Immobili
Veicoli
tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / RUSSIA
3 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
4 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
GRIGIONI
8 ore
Abitazione devastata da un incendio a Ilanz
Il rogo non ha causato feriti, ma sull'accaduto è stata comunque aperta un'inchiesta.
TURGOVIA
9 ore
Auto distrutta dalle fiamme
Il rogo è scoppiata questa mattina a Frauenfeld. Non si registrano feriti
ZURIGO
12 ore
Oltre due quintali di droga scoperti all'aeroporto di Zurigo
È il bilancio dei controlli effettuati sui viaggiatori nel corso del 2021
SVIZZERA
14 ore
Senza Horizon, discriminazione scientifica
L'appello al Governo per la piena partecipazione della Svizzera al programma di ricerca europeo
SVIZZERA
14 ore
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
TURGOVIA
15 ore
Scassinano auto e aggrediscono un poliziotto, arrestati due 18enni
I due giovani, che hanno danneggiato diversi veicoli, hanno ferito anche un passante che ha tentato di fermarli.
SVIZZERA
15 ore
La necessità di prendersi cura della salute mentale dei dipendenti
È boom di iscritti ai corsi per riconoscere i problemi dei colleghi di lavoro
SVIZZERA
15 ore
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
SVIZZERA
16 ore
SUV sulle nostre strade? Sempre più pericolosi
In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.
SVIZZERA
09.11.2021 - 08:550
Aggiornamento : 09:33

I musei hanno sofferto per il Covid

Gli ingressi sono crollati, e diverse strutture hanno chiuso. Il confronto con il resto della Svizzera

BERNA - I musei svizzeri hanno sofferto parecchio per la pandemia. Nel 2020 sono calati il numero di eventi (–62%), il numero di visite guidate (–54%) e il numero di ingressi (–43%). Al contempo la crisi sanitaria ha favorito lo sviluppo dell’offerta digitale dei musei: il 40% di essi ha aumentato l’attività sul proprio sito web e il 36% quella sui social media. Queste cifre costituiscono alcuni dei nuovi risultati della statistica svizzera dei musei dell’Ufficio federale di statistica (UST).

Nel 2020, in Svizzera l’UST ha recensito 1053 musei, ovvero 75 in meno rispetto all’anno precedente. Questo calo è riconducibile al fatto che nell’anno in questione alcuni musei sono rimasti chiusi, nella maggior parte dei casi solo temporaneamente. La diminuzione del numero di musei rispetto all’anno precedente è stata osservata in tutte le regioni linguistiche. Il calo più marcato si è avuto nella Svizzera italiana (–13%, contro –7% nella Svizzera tedesca e –2% nella Svizzera romanda).
 
Contrazione del numero di ingressi - Nel 2020 i musei svizzeri hanno totalizzato 8,1 milioni di ingressi, il che corrisponde a una riduzione del 43% rispetto all’anno precedente (2019: 14,2 mio. di ingressi). Il numero di musei a forte affluenza di pubblico, ovvero quelli che registrano almeno 50 000 ingressi, è diminuito praticamente della metà (2020: 32; 2019: 60). La diminuzione maggiore del numero medio di ingressi per museo è quella riscontrata nella Svizzera romanda, dove tale numero è calato del 48% (35% nella Svizzera tedesca). Questo andamento riflette il numero medio di giorni di apertura per museo che, in funzione della pandemia, è diminuito in modo più marcato nella Svizzera romanda (–32%) che in quella tedesca (–21%).
 
Rafforzamento dell’offerta digitale - Nel 2020 i musei hanno passato più tempo del solito a mantenere e sviluppare la loro presenza online. Per il 40% dei musei il numero di ore di lavoro in relazione al loro sito web è quindi aumentato tra il 2019 e il 2020. Nello stesso periodo, oltre un terzo dei musei (36%) ha aumentato la propria attività sui social media.
 
I musei possono essere presenti online in diversi modi, alcuni più comuni di altri. Le quattro modalità più utilizzate nel 2019 e nel 2020 sono state l’invio newsletter (nel 2020 lo faceva il 56% dei musei), la pubblicazione online di opere sotto forma di immagini o di diaporama (43%), la comunicazione sulla vita interna al museo (41%) e la pubblicazione online di contenuti video (35%).
 
Una parte dei musei che offrivano questi diversi supporti digitali nel 2020 ha approfittato dell’anno della pandemia per ampliare la propria offerta. L’aumento maggiore è stato registrato per i contenuti video: circa un quarto dei musei (26%) ha integrato la sua offerta con questa proposta. Il 23% ha aumentato il numero di opere del museo proposte su Internet, il 22% ha aumentato le comunicazioni online sulla sua «vita interna», e il 18% ha inviato più newsmail dell’anno precedente.
 
Netto calo delle attività di mediazione culturale - Rispetto agli altri anni, nel 2020 i musei hanno potuto organizzare un numero ridotto di eventi (vernissage, spettacoli, conferenze ecc.): circa 14 000 contro i quasi 37 000 del 2019. Due terzi dei musei (67%) ha comunque potuto organizzare almeno un evento nel 2020 (2019: 88%). Inoltre, gran parte dei musei (91%) ha organizzato almeno una visita guidata nel 2020 (2019: 97%). Il numero medio di visite proposte per museo si è tuttavia ridotto considerevolmente (di oltre la metà): nel 2020 le visite guidate sono state 46, mentre nel 2019 erano state 95. Infine, nel 2020 i musei svizzeri hanno inaugurato 1125 esposizioni temporanee contro le 1636 del 2019, segnando quindi una diminuzione del 31%. Questo calo è stato particolarmente netto nel caso dei musei regionali e locali (–39%).

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 02:19:36 | 91.208.130.89