Immobili
Veicoli
Keystone (archivio)
SVIZZERA
04.12.2021 - 09:000
Aggiornamento : 15:38

«Senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B»

Un pacchetto bilaterale con l'Ue? Parla l'esperto Nicolas Levrat: «Berna sa che esistono alternative all'accordo quadro»

BERNA - Una finestra di opportunità per i negoziati tra la Svizzera e l'UE su un nuovo pacchetto di accordi bilaterali «rimane aperta», secondo il professore di diritto Nicolas Levrat, che ha redatto un rapporto alcuni mesi fa. Sono però necessarie proposte da parte svizzera.

«È sufficiente che il futuro meccanismo di arbitrato cessi», afferma il direttore del Global Studies Institute (GSI) dell'Università di Ginevra, in un'intervista trasmessa a Le Temps, riferendosi al progetto di accordo quadro del 2018 che «considera la Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE) come ultima risorsa». «È possibile», ha aggiunto, citando una clausola dell'accordo economico e commerciale globale (CETA) tra l'Unione europea (UE) e il Canada. «Se noi riformuliamo il ruolo della CGUE, possiamo eliminare il fatale "mito" dei giudici stranieri».

Il contesto è cambiato
Anche se la richiesta svizzera di un tribunale arbitrale neutrale è stata rifiutata più volte da Bruxelles, il professore di diritto ritiene che ora potrebbe essere accettata «perché il contesto è cambiato e l'UE lo ha capito». Bruxelles ha abbandonato l'idea di un accordo applicabile a tutti i suoi partner, sottolinea. «C'è spazio per estendere l'eccezione svizzera, a condizione che la stabilità giuridica degli accordi sia garantita».

Se Berna e Bruxelles trovano un terreno d'intesa sulle questioni istituzionali, ha continuato Levrat, i tre punti sollevati dal Consiglio federale per giustificare l'abbandono del progetto di accordo quadro - cittadinanza europea, misure di accompagnamento e aiuti di Stato - possono essere risolti.

Per il professore, i negoziati su un pacchetto bilaterale potrebbero includere un nuovo accordo sulla ricerca, in particolare per continuare a partecipare al programma Orizzonte Europa, e un accordo sull'elettricità. Ma «senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B».

E il tempo perso finirà per costare caro alla Confederazione, avverte. «Il Consiglio federale sa che esistono alternative all'accordo quadro. Ha quindi i mezzi per prendere l'iniziativa».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-23 16:30:16 | 91.208.130.85