Keystone
SCIAFFUSA
26.07.2017 - 21:010
Aggiornamento : 27.07.2017 - 09:32

Carcere o ricovero: quale destino per Wrousis?

Parla un esperto di diritto criminale dell'Università di Lucerna: «Dipenderà tutto dalle sue intenzioni»

SCIAFFUSA - Sono ancora numerosi gli interrogativi senza una risposta legati alla vicenda di Franz Wrousis, l'uomo che lunedì ha fatto irruzione negli uffici della compagnia assicurativa CSS a Sciaffusa armato di motosega ferendo due impiegati, uno dei quali ancora ricoverato in ospedale in gravi condizioni.

«Ferire o uccidere?» - Con il 51enne - già noto alle autorità per alcuni reati minori - finalmente dietro alle sbarre, le indagini dovranno ora fare chiarezza sulle motivazioni che lo hanno spinto ad un gesto così estremo. Motivazioni che saranno decisive nel determinare le conseguenze che Wrousis dovrà affrontare, come spiegato al "Blick" dal professor Felix Bommer, docente di diritto criminale all’Università di Lucerna.

«Voleva solamente ferire o uccidere?». Una condanna per gravi lesioni fisiche potrebbe infatti tradursi in una pena detentiva fino a 10 anni mentre per un tentato omicidio la reclusione può arrivare fino ai 20 anni. Inoltre «in questo caso sarà necessario fare ricorso anche ad una perizia psichiatrica» per attestare l’imputabilità del 51enne, precisa Bommer.

Ricovero a tempo indeterminato - «Se riconosciuto incapace di sostenere il processo, totalmente o in misura parziale, anche la pena sarà più lieve». Questo non significa però che Wrousis sarà rilasciato in anticipo, quanto piuttosto trasferito in una clinica psichiatrica. «L’obiettivo di queste misure è quello di eliminare il rischio di recidiva», e proprio per questo risulta difficile indicare in anticipo la durata della terapia «che può considerarsi conclusa solo con il successo o, viceversa, quando risulta inutile.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 2 anni fa su tio
la motosega sotto le ascelle, per un paio di minuti, per una totale depilazione.....credo possa bastare !
sedelin 2 anni fa su tio
ma che razza di domanda é? adesso facciamo come in italia dove le inchieste e i processi si fanno in TV?!!!! che se ne occupi la magistratura!
Gery 2 anni fa su tio
Prima va in galera per tentato omicidio e tutto il resto 20 anni e poi in manicomio visto che è pericoloso 51 +20 di galera fa 71 e diciamo una decina di manicomio e il funerale lo paga lo stato.
SosPettOso 2 anni fa su tio
Lui gli ha portato l'unico oggetto che possedeva e di cui si sarebbe separato (la motosega) e gli stava facendo vedere come funziona con una scrivania ma l'impiegato ha tentato di proteggerla mettendoci sopra il braccio (o la parte dove è stato ferito). Il tipo sarà bacato, ma anche quelli che son stati lì a guardarlo mentre tirava fuori la motosega dal borsone e l'accendeva non sono proprio "in bolla"...
bobà 2 anni fa su tio
... di sicuro "l'è mia tüt lüü", però sarebbe interessante conoscere ciò che ha fatto scattare la sua ira... a volte certi funzionari, che si nascondono dietro regolamenti ferrei, sono veramente inflessibili e non mostrano buon senso! Ciò comunque non giustifica la motosega
moonie 2 anni fa su tio
@bobà no non giustifica la motosega... ma non ho potuto fare a meno di pensare che per quanto stanno tirando la corda le casse malati, non c'è da stupirsi che poi uno già un po' spostato di suo possa sbroccare.... fa riflettere..... o meglio... DOVREBBE far riflettere qualcuno!!!
Wunder-Baum 2 anni fa su tio
Non e' facile giudicare, E' chiaro pero' che la disperazione e la rabbia di una persona puo' portare a simili reazioni !
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-06 04:08:53 | 91.208.130.86