Immobili
Veicoli

URIIl governo urano dà luce verde ai due porti sul lago

09.02.22 - 13:35
Secondo il Consiglio di Stato l'iniziativa porterà «valore aggiunto» per la popolazione e la regione.
Keystone (archivio)
URI
09.02.22 - 13:35
Il governo urano dà luce verde ai due porti sul lago
Secondo il Consiglio di Stato l'iniziativa porterà «valore aggiunto» per la popolazione e la regione.
Non la vedono così ambientalisti e associazioni locali che recentemente hanno lanciato una petizione contro i piani del miliardario egiziano.

ALTDORF - Il Consiglio di Stato urano crede nel progetto dell'imprenditore egiziano Samih Sawiris che prevede la costruzione di due porti turistici sul Lago d'Uri, il braccio meridionale del Lago dei Quattro Cantoni. Pur non disponendo ancora d'informazioni concrete, è persuaso che l'iniziativa porterà valore aggiunto per la popolazione e la regione nel suo insieme.

Lo ha detto oggi in Gran Consiglio il capo del Dipartimento cantonale della giustizia, Daniel Furrer (PPD), rispondendo a una domanda della granconsigliera Eveline Lüönd (Verdi).

Il nuovo progetto urano di Sawiris - dopo il villaggio turistico di Andermatt - è controverso. Suscita critiche in particolare da parte di ecologisti e associazioni locali. I Verdi questa settimana hanno annunciato il lancio di una petizione contro i piani. Indipendentemente da questa iniziativa, un comitato di Flüelen ha indicato di voler procedere in modo analogo. Gli oppositori chiedono un turismo estensivo.

L'idea di Sawiris è quella di costruire due marina, con baie artificiali dove potranno attraccare le barche, vicino alle quali si svilupperanno poi alberghi, appartamenti e ristoranti. Le due aree occupate dal progetto sarebbero quella di una ex fabbrica di esplosivi a Isleten (comune di Seedorf) e quella di un'azienda attiva nel settore della ghiaia a Flüelen.

Qualsiasi piano sarà sottoposto alle varie autorità di approvazione, ciò che è garanzia di partecipazione del pubblico alle decisioni, ha affermato il consigliere di Stato. Riguardo al progetto di Flüelen, meno avanzato di quello di Seedorf, allo stato attuale c'è solo un'idea, ha detto Furrer. «Conoscendo Sawiris, so che ascolterà la voce del popolo riguardo a Flüelen e saprà valutarla», ha aggiunto.

Per l'insieme del dossier, i costi per il Cantone finora ammontano a 16'000 franchi, pari a 200 ore di lavoro nell'amministrazione. La spesa è stata sostenuta in relazione alla vendita delle proprietà dell'ex fabbrica di esplosivi a Sawiris. La transazione ha comportato, ad esempio, chiarimenti riguardo alla legge federale sull'acquisto di fondi da parte di persone all'estero e ai siti contaminati sul posto. L'acquirente si è impegnato a risanare il settore inquinato.

Aggiornamento delle 18.40: In serata, sulle onde di Radio SRF, Sawiris ha detto di aver rinunciato al sito di Flüelen. In realtà - ha detto - per quel che concerne Flüelen non c'era nessun progetto. «Volevo solo sapere se Flüelen volesse una marina. E la risposta è “assolutamente no”. L'idea è così stata accantonata», ha spiegato l'imprenditore.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA