Cerca e trova immobili

SVIZZERA«Inaccettabile la riduzione dei servizi nelle regioni scarsamente popolate»

14.06.24 - 17:50
Il Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB) protesta contro i parametri di riferimento per il futuro del servizio postale.
20min/Matthias Spicher
Fonte sab
«Inaccettabile la riduzione dei servizi nelle regioni scarsamente popolate»
Il Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB) protesta contro i parametri di riferimento per il futuro del servizio postale.

BERNA - Il Consiglio federale ha presentato oggi i primi parametri di riferimento per il futuro del servizio postale universale. Il Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB) «accoglie con favore l'inclusione dei servizi digitali nel servizio universale». Tuttavia, «è inaccettabile che il recapito nelle regioni scarsamente popolate sia soggetto a una riduzione dei servizi».

I valori di riferimento presentati oggi dal Consiglio federale per lo sviluppo del servizio postale universale comprendono punti che possono essere specificati nell'ordinanza. Ulteriori adeguamenti alla legge dovrebbero seguire a partire dal 2025. Il Consiglio federale ha quindi optato per una procedura graduale.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE