20min/Simon Glauser
SVIZZERA
27.05.2021 - 18:030
Aggiornamento : 19:45

La Task Force scientifica si adatta alla situazione pandemica

L'UFSP fa comunque sapere che la collaborazione prosegue

BERNA - Con il miglioramento della situazione epidemiologica, la Task Force scientifica della Confederazione adatterà le sue attuali disposizioni. Il gruppo di esperti istituito dal Consiglio federale a fine marzo 2020 in relazione alla pandemia di Covid-19 rimarrà comunque «flessibile e reattivo», secondo l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

L'UFSP ha confermato a Keystone-ATS un'informazione odierna del media in linea romando Heidi.news. Per il momento non si prevedono cambiamenti fondamentali nella collaborazione con la Task Force, ha precisato l'ufficio.

Il proseguimento dell'attuale mandato è assicurato fino a nuovo avviso. Anche se la situazione epidemiologica migliora, importanti questioni scientifiche devono ancora essere chiarite.

La cooperazione con la Task Force è essenziale, sottolinea l'UFSP. La sue conoscenze scientifiche sono importanti e preziose. Sono integrate nelle considerazioni dell'UFSP e anche nelle proposte presentate al Consiglio federale.

«Continueremo ovviamente a mettere i risultati scientifici a disposizione delle autorità», ha indicato Martin Ackermann, presidente della Task Force, in una dichiarazione inviata a Keystone-ATS.

Sono in corso discussioni per istituire un meccanismo che «ci permetta di rimanere il più flessibili possibile» nel caso in cui la situazione epidemiologica cambi. Nulla è stato ancora deciso. Le nuove modalità dipenderanno anche dai bisogni delle autorità. Sono in corso discussioni all'interno della Task Force, ma anche con l'UFSP, ha indicato Ackermann.

Il gruppo di esperti è diretto dal biologo Martin Ackermann e conta una settantina di membri, non remunerati dalla Confederazione. Alcuni di loro hanno ripetutamente criticato pubblicamente la politica delle autorità durante la pandemia.

D'altra parte, alcuni politici hanno cercato di mettere la museruola alla Task Force: a febbraio, la Commissione dell'economia e dei tributi (CET) del Consiglio nazionale ha cercato di vietarle di fare dichiarazioni pubbliche. Ma viste le opposizioni sollevate, la CET è poi tornata sui suoi passi.

Il gruppo ha anche registrato una dozzina di partenze dalla sua creazione, come quella del neurologo Dominique de Quervain dell'università di Basilea, in aprile, e quella dell'epidemiologo Christian Althaus, in gennaio. Alcuni hanno sostenuto che preferivano tornare alle loro attività.

Su Heidi.news, il professore Didier Trono, capo del laboratorio di virologia e genetica al Politecnico federale di Losanna (EPFL) nonché membro della Task Force, spiega che una "forma di stanchezza" può sorgere tra alcuni scienziati dopo 15 mesi nel gruppo di esperti.

A suo avviso, la struttura della Task Force non va perpetuata a tutti i costi. «Non siamo diventati membri per il gusto di farlo. L'abbiamo fatto per essere utili, non per fare una carriera politica o mediatica», aggiunge.

Secondo il virologo, «sono stati gli scienziati e i medici che probabilmente sono riusciti a stabilire la fiducia con il pubblico» durante la crisi pandemica.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 14:14:52 | 91.208.130.89