Cerca e trova immobili

SVIZZERA / ONUAdesione della Palestina all'Onu, ecco perché la Svizzzera si è astenuta

10.05.24 - 20:55
Per il nostro Paese la risoluzione presentata dagli Emirati Arabi «brucia le tappe» e dal punto di vista politico non favorirebbe la pace.
AFP
Fonte ats
Adesione della Palestina all'Onu, ecco perché la Svizzzera si è astenuta
Per il nostro Paese la risoluzione presentata dagli Emirati Arabi «brucia le tappe» e dal punto di vista politico non favorirebbe la pace.

BERNA - La Svizzera si è astenuta dal voto all'Assemblea generale delle Nazioni Unite sulla concessione di nuovi diritti ai palestinesi in seno all'Onu. Una posizione in linea con l'astensione della Svizzera al Consiglio di sicurezza in aprile sulla piena adesione della Palestina, sottolinea il DFAE.

Il voto di oggi si è basato sull'opinione che la risoluzione presentata dagli Emirati Arabi Uniti «contiene troppi elementi che anticipano l'esito di un eventuale riesame da parte del Consiglio di sicurezza dell'Onu della piena adesione della Palestina», spiega il Dipartimento degli Affari Esteri (DFAE) sul suo sito web dedicato al conflitto mediorientale.

In altre parole, il testo adottato da un'ampia maggioranza di Stati membri dell'Onu - con 143 voti a favore, 9 contrari e 25 astensioni - è destinato a bruciare le tappe. Il DFAE ricorda che, secondo la Carta dell'Onu, affinché uno Stato diventi membro a pieno titolo, una raccomandazione del Consiglio di sicurezza è una condizione necessaria prima che l'Assemblea generale possa prendere una decisione.

Il 18 aprile, gli Stati Uniti hanno posto il veto alla richiesta di adesione della Palestina al Consiglio di Sicurezza. La Svizzera e il Regno Unito si sono astenuti, mentre gli altri 12 membri hanno votato a favore.

Nel giustificare l'astensione del 18 aprile, la Svizzera ha sostenuto che «dal punto di vista della politica di pace», l'adesione della Palestina «non favorisce l'alleggerimento della situazione sul terreno, data la grande instabilità e insicurezza che regna nella regione».

Allo stesso modo, per quanto riguarda il voto di oggi, pur non essendo «contraria», la Svizzera afferma di ritenere «preferibile prevedere modifiche allo status della Palestina all'Onu in un momento in cui questa richiesta sarà parte di un processo di pace logico e duraturo».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Libero&Svizzero 2 mesi fa su tio
Dovremmo vergognarci ad astenerci! La Palestina deve essere un membro come tutti gli altri, specie ora con l'aggressione sionista

tschädere 2 mesi fa su tio
e ci si chiede il perché.ci sono troppi ex israeliani nella nostra politica.ricordatevi un paio di mesi orsono,quante storie sul attentato a un ortodosso a zurigo,giorni e giorni di accuse contro un fanciullo ma sul assasinio nel mendrisioto un piccolo articolo sui giornali indigeni.

Mar 2 mesi fa su tio
Vergognoso, sarebbe stato un bel segnale. Non riconosco più questa politica. Però per la Russia anno preso decisioni .

Libero&Svizzero 2 mesi fa su tio
Risposta a Mar
esatto i famosi due pesi e due misure ;)

UMARELL 2 mesi fa su tio
La solita ipocrisia elvetica: ..”pur non essendo contraria” .. sapendo benissimo che “un processo di pace logico e duraturo” è lontano anni luce dalla realtà. Quindi astenersi in questo caso significa non esporsi, non voler farsi dei nemici . Ma cosa ci state a fare all’ONU? Se non siete contrari si vota sì. Codardi

OrsoTI 2 mesi fa su tio
Vergogna!!

Dylan Dog 2 mesi fa su tio
Risposta a OrsoTI
Concordo!!!

medioman 2 mesi fa su tio
Risposta a OrsoTI
Sono dei codardi
NOTIZIE PIÙ LETTE