Cerca e trova immobili

BASILEA CITTÀPonte chiuso per motivi di sicurezza: «Siamo a Basilea o a Genova?»

02.07.23 - 22:01
«Sono profondamente deluso. Vengono spesi miliardi nella manutenzione», così il direttore dei trasporti pubblici di Basilea.
SBB/Michael Kunz
Fonte 20Minuten/Amelie Schärer
Ponte chiuso per motivi di sicurezza: «Siamo a Basilea o a Genova?»
«Sono profondamente deluso. Vengono spesi miliardi nella manutenzione», così il direttore dei trasporti pubblici di Basilea.

BASILEA - Brutta sorpresa per i cittadini di Basilea. Da venerdì sera il Margarethenbrücke è chiuso al traffico di bus, camion e tram per motivi di sicurezza. La decisione, presa da FFS, è arrivata come un fulmine a ciel sereno.

«Un controllo ha rivelato carenze alla fine di aprile 2023», affermano le FFS, che avevano preso dei provvedimenti riducendo il limite di carico. Ulteriori analisi hanno però mostrato che queste misure «non sono sufficienti» e che occorre effettuare dei lavori per garantire «misure di rinforzo provvisorie». I lavori, nel migliore dei casi, verranno completati entro l’autunno, da qui la chiusura a tutti i mezzi pesanti. 

Ma Bruno Stehrenberger, direttore dei trasporti pubblici basilesi, non ci sta. «Sono profondamente irritato, deluso e insoddisfatto che un asse principale di una grande città debba essere chiuso per motivi di sicurezza. Questo in un Paese in cui ogni anno confluiscono miliardi nella manutenzione delle infrastrutture», si è sfogato su Facebook venerdì sera. 

«Capisco la frustrazione! Basilea o Genova? (riferito al crollo del ponte Morandi ndr.) Non ci sono controlli regolari?», commenta un utente. «Il solo fatto che ci sia un ponte nella nostra sicura Svizzera che improvvisamente viene considerato a rischio di crollo è spaventoso», scrive un altro. «Sicuramente un messaggio insolito e sgradevole per la Svizzera, considerata un modello per le infrastrutture», osserva un altro commentatore.

E anche Esther Keller, direttrice del Dipartimento costruzioni e trasporti del canton Basilea Città, non ha nascosto una certa insoddisfazione, seppur scegliendo toni più diplomatici: «Il Cantone si aspetta che le FFS lavorino sodo per trovare una soluzione. Questa connessione è fondamentale per i distretti di Gundeldingen e Bruderholz», ha scritto su Twitter.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE