Immobili
Veicoli
20min/Marvin Ancian
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
2 ore
Oltre due quintali di droga scoperti all'aeroporto di Zurigo
È il bilancio dei controlli effettuati sui viaggiatori nel corso del 2021
SVIZZERA
3 ore
Senza Horizon, discriminazione scientifica
L'appello al Governo per la piena partecipazione della Svizzera al programma di ricerca europeo
SVIZZERA
4 ore
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
TURGOVIA
4 ore
Scassinano auto e aggrediscono un poliziotto, arrestati due 18enni
I due giovani, che hanno danneggiato diversi veicoli, hanno ferito anche un passante che ha tentato di fermarli.
SVIZZERA
5 ore
La necessità di prendersi cura della salute mentale dei dipendenti
È boom di iscritti ai corsi per riconoscere i problemi dei colleghi di lavoro
SVIZZERA
5 ore
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
SVIZZERA
5 ore
SUV sulle nostre strade? Sempre più pericolosi
In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.
SVIZZERA
7 ore
Con l'estate le restrizioni statali non serviranno più
L'ex membro della Task force Marcel Tanner spiega che sarà fondamentale puntare sulla responsabilità individuale
ZURIGO
7 ore
La polizia interrompe un raduno di auto modificate
Sette appassionati sono stati denunciati: le loro vetture presentavano modifiche non autorizzate
BERNA
21 ore
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
22 ore
«Quasi nessun Omicron-contagiato in cure intense»
È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.
SVIZZERA
08.12.2021 - 08:000
Aggiornamento : 12:10

Se un medico deve decidere a chi dare l'ultimo letto in cure intense

Personale sanitario costretto a scegliere chi curare? Ecco su quali criteri si devono basare

Fonte 20 Minuten / Christina Pirskanen
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - In diversi cantoni la situazione pandemica è critica. A livello nazionale sono ventitré le strutture sanitarie che hanno esaurito i posti letto in cure intense, come comunicato dalle autorità nell'ambito di un infopoint a Berna.

E nel frattempo il numero dei ricoveri resta a un livello alto. Lo scorso weekend, nell'ospedale di Aarau i medici hanno dovuto prendere le prime decisioni di triage (ovvero decidere chi curare e chi no). Su quali criteri si basano tali decisioni? Ne abbiamo parlato con Daniel Scheidegger, ex responsabile del reparto di terapia intensiva dell'Ospedale universitario di Basilea e vice presidente dell'Accademia svizzera delle scienze mediche (ASSM).

Le linee guida - I medici dispongono di linee guida per il triage. Ma per Scheidegger è importante che non vengano interpretate come una sorta di “checklist”: «Il medico deve prendere una decisione individuale per ogni singolo caso. Sono molti i criteri su cui si deve basare». Soltanto uno specialista che ha una visione d'insieme sui propri pazienti può prendere tali decisioni. «Ma se devi fare un triage alle due del mattino, le linee guida forniscono un aiuto enorme».

Il primo e più importante criterio su cui si basa la decisione medica è la prognosi di sopravvivenza. Scheidegger fornisce un esempio: «Una persona che ha subito un infarto e che si trova in cure intense ha buone possibilità di sopravvivenza. E in questo caso non conta la presenza di una malattia cronica stabile al momento dell'infarto. La preoccupazione è tutta rivolta all'infarto».

L'impegno previsto - Vanno poi considerati i seguenti due fattori: la durata della degenza del paziente e l'impegno previsto per il persone sanitario. «In circostanze normali, una persona che ha subito un infarto resta in terapia intensiva tra le ventiquattro e le quarantotto ore. Un malato di Covid, invece, può stare in cure intense per diverse settimane» spiega Scheidegger.

Inoltre: «Un infermiere si può occupare da solo di tre o quattro pazienti che hanno subito un infarto, in quanto sono persone in grado di mangiare da sole, andare in bagno e parlare. Un solo paziente Covid intubato necessita, invece, la presenza contemporanea di tre-quattro infermieri». Quindi, un'unità di terapia intensiva piena al 98% potrebbe accogliere un altro paziente da infarto. Ma con un ulteriore paziente Covid, si supererebbe la capienza massima.

Questione di età - L'età non può, secondo le linee guida, essere un criterio a sé stante. Ma non se la vecchiaia porta a un aumento della mortalità per fragilità nella vita quotidiana. Scheidegger afferma: «Ci sono persone con oltre ottant'anni che godono di ottima salute, fanno una passeggiata tutti i giorni e vivono ancora da sole. Ma ci sono altri anziani che sono in una casa per anziani e hanno bisogno di aiuto per lavarsi o alzarsi». Per loro non ci sarebbe una prognosi positiva dopo tre settimane in cure intense e intubati: «Se già in precedenza non riuscivano a stare in piedi, sicuramente non ci riusciranno dopo un lungo periodo di ventilazione e il conseguente indebolimento muscolare».

Disabilità - La disabilità non è un criterio di triage rilevante. «Anche in questo caso l'attenzione è focalizzata sulle possibilità di sopravvivenza a breve termine. Se, ad esempio, un paziente paraplegico viene ricoverato per Covid, la malattia colpisce i suoi polmoni, che non sono interessati dalla sua disabilità fisica. Quindi, qui l'handicap non conta per il triage». Sarebbe diverso se la disabilità portasse a un insufficiente apporto di ossigeno al corpo.

Stato vaccinale - Sullo stato vaccinale le linee guida sono chiare: non può essere un criterio per il triage. «Alla fin dei conti, ci si trova di fronte a una persona sofferente che in qualità di medico si vuole aiutare. Comprendo l'attuale stato d'animo in Svizzera nei confronti delle persone non vaccinate, ma questo non fa parte del ruolo di un medico».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-23 15:56:25 | 91.208.130.89