Immobili
Veicoli
keystone
Osmani-Sadriu
SVIZZERA/KOSOVO
02.09.2021 - 14:060
Aggiornamento : 15:09

«La colpa è della Svizzera, non nostra»

La presidente kosovara Osmani-Sadriu punta il dito contro Berna, per i contagi "di ritorno"

BERNA - La pandemia non ha confini. O forse un po' sì. Il grande numero di contagiati "di ritorno" risultati positivi al rientro dalle vacanze nei Balcani ha fatto parlare giornali e politici nei giorni scorsi in Svizzera e all'estero. La presidente del Kosovo Vjosa Osmani-Sadriu ha lanciato un appello ieri ai propri connazionali in Svizzera, invitandoli a vaccinarsi al più presto. 

Ieri Osmani-Sadriu è stata ospite al Forum economico svizzero di Interlaken (BE) dove ha ribadito l'appello, ma si è anche lasciata andare a qualche rimprovero alle autorità svizzere. A domanda del Blick se si sentisse responsabile per i contagi "importati" in Svizzera dal suo paese, la governante ha risposto che «si tratta per lo più di cittadini svizzeri di origini kosovare» i quali «avrebbero dovuto essere vaccinati in Svizzera». 

Fino ad agosto il Kosovo ha avuto «uno dei tassi d'infezione più bassi d'Europa» ricorda Osmani-Sadriu. «È con l'arrivo dei vacanzieri svizzeri e di altri paesi che le infezioni sono aumentate. Spettava alle autorità svizzere convincere queste persone a vaccinarsi, prima di venire in Kosovo per l'estate».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-19 21:19:20 | 91.208.130.87