deposit
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Cosa fare quando vedi una scena simile?
Apriamo gli occhi sulla violenza all'interno di una coppia. Partecipa al sondaggio.
LUCERNA
7 ore
Le sottrasse diversi milioni, condannata una guaritrice
Una 66enne di Glarona è stata ritenuta colpevole di una lunga serie di reati, tra cui l'appropriazione indebita.
SVIZZERA
8 ore
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
SVIZZERA
9 ore
Verso l'estensione oltre i sei mesi del certificato Covid per chi è guarito
«Faremo certamente degli aggiustamenti» affermano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
11 ore
I camerieri possono essere obbligati a presentare il certificato Covid
La misura deve essere proporzionata e valutata caso per caso
ZURIGO
13 ore
Nessun controllo dei certificati, piscina chiusa dalla polizia
All'ingresso della struttura coperta erano affissi dei cartelli indicanti che non vi sarebbe stato alcun controllo.
BERNA
14 ore
Caso FIFA: l'immunità di Stefan Keller non sarà tolta
Il presidente del tribunale cantonale di Obvaldo, era incaricato di indagare sugli incontri segreti tra Michael Lauber.
BERNA
15 ore
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
16 ore
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
17 ore
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
18 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
SVIZZERA
18 ore
In diminuzione i casi di meningoencefalite e borreliosi da zecche
Secondo l'UFSP i casi finora segnalati quest'anno sono 234.
GRIGIONI
19 ore
Auto si ribalta più volte, adolescenti solo leggermente feriti
L'incidente è avvenuto ieri tra Sarn e Cazis. Solo leggere ferite per due 18enni e un 17enne.
ZURIGO
29.07.2021 - 21:510

Lavoro più duro, meno clienti, richieste estreme

La pandemia sta lasciando profonde cicatrici nell'industria del sesso.

Le donne lottano contro la brutalità dei clienti e le difficoltà finanziarie. Due prostitute e una dominatrice si raccontano.

ZURIGO - La "sfilata" davanti ai clienti dura un minuto. Poi coppie di tacchi alti si allontanano in più direzioni. Una donna accompagna il visitatore nelle sue stanze.

«Una brutta giornata è quando non arrivano "corteggiatori". O quando non ti vogliono, o sono brutali con te», racconta al Blick Gloria (25), prostituta all'Eden, un bordello a Schlieren (ZH). Le "giornate no" sono aumentata con la pandemia. «Il mio lavoro è più difficile di prima», sostiene.

La "contessa" Viola aspetta gli ospiti nell'attico di una casa blu a Reppischhof (ZH). Lo studio è attrezzato a puntino: le fruste appese, i giocattoli sessuali in una vetrinetta, niente polvere. La dominatrice aveva due o tre uomini al giorno. Ora questo numero lo raggiunge in una settimana.

«Clienti arroganti e violenti» - «Noto che i clienti sono più stressati», spiega. «Vengono da me per liberarsi dalla loro frustrazioni, ma sono sempre più quelli arroganti o che ti trattano dall'alto in basso. Alcuni arrivano a strapparmi i capelli o chiedono qualcosa che non offro».

Più uomini vogliono sesso senza preservativo - Dopo la pandemia, inoltre, sempre più uomini vorrebbero fare sesso senza preservativo. La clientela sta andando alla deriva in due estremi: alcuni uomini sono spariti per paura del virus, altri non si preoccupano più di niente.

Nessuna paura - Gloria non vuole essere vaccinata. Teme gli effetti a lungo termine. Deve testarsi ogni tot giorni, come tutte le prostitute dell'Eden. Come le altre, non ha paura del virus. «Nessuna tra le mie conoscenze, è stata contagiata sul lavoro», afferma la collega Lia (35). «Nemmeno in altri bordelli».

«Il lavoro è cambiato» - Il business del sesso è diventato più difficile, su questo le ragazze intervistate sono d'accordo. I bordelli del canton Zurigo sono stati chiusi per mesi. Dalla riapertura a giugno hanno notato la differenza: il settore non è più lo stesso.

Gloria è tornata in Svizzera solo da poche settimane. Ha trascorso il secondo lockdown con la sua famiglia in Romania, ha lavorato come cameriera in un ristorante e a malapena ha fatto quadrare i conti. I suoi parenti pensano che lavori qui come donna delle pulizie.

Lia opera da sei anni a Zurigo e San Gallo. Non ha più visto molti dei suoi ospiti abituali dallo scoppio della pandemia. Qualche settimana fa è passato per la prima volta un vecchio cliente: «Era solito "divorarmi" e voleva fare sesso orale senza preservativo», racconta Lia. «Ora è completamente cambiato, non vuole baci e solo sesso da dietro».

Un cliente su due non si presenta - Nello studio di Hades, di cui la "contessa" Viola è la direttrice, una stanza è stata allestita come fosse un reparto d'ospedale. «La mia clinica», così la chiama la dominatrice che al momento dell'intervista indossa un vestito da infermiera attillato sul quale risaltano le sue labbra rosso vivo.

Viola ha fatto anche il richiamo del vaccino. Accoglie i suoi ospiti con una mascherina trasparente. È necessario fornire i propri contatti, ma non è richiesto nessun certificato di vaccinazione o test.

La sua quotidianità è diventata più burocratica, aggiunge. «Ora devo occuparmi più dell'amministrazione che dei desideri dei miei ospiti». Molti uomini le scrivono, ma poi non si presentano all'appuntamento. Circa la metà degli ospiti lo fa. Prima della pandemia, era al massimo uno su dieci. «Mi scrivono su Whatsapp o mi mandano foto inappropriate - racconta -. Non è così che funziona!».

Timori finanziari e conseguenze del lockdown - La clientela della dominatrice include spesso giovani sotto i 30 anni. Di solito sono persone che ricoprono incarichi di responsabilità sul lavoro. «Vieni da me per lasciarti andare e rinunciare al controllo», prosegue Viola. Ma a causa del Coronavirus molti di questi potenziali clienti lavorano da casa e quindi non riescono a giustificare l'assenza.

Questo ha gravi conseguenze per le operatrici del sesso. La "contessa", ad esempio, ha dovuto pagare l'affitto dello studio per tutto il lockdown senza ricevere alcun compenso. La dominatrice è tormentata dai problemi finanziari: «Ho dovuto stringere la cinghia. Ovviamente tagliando sulle vacanze, sono fuori discussione». La donna non si arrende, sperando che il settore si riprenda, e soprattutto che non si debba richiudere. «A quel punto non saprei più cosa fare».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 07:43:08 | 91.208.130.85