Cerca e trova immobili

CAMERE FEDERALIBocciata la proposta delle sei settimane di vacanza per gli apprendisti

04.05.23 - 17:41
Per il Consiglio Nazionale una settimana supplementare di ferie peggiorerebbe il rapporto tra i costi e i benefici per le imprese.
Ti-Press (archivio)
Fonte ats
Bocciata la proposta delle sei settimane di vacanza per gli apprendisti
Per il Consiglio Nazionale una settimana supplementare di ferie peggiorerebbe il rapporto tra i costi e i benefici per le imprese.

BERNA - L'idea di concedere sei settimane di vacanza a tutti gli apprendisti rimane una chimera: oggi il Consiglio nazionale ha bocciato una mozione in tal senso di Sarah Wyss (PS/BS) per 104 voti a 79. Per la maggioranza, gli inconvenienti prevalgono sugli aspetti positivi.

Secondo l'autrice della mozione, sei settimane di vacanza per tutti gli apprendisti avrebbe come conseguenza di accrescere l'attrattiva della formazione professionale, che costituisce un pilastro del sistema formativo elvetico.

Oltre a ciò, tenuto conto anche del carico di lavoro degli apprendisti nell'azienda di tirocinio e nella scuola professionale, una settimana supplementare darebbe ai giovani più tempo per prepararsi al meglio per gli esami, specie per chi intende conseguire una maturità professionale.

Va inoltre detto che molte grandi imprese quali La Posta, Coop, Migros o Bell hanno già introdotto sei settimane di vacanza per gli apprendisti. È ora insomma, secondo l'autrice della mozione, di concedere a tutti le agognate sei settimane di vacanza.

Per il Consiglio federale, espressosi in aula per bocca di Elisabeth Baume-Schneider, una sesta settimana di vacanza potrebbe senz'altro essere opportuna poiché renderebbe la filiera dell'apprendistato più attrattiva rispetto alla situazione attuale e limiterebbe inoltre la disparità, in termini di vacanze, con i giovani che scelgono altri percorsi formativi.

Tuttavia, una misura di questo tipo potrebbe comportare inconvenienti dal momento che un sistema formativo di successo deve essere attrattivo anche per le imprese. Una settimana supplementare di vacanza peggiorerebbe il rapporto tra costi e benefici per le imprese e potrebbe influenzare negativamente l'offerta di posti di apprendistato, a detta dell'esecutivo.

A seconda delle circostanze, le imprese compenserebbero questa settimana supplementare di vacanza sul piano della remunerazione. Inoltre, gli apprendisti dovrebbero svolgere il loro lavoro nell'impresa, parte integrante della loro formazione, in un tempo più breve.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Michele.1978 1 anno fa su tio
È inaccettabile: l’apprendistato non può diventare più attrattivo per i giovani perché si hanno più vacanze! Già vi sono grossi problemi nel reclutare e motivare i ragazzi, con questa idea strampalata si andrebbe ancor più a far passare la voglia di assumere apprendisti alle aziende formatrici! Con una generazione già di per se poco incline alle critiche perché purtroppo cresciuta dai genitori e dalla scuola in maniera troppo (secondo il mio punto di vista) tollerante, si verrà a creare un’altra generazione di deboli, ansiosi e ancor peggio senza un sano spirito critico in relazione soprattutto alla quantità di informazioni agli input a cui oggi sono sottoposti! Basta, vi prego!

weeeeee 1 anno fa su tio
Risposta a Michele.1978
Non diventa più attrattivo, vai tranquillo, in confronto a tutte le vacanze che ci sono nelle scuole a tempo pieno, come il liceo e la commercio che ne hanno 13 (2 a Natale, 1 a Carnevale, 1 a Pasqua, 1 per i Morti, 8 d'estate e anche altre sparpagliate). Come apprendista, ritengo che sarebbe giusto avere più tempo per gli esami e per i test, soprattutto per i ragazzi che devono sostenere la maturità. Ad esempio, gli apprendisti della posta, coop e le aziende più grandi ne hanno addirittura 7 e sono spesso i più bravi della classe. Vabbè ormai la richiesta è stata rifiutata, quindi ora potrai dormire sogni d'oro, non sia mai che gli apprendisti abbiano una settimana in più se no diventano deboli.

Dex 1 anno fa su tio
Peccato, visto che nel settore dell’edilizia l’apprendista è sfruttato.

Um999 1 anno fa su tio
Risposta a Dex
Attenzione che Blue Shark ne sa più di tutti e tu dice come devi scrivere.

BlueShark 1 anno fa su tio
Cinque settimane sono più che sufficienti….! Se andiamo avanti così tra un po’ c’è più gente a casa che al lavoro…!

Tita 1 anno fa su tio
Sfruttamento...

Anti ch 1 anno fa su tio
Sicuro non influirebbe...xrò lo trovo più che giusto già fanno un..😡 Almeno la maggior parte

Um999 1 anno fa su tio
“Una settimana supplementare di ferie peggiorerebbe il rapporto tra costi e benefici per le imprese “ …. Da folli questa frase e affermazione. Da quando le imprese si mantengono sul lavoro di un apprendista, sempre se tale è veramente l’ingaggio? Cioè un ragazzo/a di 15 anni mantiene il profitto di un azienda? Lo chiamerei questo metodo “sfruttamento “ atto conosciuto in molte aziende tale prassi.

BlueShark 1 anno fa su tio
Risposta a Um999
Aprire bocca quando non si capisce niente…, !

Voilà 1 anno fa su tio
Risposta a Um999
Um999 esatto, per molte aziende l'apprendista è manodopera a basso costo. Bisogna anche tenere conto che, a causa dei progressi tecnologici, gli apprendistati diventano sempre più difficili, e poi c'è la possibilità di fare una maturità professionale durante l'apprendistato. Le aziende si dicono interessate a formare i giovani che saranno il futuro dell'azienda stessa, in realtà molte li utilizzano come manodopera a basso costo fino alla fine dell'apprendistato. Ai miei tempi nel mio ramo le settimane di vacanza erano 3, mentre gli apprendisti ne avevano 4, ma parlo di 50 anni fa.

Anti ch 1 anno fa su tio
Risposta a BlueShark
Lè scià luu 🤣

Um999 1 anno fa su tio
Risposta a BlueShark
Si vede che dai leggere.
NOTIZIE PIÙ LETTE