Immobili
Veicoli
Miodrag Filipovic
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / GERMANIA
8 ore
Tappa a Berlino per il presidente Cassis
Il consigliere federale ha incontrato il presidente Steinmeier, il cancelliere Olaf Scholz e la ministra Baerbock
VALLESE
10 ore
Il ristoratore disobbediente contrattacca
L'esercente del Walliserkanne di Zermatt ha presentato una querela contro le autorità che lo avevano arrestato.
SAN GALLO
10 ore
Pena ridotta per l'assassino di Lichtensteig
Una perizia psichiatrica fatta sul 45enne olandese ha attestato una sua scemata responsabilità al momento dei fatti.
SVIZZERA
11 ore
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
12 ore
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
13 ore
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
BERNA
13 ore
Mister Dati raccomanda la pubblicazione dei contratti per i vaccini
L'UFSP si è finora opposto alla pubblicazione affermando che l'approvvigionamento non è ancora stato completato
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
SAN GALLO
15 ore
Con le armi softair, sparavano contro una fermata del bus
Due giovani sono stati denunciati a San Gallo. Mercoledì sera sono stati trovati in possesso di armi e munizioni
GRIGIONI
15 ore
«Solo la variante Delta nelle terapie intensive grigionesi»
Il medico cantonale ha fatto il punto della situazione: «C'è una certa stabilizzazione dei contagi, ma ad alto livello».
BERNA
17 ore
Covid: ottimizzazione della gestione del sostegno allo sport
La Confederazione ha sostenuto lo sport svizzero con diversi pacchetti di aiuti finanziari.
VAUD
17 ore
Il pirata della strada di Ollon si è costituito
Tre giorni dopo l'incidente l'uomo si è presentato spontaneamente alla centrale di polizia con il proprio avvocato.
ZURIGO
18 ore
Più comfort per i passeggeri sugli A320neo di Swiss
La compagnia è pronta a decollare con velivoli dagli spazi interni rinnovati
VALLESE
18 ore
Cade nel frantumatore di rocce e muore
Incidente mortale ieri pomeriggio in una cava di ghiaia a Zermatt. La vittima è un 31enne vallesano.
SVIZZERA
06.12.2021 - 15:470
Aggiornamento : 18:05

La richiesta di alcuni medici: «Priorità per i pazienti vaccinati nel triage»

Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.

Come viene chiarito, infatti, «il triage è consentito solo in base a criteri medici».

Fonte N. Knüsel, D. Graf / 20 Minuten
elaborata da Robert Krcmar
Giornalista in formazione

ZURIGO - La situazione nelle unità di terapia intensiva svizzere continua a peggiorare: sempre più pazienti Covid vengono ricoverati, e gli esperti si aspettano il peggio: «Senza misure efficaci, i medici dovranno presto prendere decisioni di triage (ovvero decidere chi curare, e chi no)» ha messo in allerta l'associazione svizzera delle infermiere e degli infermieri (ASI) in un comunicato.

Alla clinica Hirslanden di Aarau si è già dovuto mettere in atto il triage, e il responsabile delle comunicazioni dell'istituto, Philipp Lenz, ritiene che la situazione sia destinata a peggiorare: «Ciò può portare i pazienti ad arrivare in ritardo alle unità di terapia intensiva, con i relativi rischi per la loro salute».

Una situazione che ha portato alcuni medici, come l'epidemiologo Marcel Salathé, a chiedere che i non vaccinati non abbiano la precedenza nell'assegnazione dei letti di terapia intensiva. Lo ha dichiarato in risposta ad un lettore della NZZ, che sosteneva che coloro che rifiutano il vaccino debbano avere gli stessi diritti di coloro che si sono fatti inoculare le dosi.

«Considerare lo stato di vaccinazione»
Salathé non è l'unico medico che la pensa in questo modo. Anche per l'infettivologo Andreas Widmer, «nel caso del triage nelle unità di terapia intensiva, la considerazione dello stato di vaccinazione dovrebbe essere inclusa nelle linee guida medico-etiche dell'Accademia svizzera delle scienze mediche (ASSM)».

Se, come accade attualmente, la stragrande maggioranza dei pazienti nelle unità di terapia intensiva riguarda persone non vaccinate, si devono discutere degli aggiustamenti alle linee guida di triage, per Widmer: «Non è accettabile che i pazienti non vaccinati prendano il posto dei pazienti vaccinati in terapia intensiva e riducano così le loro possibilità di sopravvivenza. La vaccinazione non serve solo a proteggere se stessi, ma aiuta anche a proteggere gli altri».

«Il triage è consentito solo in base a criteri medici»
L'ASSM, nel frattempo, non vuole sentir parlare di criteri di triage adattati. Sibylle Ackermann, a capo del dipartimento di etica, ha dichiarato che capisce il malumore degli operatori sanitari, spesso esausti, «ma noi siamo chiaramente contrari a usare lo stato di vaccinazione come criterio di triage»: «Il triage è consentito solo in base a criteri medici (vedasi box sotto)».

Lo stato di vaccinazione potrebbe però avere un ruolo indiretto in tal senso? Secondo le linee guida SAMV, aggiornate a settembre, va tenuto in considerazione l'onere previsto per il paziente: il fatto che i pazienti Covid con decorso grave rimangano solitamente in terapia intensiva per un periodo molto lungo potrebbe giocare un ruolo. «Ogni valutazione va fatta caso per caso», ha chiarito a riguardo Ackermann.

«Non superare questa linea rossa»
Anche per Michele Genoni, cardiochirurgo e Presidente dell'organizzazione mantello delle società di chirurgia (FMCH) «è chiaro che lo stato di vaccinazione non dovrebbe mai far parte della valutazione per decidere se qualcuno riceva o meno un letto di terapia intensiva. Se un triage è davvero necessario, la persona la cui prognosi è la migliore dovrebbe essere salvata - se si tratta di un paziente non vaccinato Covid o di una vittima di un incidente non conta, deve essere deciso caso per caso».

L'etica medica Ruth Baumann-Hölzle della fondazione "Dialog Ethik" è fermamente contraria a qualsiasi considerazione dello stato di vaccinazione nel processo di triage. Per lei, discriminare i non vaccinati rappresenta una violazione dei diritti umani: «Questa è una linea rossa che non dobbiamo superare», i principi dei diritti umani e della dignità «non dovrebbero essere gettati a mare nemmeno in una crisi, e in questo momento sono messi alla prova» ha concluso.

Come funziona il triage in ospedale?
Per i medici è prassi soppesare i benefici delle diverse forme di terapia, secondo il medico di terapia intensiva dell'Ospedale cantonale di San Gallo Miodrag Filipovic, «ma in una situazione di triage, il peso è molto più grande». Da un lato, l'inizio di terapie urgenti non deve essere ritardato, dall'altro, le decisioni richiedono un'attenta considerazione.

Queste decisioni sono prese solo dai medici più esperti in stretta consultazione con i colleghi di altre discipline e il personale infermieristico. La velocità poi dipende anche dal numero di pazienti: «Fa differenza se sono due o dieci i pazienti considerati per un letto libero».

Secondo Sibylle Ackermann, «si trattano i pazienti che hanno le migliori prospettive di sopravvivenza a breve termine. La decisione dovrebbe essere presa solo sulla base di considerazioni mediche. Comunque, i pazienti che non ricevono un letto di terapia intensiva nella situazione di triage sono comunque trattati: «L'obiettivo terapeutico si sposta dal recupero al sollievo del dolore e della difficoltà respiratoria», per esempio.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 04:31:33 | 91.208.130.87