Cerca e trova immobili

VALLESEAbusi all'Abbazia sotto la lente del Consiglio della magistratura

01.12.23 - 17:01
L'autorità di vigilanza ha analizzato eventuali disfunzioni del sistema giudiziario in questo dossier e ha valutato i margini di manovra.
Ti-Press
Fonte ats
Abusi all'Abbazia sotto la lente del Consiglio della magistratura
L'autorità di vigilanza ha analizzato eventuali disfunzioni del sistema giudiziario in questo dossier e ha valutato i margini di manovra.

SION - Stamattina il Consiglio della Magistratura (CDM) del canton Vallese ha esaminato le recenti rivelazioni sugli abusi sessuali all'Abbazia di Saint-Maurice. L'autorità di vigilanza ha analizzato eventuali disfunzioni del sistema giudiziario in questo dossier e ha valutato il suo margine di manovra.

Il CDM, che non ha ricevuto alcuna denuncia da parte delle vittime, ha esaminato la vicenda sulla base delle informazioni e delle testimonianze pubblicate dai media. «Abbiamo affrontato il problema nel suo complesso prima di esaminare alcuni punti più specifici», ha dichiarato all'agenzia Keystone-ATS la sua presidente Carole Melly-Basili.

Il Consiglio della magistratura vallesana ha innanzitutto preso atto delle indagini svolte dal Ministero pubblico cantonale, che la scorsa settimana si è recato all'abbazia nell'ambito di un'inchiesta preliminare e che sta indagando sull'esistenza di eventuali reati penali. Ha inoltre accolto con favore l'appello della procura alle vittime affinché portino il loro caso davanti alla giustizia, anche se i fatti sono prescritti.

Termine di cinque anni

Il CDM ha poi esaminato uno dei casi di abusi sessuali su minori rivelati dalla trasmissione "Mise au point" della televisione romanda RTS, secondo cui un giudice istruttore ha ordinato agli ispettori di polizia di limitare le loro indagini. Si tratta di "osservazioni scioccanti, anche se estrapolate dal loro contesto", ha dichiarato il presidente del CDM.

Tuttavia, un procedimento disciplinare contro un magistrato non è più possibile quando i fatti risalgono a più di cinque anni, ha spiegato Carole Melly-Basili. Inoltre, la carica di giudice istruttore non esiste più a seguito dell'introduzione del Codice di procedura civile unificato nel 2011.

Le inchieste penali sono ora condotte dal ministero pubblico. «Dato il mutato contesto e il fatto che la funzione non esiste più, non possiamo più intervenire».

Rivolgersi al CDM

Il margine di manovra del CDM è quindi molto ristretto, o addirittura inesistente per i casi rivelati dalla stampa che riguardano gli anni dal 1995 al 2005. Carole Melly-Basili ha tuttavia ricordato che ogni vittima può rivolgersi al CDM se ritiene che il suo caso non sia stato trattato correttamente da un magistrato.

Il Consiglio della magistratura può anche decidere di esaminare un nuovo caso di cui è a conoscenza. È quanto ha fatto in relazione alle recenti rivelazioni sull'Abbazia di Saint-Maurice.

Ciò che è successo ...

Oltre una decina di persone ha denunciato potenziali abusi sessuali all'Abbazia di St-Maurice e all'ambiente ecclesiastico circostante. Il Ministero pubblico vallesano ha avviato un'indagine preliminare, con la collaborazione della polizia cantonale vallesana. L'indagine è stata avviata a seguito della pubblicazione di un rapporto accademico sugli abusi commessi in Svizzera e sul loro occultamento all'interno della Chiesa cattolica dalla metà del XX secolo. L'abate di St. Maurice, mons. Jean Scarcella, e l'abate ad interim dell'Abbazia di Saint-Maurice sono tra i sacerdoti sotto indagine e hanno sospeso i loro incarichi fino alla fine dell'indagine. Nove sacerdoti dell'Abbazia di Saint-Maurice sono coinvolti in casi di abusi sessuali, la maggior parte dei quali avvenuti tra il 1995 e il 2005. L'Abbazia ha dichiarato di voler collaborare pienamente con le autorità giudiziarie e canoniche.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE