Cerca e trova immobili

ZURIGOSempre più uomini rispetto alle donne. E potrebbe essere un problema

24.06.24 - 09:42
La sociologa Katja Rost: «Più maschi potrebbe significare più delinquenza. Ma anche più opportunità di crescita»
AP
Fonte 20Minuten
Sempre più uomini rispetto alle donne. E potrebbe essere un problema
La sociologa Katja Rost: «Più maschi potrebbe significare più delinquenza. Ma anche più opportunità di crescita»

ZURIGO - Secondo i dati dell’Ufficio federale di statistica (UST), nel 2023 le donne svizzere hanno partorito pochissimi figli. Si contano infatti 80'024 nascite, il 2,8% in meno rispetto all'anno precedente. Sono soprattutto le under 30 a contribuire al calo del tasso di natalità.

Oltre al numero di nascite mai così basso, è da notare che dal 1871, in Svizzera, stanno nascendo più uomini che donne: 106 maschi ogni 100 femmine. Un numero, questo, che viene compensato dalle differenze nell'aspettativa di vita (inferiori per i maschietti). Dal 1950, tuttavia, il rapporto tra i sessi sembra inclinarsi sempre più a favore degli uomini, soprattutto nelle fasce di età più giovani.

«Eccedenza generale di ragazzi nelle società umane» - La sociologa Katja Rost, dell'Università di Zurigo, spiega che nelle società umane generalmente si registra un leggero surplus di maschi: «Questo avviene a causa dell'evoluzione, per garantire la riproduzione. Dipende anche dal fatto che gli uomini hanno tassi di mortalità più elevati, in parte a causa della loro maggiore disponibilità a correre rischi. Questo è anche il motivo per cui gli sport rischiosi come il motociclismo, l’arrampicata su ghiaccio o il paracadutismo tendono ad essere a prevalenza maschile».

Nelle società occidentali, tuttavia, questo “classico” rapporto tra i sessi è sempre meno scontato. Oltre all’immigrazione – prevalentemente maschile – si riscontra anche la cosiddetta selezione dei bambini basata sul genere. «In alcune società non occidentali, ad esempio, il numero di ragazzi è maggiore di quanto ci si aspetterebbe. Questo anche perché le ragazze hanno meno probabilità di soddisfare i desideri dei genitori». Diverso è il caso di alcune società occidentali, dove invece i genitori desiderano più spesso una femmina.

Un’arma a doppio taglio - Un'elevata percentuale di giovani maschi all'interno di una società può avere numerose conseguenze negative: gli uomini tendono ad essere più disposti a correre rischi, il che a sua volta può riflettersi in un aumento del tasso di criminalità, afferma Rost. «Ciò diventa evidente, ad esempio, quando si esaminano i criminali condannati. Il 93% dei detenuti in Svizzera sono uomini».

Ciò potrebbe diventare un problema, ma non deve necessariamente esserlo, sottolinea la sociologa. In linea di principio, i cambiamenti nelle relazioni di genere sono un’arma a doppio taglio: «I problemi sono sempre anche opportunità: una maggiore disponibilità a correre rischi, ad esempio, porta anche a start-up più rischiose e potenzialmente redditizie. Il risultato è il progresso tecnico ed economico».

Quando si tratta di scegliere un partner, il cambiamento nel rapporto tra i sessi è evidente già oggi: «In una società paritaria, le donne tendono a cercare un partner con un’istruzione equivalente. In Svizzera – come in altri Paesi altrettanto prosperi – si sta creando sempre più un divario». Questo è dovuto non solo all'immigrazione – prevalentemente maschile e spesso meno istruita – ma anche a variabili interne: «Le donne in questo Paese tendono ad ottenere risultati scolastici migliori».

Dal punto di vista sociologico, tuttavia, l’esperto non vede alcuna necessità di agire: «La società, di solito, trova le risposte alle questioni complesse da sola, dal basso verso l’alto anziché dall’alto verso il basso». Ad esempio, le norme sociali nei rapporti di coppia potrebbero cambiare, conclude Rost.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE