Immobili
Veicoli

SVIZZERAIl lockdown della primavera 2020 è stato difficile soprattutto per donne e studenti

14.12.21 - 11:34
È quanto emerge da tre studi del Politecnico di Losanna che hanno analizzato l'impatto psicologico del provvedimento
Imago
Fonte ATS
Il lockdown della primavera 2020 è stato difficile soprattutto per donne e studenti
È quanto emerge da tre studi del Politecnico di Losanna che hanno analizzato l'impatto psicologico del provvedimento

LOSANNA - Tre studi del Politecnico federale di Losanna (EPFL) si sono chinati sull'impatto psicologico del semiconfinamento della primavera 2020 sulla popolazione. Le donne e gli studenti hanno sofferto più di altre fasce della popolazione.

La prima ricerca, pubblicata su Frontiers in Psychology, indica che l'aumento dello stress è risultato in media del 42% più elevato tra le donne che tra gli uomini e del 29% più alto tra gli studenti che tra i lavoratori, i disoccupati e i pensionati, ha riferito oggi l'EPFL.

Un'ipotesi per spiegare il fenomeno più marcatamente femminile è che «il semiconfinamento ha esacerbato le disuguaglianze strutturali nel lavoro domestico, così come la violenza nella sfera privata» ha detto a Keystone-ATS Livia Fritz, ricercatrice al Laboratorio di relazioni umane-ambientali nei sistemi urbani e coautrice dello studio.

Mancanza di interazione sociale - Per quanto riguarda gli studenti, potrebbero aver sofferto di una mancanza di interazione sociale, «particolarmente importante per i giovani adulti». Fritz menziona anche il timore per effetti negativi della pandemia sulla carriera.

Il tipo di alloggio ha giocato un ruolo importante. Le persone le cui case includevano spazi esterni, come un giardino, un balcone o una terrazza, hanno presentato il 23% in meno di stress psicologico rispetto a quelle che non ne disponevano. Non è invece risultato significativo se vivessero in città piuttosto che in campagna.

Alcune attività possono ridurre lo stress psicologico a breve termine. Le persone che facevano sport o cucinavano molto si sono sentite meno a disagio di quelle che passavano la maggior parte del loro tempo a guardare la televisione o sulle reti sociali.

Cumulo dei compiti - Un altro studio, pubblicato sul Journal of Social and Family Policy, ha esaminato la "plasticità" degli alloggi, cioè come le persone sono state in grado di adattare il loro spazio alla nuova situazione. Gli scienziati hanno distinto sei esperienze diverse di semiconfinamento nei cantoni di Ginevra, Vaud e Vallese.

A un estremo c'è la categoria dei "provati", giovani sotto i 44 anni in telelavoro e che vivono con bambini piccoli. Sono quelli che hanno dovuto adattare maggiormente il loro alloggio alla situazione, poiché i vincoli dello spazio domestico hanno accresciuto le difficoltà legate alla conciliazione di vita professionale e familiare. Questa categoria è composta prevalentemente di donne (67%) e di persone con un basso livello di formazione.

All'altra estremità dello spettro ci sono i "rilassati", cioè persone che non sono né isolate né sovraccariche di lavoro. In questa categoria, gli uomini sono sovrarappresentati (55%), così come le persone con più di 55 anni e quelle con un diploma di studi superiori. Hanno generalmente riferito di aver vissuto condizioni di lavoro migliori del solito durante il semiconfinamento.

Di fronte ai vincoli spaziali percepiti, il lockdown parziale ha modificato la concezione di alloggio ideale per il 60% degli intervistati, rivela un terzo studio pubblicato su Cities & Health. Le donne, le persone colpite dall'accumulo di lavoro domestico e le persone prive di attività culturali hanno fatto stato di un maggiore bisogno di disporre di «un posto in cui potersi esprimere».

Appello ad agire - I responsabili della sanità pubblica, architetti e proprietari di edifici sono chiamati ad agire. I provvedimenti includono la creazione di atelier, biblioteche, spazi di lavoro all'interno dello stesso edificio ma anche spazi esterni dove le persone possano parlare e vedersi. Inoltre, il parametro della salute psicologica degli studenti e delle donne dovrebbe essere "seriamente" considerato in caso di futuri semiconfinamenti.

I tre studi si basano su un questionario in francese, tedesco, italiano e inglese che è stato distribuito tra l'8 aprile e il 10 maggio 2020 in particolare sulle reti sociali. Un bilancio intermedio dell'inchiesta era stato pubblicato nel settembre 2020.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA