesso.

Secondo Marianne Binder (Centro/AG) sul caso si sa troppo poco. «Probabilmente non è stato il cantone a dare disdetta agli inquilini, ma il proprietario. A quanto pare, il cantone e il proprietario hanno stipulato questo accordo». Indipendentemente da ciò, comprende l'irritazione della comunità quando le persone vengono cacciate dagli appartamenti e poi invece di una, l'altra rimane semplicemente in piedi per strada. «È assurdo».

Critiche anche dal comune - Il consiglio comunale di Windisch ha aspramente criticato il consiglio di governo. Ma non vi è alcun fondamento giuridico che permetta al comune di opporsi a quanto stabilito. Spetterà quindi al cantone, come riferisce il comune stesso, adoperarsi per garantire che le decisioni prese vengano revocate.

Il servizio sociale cantonale ha dichiarato lunedì di aver ricevuto una lettera dal consiglio comunale a cui risponderà nei prossimi giorni.

COMMENTI
 

Don Quijote 1 anno fa su tio
Aquesto punto bisogna sfrattare la politica, io reagirei brutalmente senza guardare in faccia nessuno.

bic66 1 anno fa su tio
Per una volta anche la $inistra ha capito

Capra 1 anno fa su tio
Essere svizzero o lavorare ? Controproducente 😡

Capra 1 anno fa su tio
Vergognoso

Rusky 1 anno fa su tio
il Cantone in questo caso Aargau NON deve stipulare nessun contratto con il proprietario MA dire chiaramente che la priorità va data alle persone che già abitano in quel posto ! E poi in casi come questi arrivano i buonisti di turno ad arrampicarsi sui vetri per spiegare come mai la gente é stufa. Ma questa volta anche la sinistra dice che cosí non va bene ! Sfrattare inquilini per mettere asilanti ma siamo matti ?!?

Se7en 1 anno fa su tio
… qui devono intervenire tutte le autorità competenti e porre fine a questa incresciosa vicenda. Multe esemplari a tutti quei proprietari sciacal.i privi di ogni buonsenso…! Mi identifico sempre meno di questa Svizzera, grazie a tutti quei geni che la governano e sono svizzero … questa non è più la nazione di quando sono nato e cresciuto,… 🤮

APR-DRONE 1 anno fa su tio
Risposta a Se7en
Concordo .... ho 50 anni e non mi sento + da tempo a CASA ...... Non rinnovo neppure il passaporto.... INNUTILE. La carta Identita fatta poco tempo fà giusto perché scaduta ( per fortuna in tempo per averne una ancora alla Svizzera e non con il "nuovo" look .... Ma di Svizzero non c'é più nulla.... Inostri valori, le nostre tradizioni, il nostro modo di pensare, lavorare ESSERE SVIZZERI...... Nei libri FORSE....

rosi 1 anno fa su tio
qusto modo di procedere è veramente esagerato. Con tante abitazioni vuote non è corretto sfrattare queste famiglie dalle loro case. Altre soluzioni non erano possibili?

Dapat 1 anno fa su tio
I locatari ricevono soldi sicuri e senza problemi dal cantone…., sicuro non lo fanno per filantropia!

Rusky 1 anno fa su tio
Risposta a Dapat
Dapat: anche vero MA già adesso lo stabile é abitato in gran parte da gente in assistenza e quindi il „povero“ proprietario affarista ha l‘affitto pagato assicurato.

Roby1209 1 anno fa su tio
No comment... Pora Svizzera. Tra un po emigriamo noi...
NOTIZIE PIÙ LETTE