Deposit
SVIZZERA
06.07.2021 - 20:020

Long Covid, dopo sette mesi il 40% dei pazienti ha ancora problemi

L'Ospedale universitario di Ginevra ha realizzato uno studio sulle problematiche persistenti legate al coronavirus.

Più di un paziente su tre presenta ancora sintomi a oltre sette mesi dall'infezione.

GINEVRA - Sette-nove mesi dopo aver contratto il Covid-19, il 39% dei pazienti ha ancora sintomi residui. È questo il risultato di uno studio effettuato in modo congiunto dall'Ospedale universitario di Ginevra (HUG) e dall'Università di Ginevra sulle conseguenze a medio-lungo termine della malattia. Le problematiche durature più comunemente osservate sono affaticamento persistente, disturbi neurologici, respiro affannoso, problemi cardiaci e disturbi psichiatrici.

La fatica, un sintomo comune - Lo studio si è concentrato su 410 pazienti che si sono consultati presso l'HUG tra il 18 marzo e il 15 maggio 2020. Sono state escluse le persone ricoverate in ospedale a seguito di gravi complicazioni. Nella “classifica” dei sintomi persistenti ci sono affaticamento (20,7%), perdita del gusto e dell'olfatto (16,8%), mancanza di respiro (11,7%) e mal di testa (10%). Tutti risultati, questi, paragonabili a quelli di altri studi internazionali simili.

Donne più esposte - L'incidenza di questi sintomi sembra essere maggiore nelle donne. Al contrario, tutte le fasce d'età sono colpite, compresi i giovani in buona salute. Sorprendentemente, invece, queste complicazioni variano nel tempo. Alcuni pazienti hanno ritrovato la normalità 30-45 giorni dopo l'inizio della malattia, per poi tornare sintomatici sette-nove mesi dopo l'infezione.

Intensità da leggera a moderata - I ricercatori hanno inoltre notano che l’intensità dei sintomi diminuisce nel tempo, ad eccezione del mal di testa. Sebbene la maggior parte dei partecipanti allo studio citi intensità da lieve a moderata per descrivere i sintomi, il direttore dello studio, il professor Idris Guessous, spiega che la forma lunga della malattia influisce sulla qualità della vita. «Le persone con un livello di salute ottimale prima dell'infezione chiaramente non sono più al loro meglio dopo la malattia. Questa sensazione di non essere al meglio della salute, sommata allo sconforto di fronte alla mancanza di progressi chiari, è particolarmente difficile da sopportare».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 12:33:40 | 91.208.130.85