20minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 ore
La chiusura delle palestre «ha danneggiato la salute dei clienti»
Non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, secondo la federazione svizzera del settore
BASILEA
5 ore
Lite, spunta un coltello: grave un 48enne
L'aggressore è riuscito a far perdere le sue tracce
SVIZZERA
6 ore
Misure anti-Covid, l'invito alla moderazione di Blocher
Pur avendo simpatia per i critici, la situazione attuale non è così grave da giustificare la violazione dei divieti
ZURIGO
7 ore
Ci sono più certificati che vaccinati e guariti messi assieme
Secondo l'Ufsp non si tratta di falsi. Ciò è possibile per quattro ragioni differenti.
ZURIGO
7 ore
Proprietario di agenzia di modelli condannato per molestie
La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false
SVIZZERA / STATI UNITI
8 ore
La Svizzera e «tutto quello che abbiamo fatto a favore dell'Unione europea»
Guy Parmelin replica alle affermazioni di Maros Sefcovic
STATI UNITI / SVIZZERA
8 ore
Parmelin e Cassis fanno promozione per la Svizzera
Oltre all'Assemblea generale dell'Onu ci sono stati bilaterali e riunioni di varia natura
SVIZZERA
9 ore
Lo Stato raccomanda il telelavoro, i capi impongono il ritorno in ufficio
Sono diversi i dipendenti che si interrogano sui vincoli dettati dai loro datori di lavoro.
TURGOVIA
9 ore
Mezzo pesante e bicicletta si scontrano: morto un 72enne
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio a Kreuzlingen, la polizia cerca testimoni
FOTO
FRIBURGO
10 ore
In questo bosco potrai incontrare un raro coleottero
Una trappola installata dai ricercatori del Museo di storia naturale nella foresta di Broye ha catturato il raro insetto
ZURIGO
11 ore
Filmava bambini nudi, condannato
Ha effettuato le riprese in una struttura balneare per naturisti: un 57enne dovrà scontare 26 mesi di prigione
SVIZZERA
12 ore
A Berna nessuna manifestazione contro le misure anti-Covid
Era prevista per domani ma i promotori delle proteste e la città di Berna non hanno trovato un accordo.
BERNA
10.05.2021 - 16:230
Aggiornamento : 21:41

Questi sono gli allentamenti che potrebbero arrivare

Quarantena, ristorazione, smartworking: aumentano le pressioni sul Consiglio federale per un ritorno alla normalità

Ciò, in considerazione dei dati in calo, confermati dal capo della Task Force Martin Ackermann

BERNA - Curva dei contagi, ricoveri, decessi e test positivi: l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) segnala una tendenza al ribasso nei più importanti indicatori del tasso di infezione. La task force ha recentemente confermato che i modelli sui quali si era basata avevano prodotto previsioni pessimistiche che non si sono realizzate.

Anche il consigliere nazionale Martin Bäumle (PVL) è cautamente ottimista: l'attuale tendenza ha chiaramente eliminato il rischio di una terza ondata. Grazie al clima mite, «il picco di viralità è stato facilmente superato».

Tutto ciò, aumenta le pressioni sul Consiglio federale affinché, nella seduta di mercoledì, si prospettino ulteriori allentamenti. Anche Martin Ackermann, a capo della Task Force Covid, ha dichiarato alla "NZZ am Sonntag" che «si può essere cautamente ottimisti e pensare a ulteriori allentamenti».

I punti seguenti sono quelli che potrebbero essere ridiscussi:

Regole di quarantena
Chiunque entri in Svizzera da un paese a rischio deve rimanere in quarantena per dieci giorni. Ciò vale anche per il milione di persone completamente vaccinato in Svizzera. La situazione potrebbe cambiare: il Consiglio federale discuterà presto la revoca di restrizioni come la quarantena di viaggio. Il Consiglio federale aveva già proposto ai Cantoni un altro specifico allentamento. Coloro che sono guariti dovrebbero essere esonerati dall'obbligo di test e quarantena per sei mesi ed essere ammessi a bordo di un aereo senza dover portare un test negativo.

Nicolo Paganini, Presidente della Federazione svizzera del turismo (FST), auspica che il Consiglio Federale proceda anche con il riconoscimento dei passaporti vaccinali stranieri. «Finché abbiamo bisogno di test e, per alcuni paesi, di quarantena anche per le persone vaccinate, questi ospiti non verranno in vacanza da noi», afferma su 20 Minuten. Finora soltanto l'Austria ha fatto progressi con il lancio di un "Green Pass", che ha lo scopo di consentire i viaggi, e dovrebbe essere introdotto alla fine di maggio.

Smartworking
Dal 18 di gennaio vige l'obbligo di lavorare da casa, laddove possibile. Anche questa regola potrebbe essere ridiscussa in Consiglio federale. Fabio Regazzi, presidente dell'associazione di categoria, ne è sicuro: «Bisogna far cadere l'obbligo dell'home office, che danneggia in particolare le PMI e non ha quasi ottenuto nulla». Inoltre è evidente ormai a tutti che il Consiglio federale non possa ignorare la situazione favorevole: «Con l'avanzare della campagna vaccinale e lo sviluppo positivo degli indicatori, non ci sono più giustificazioni per le restrizioni».

Zone interne dei ristoranti
Regazzi chiede che, oltre alle terrazze, anche gli spazi interni del ristorante possano essere nuovamente aperti. «Con i concetti di protezione, è un rischio che possiamo correre», afferma. Dall'apertura delle sale fitness, infatti, si è visto che gli spazi interni non sembrano portare a un aumento del rischio di infezione. «I numeri stanno andando nella giusta direzione. Non vedo motivo per cui il Consiglio federale non debba consentire agli albergatori le stesse aperture dei centri fitness», incalza Regazzi.

Il consigliere nazionale UDC Thomas Matter va anche oltre. In un video su YouTube, non solo chiede lo scioglimento della Task Force, ma invita anche il Consiglio federale a riaprire tutto e «subito».

«Troppo presto»
Katharina Prelicz-Huber (Verdi) invita però alla pazienza: «lo sviluppo attuale è positivo e stiamo entrando nella fase 2 del modello proposto da Alain Berset (di stabilizzazione). Ma dobbiamo fare attenzione a non riaprire tutto troppo presto». «Evitiamo una nuova ondata di infezioni prima che tutti coloro che vogliono essere vaccinati abbiamo potuto farlo». Per Prelicz, però, sono concepibili un allentamento per ciò che riguarda lo smartworking e una riapertura di una parte degli spazi interni dei ristoranti.

Proprio sui ristoranti, Martin Ackermann è ancora cauto: «Gli incontri al chiuso senza mascherine rappresentano il maggior rischio di infezione. Che sarà minore quando più persone saranno vaccinate e circolerà meno virus».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 04:38:29 | 91.208.130.85