keystone
ZURIGO
28.05.2021 - 14:050

Incertezza dopo la rottura dei negoziati sull'accordo quadro

Nelle loro prime stime, gli economisti non vedono al momento effetti negativi diretti per la Svizzera.

La decisione non dovrebbe comportare un esodo improvviso di aziende e dipendenti.

ZURIGO - Dopo l'abbandono da parte del Consiglio federale dei negoziati con l'Unione europea (Ue) sull'accordo quadro, c'è grande incertezza.

Nelle loro prime stime, gli economisti non vedono al momento effetti negativi diretti per la Svizzera.

Era prevedibile già da qualche tempo il fallimento dei colloqui tra il Consiglio federale e la Commissione europea e il loro abbandono «non è uno shock per l'economia», ha detto oggi all'agenzia finanziaria AWP Karsten Junius, capo economista presso la banca J. Safra Sarasin. Egli parte dal principio che la decisione non dovrebbe comportare un esodo improvviso di aziende e dipendenti.

Altrettanto tranquillo Martin Neff, suo omologo di Raiffeisen Svizzera, che non vede «nessuna conseguenza immediata per il momento». Si tratta ora di osservare da vicino gli sviluppi futuri. «Molte cose dipendono dalla forma che prenderà la relazione con l'Ue», ha detto. Non potendo valutare seriamente le possibili conseguenze, l'esperto non intende modificare per ora le sue previsioni di crescita economica per la Svizzera.

Nell'immediato, l'assenza di un accordo quadro tra la Svizzera e l'Ue non dovrebbe pesare improvvisamente sul mercato del lavoro e sull'economia elvetica, ma piuttosto provocare una graduale erosione delle relazioni tra Berna e Bruxelles, ritiene Junius.

Tecnologie mediche interessate - «I regolamenti che hanno funzionato bene in passato non potranno più essere adattati alla realtà che cambia così rapidamente. Ma piuttosto che portare a un crollo economico, questo dovrebbe pesare sulle tendenze della produttività nel medio termine», prevede l'economista.

Al momento, «solo» il settore della tecnologia medica è toccato, ha detto Neff. L'accordo di conformità con la Svizzera non è stato aggiornato, di conseguenza gli ostacoli amministrativi sono aumentati. Con il tempo, tuttavia, altri settori come l'ingegneria meccanica potrebbero essere colpiti se altri accordi industriali non vengono rinnovati.

Una mancata conclusione dell'accordo sull'elettricità potrebbe anche pesare nel tempo sui fornitori svizzeri, aggiunge Neff. Presto o tardi, anche i prodotti agricoli o il trasporto terrestre e aereo potrebbero risentire degli effetti di accordi non rinnovati.

I due esperti rifiutano l'idea che altri paesi potrebbero compensare alcune difficoltà con l'Ue. I nuovi accordi di libero scambio sono sempre un modo per espandere i canali di vendita degli esportatori, ma «i tempi non sono maturi», ha detto l'economista. Con molti potenziali partner di libero scambio, le differenze sono di solito molto più grandi che con un accordo quadro.

«Le relazioni con l'Ue sono insostituibili per la Svizzera», ha affermato Junius. Le esportazioni svizzere verso i paesi dell'Ue sono il doppio di quelle verso l'Asia, l'Africa, il Sud e il Centro America messi insieme. «Al momento non vedo scenari per un nuovo calendario, il che è forse l'elemento più deprimente», ha concluso Junius.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-24 15:13:54 | 91.208.130.85