Immobili
Veicoli
Keystone
La situazione nel Paese è tragica.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
7 min
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
ZURIGO
32 min
L’ospedale di Wetzikon premia i suoi infermieri
Il dieci per cento in meno di lavoro e salario invariato: questa la soluzione per far fronte alla carenza di sanitari.
SVIZZERA
1 ora
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
VALLESE
1 ora
È morto l'escursionista travolto da una valanga venerdì
Il 72enne ricoverato in ospedale a Sion è deceduto ieri sera
SVIZZERA
2 ore
Aziende green e sostenibili? È una questione (soprattutto) di reputazione
Sembra essere questa la principale motivazione, secondo uno studio di Deloitte
SVIZZERA
3 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
12 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
13 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
GRIGIONI
17 ore
Abitazione devastata da un incendio a Ilanz
Il rogo non ha causato feriti, ma sull'accaduto è stata comunque aperta un'inchiesta.
SVIZZERA
16.08.2021 - 12:100

«I rifugiati afghani devono essere ammessi temporaneamente in Svizzera»

È la richiesta fatta dalla Coalizione dei giuristi indipendenti per il diritto di asilo alla Confederazione.

Nel frattempo il SEM ha annunciato la sospensione dei rimpatri verso l'Afghanistan «fino a nuovo avviso».

BERNA - Con l'avanzata e la presa del potere dei talebani in Afghanistan, i rifugiati afghani hanno bisogno di un'ammissione almeno temporanea in Svizzera. Ne è convinta la Coalizione dei giuristi indipendenti per il diritto di asilo.

Lo scorso mercoledì la segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha annunciato la sospensione, fino a nuovo avviso, dei rimpatri verso l'Afghanistan «a causa della situazione venutasi a creare nel Paese».

La sospensione dei rimpatri è una misura a breve termine, ma la situazione in Afghanistan non è destinata a migliorare rapidamente, scrive oggi l'organizzazione in una lettera indirizzata al Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), alla SEM e al Parlamento. A suo avviso, l'ammissione provvisoria dovrebbe essere concessa agli afghani che sono qui, indipendentemente dal fatto che ci sia o meno una procedura d'asilo in corso.

Già lo scorso venerdì l'Organizzazione svizzera aiuto ai rifugiati (OSAR) e Amnesty International (AI) avevano applaudito la decisione della Confederazione di sospendere i rimpatri in Afghanistan fino a nuovo ordine. Chiedono tuttavia che ai cittadini afghani con domande d'asilo respinte sia concessa l'ammissione temporanea.

Le varie organizzazioni auspicano anche agevolazioni nei ricongiungimenti familiari e che Berna faciliti la concessione di visti umanitari ai familiari di afghani che hanno ottenuto l'asilo o l'ammissione temporanea in Svizzera, oppure che permetta a persone particolarmente vulnerabili di entrare in Svizzera attraverso il programma di reinsediamento.

2'800 afghani in Svizzera - Attualmente ci sono circa 2'800 richiedenti asilo afghani nella Confederazione e in 130 casi si è nella fase di esecuzione dell'allontanamento, ha spiegato venerdì in conferenza stampa il direttore della SEM Mario Gattiker. Essi, ha sottolineato, sono sospesi da mercoledì 11 agosto, mentre le domande di asilo continueranno a essere elaborate. I preparativi per il rimpatrio verranno portati avanti solo nel caso di persone che hanno commesso reati gravi, ma si concretizzeranno non appena saranno nuovamente possibili, ha precisato il direttore della SEM.

L'Afghanistan aveva già chiesto a inizio luglio alla Svizzera d'interrompere per tre mesi i rimpatri di richiedenti asilo respinti, a causa dell'avanzamento dei talebani e della pandemia di coronavirus. Una sospensione chiesta anche da organizzazioni umanitarie.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
RV50 5 mesi fa su tio
Perché non vengono ospitati dalle nazioni che sono andate li a fare le guerre USA - Germania _ Inghilterra e altre che ora hanno lasciato il popolo al loro destino.... la Svizzera non é un asilo per tutti gli sbagli fatti dagli altri. Hanno fatto il danno se ne prendano le loro responsabilità abbiamo anche in Svizzera chi ha bisogno e hanno sempre pagato le tasse.
M70 5 mesi fa su tio
ogni nazione del mondo dovrebbe aiutare prima il proprio popolo x ogni e qualsiasi bisogno e poi nel limite del possibile aiutare gli altri.
Tato50 5 mesi fa su tio
@M70 Si sobbarchino questo compito chi l'ha creato spendendo miliardi per addestrare un esercito di mercenari che prima dell'arrivo degli americani erano quelli che tagliavano la gola e violentavano le donne. Persino aerei da combattimento sono laggiù, nelle mani di chi adesso ha il potere. Potrebbe comprarli la Svizzera tanto non li hanno mai usati perché non sapevano da che parte salire ;-(
Giulietto 5 mesi fa su tio
Assolutamente d’accordo, ogni nazione al mondo deve aiutare i popoli stremati che soffrono per fame e guerre volute e finanziate comunque dall’occidente, soprattutto donne, bambini e anziani sono i benvenuti
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 11:04:01 | 91.208.130.89