DEPOSITPHOTOS
I numeri di telefono di poliziotti e agenti di sicurezza, sottratti nel corso di un attacco hacker, sono stati diffusi.
BASILEA CITTÀ
22.10.2020 - 22:000

I numeri (rubati) di poliziotti e agenti di sicurezza su un sito di estrema sinistra

Nel mirino persone legate al centro di asilo federale Bässlergut

BASILEA - I dati personali di svariati dipendenti della società Securitas, ma anche di funzionari, guardie e poliziotti, sono stati sottratti lo scorso mese di agosto nel corso di un attacco informatico.

20 Minutes riferisce che queste informazioni, specialmente i numeri dei telefoni cellulari, sono state pubblicate su un sito di attivisti di sinistra. Al centro c'è l'opposizione del gruppo verso il centro di asilo federale Bässlergut: i dati diffusi appartengono per la quasi totalità a persone che lavorano nella struttura o sono legate a essa in qualche modo.

I numeri sono stati messi sul sito, si legge sul sito romando, «a disposizione di coloro che vogliono discutere o sfogarsi». Viene anche dato il consiglio di fare le telefonate occultando il proprio numero. Si tratta di un nuovo capitolo nell'opposizione al centro, già bersaglio in passato di episodi di varia natura.

Il Ministero pubblico basilese è al corrente della circostanza e sta valutando se la messa in rete dei numeri costituisca «istigazione pubblica alla criminalità o alla violenza». Un fascicolo è stato aperto anche a Winterthur: in quella località sono infatti ospitati i server di Securitas, bersaglio dell'attacco hacker estivo dal qual è cominciato tutto.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 19:16:22 | 91.208.130.89