Immobili
Veicoli
Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SAN GALLO
30 min
Finisce fuori strada a causa di un capriolo
È successo ieri sera a Wittenbach (SG). Il conducente di 22 anni è stato portato in ospedale
LUCERNA
57 min
Il reddito di base incondizionato per affrontare le sfide della società
La misura viene proposta da un comitato apartitico a Lucerna. Si tratterebbe di sperimentarla per tre anni
SVIZZERA
2 ore
Le polemiche sul nucleare agitano il PLR
I malumori andavano risolti “in casa”, secondo il presidente Thierry Burkart
SAN GALLO
2 ore
Un giovane ubriaco provoca la polizia
È stato fermato la scorsa notte a San Gallo. Aveva un tasso alcolemico dell'1,9 per mille
SVIZZERA
3 ore
Le parole di Berset dividono la popolazione
«Conosciamo troppo poco le conseguenze a lungo termine» ricorda Edith Leibundgut.
GINEVRA
11 ore
900 email da una cinquantina di indirizzi diversi: condannata una giovane stalker
La donna aveva preso di mira il suo ex e una sua insegnante nell'arco di diversi anni.
BERNA
14 ore
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
15 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
17 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
BERNA
17 ore
La segretaria di Stato incontra il viceministro degli esteri russo Vladimir Titov
Al centro dell'incontro anche le questioni bilaterali in settori come l'economia e l'energia.
SVIZZERA
17 ore
«La doppia nazionalità non va revocata in caso di gravi crimini»
La Commissione delle istituzioni politiche del Nazionale ha respinto un'iniziativa di Piero Marchesi
ARGOVIA
20 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
SVIZZERA
30.04.2021 - 10:530

Salari aumentati dell'1,5% nell'anno della pandemia

Lo comunica l'Ufficio federale di statistica. Per la seconda volta dal 2019, il potere d'acquisto è cresciuto.

Salari nominali in crescita dello 0,5% nel secondario e del 0,9% nel terziario.

BERNA - Nonostante la crisi Covid-19, lo scorso anno i lavoratori in Svizzera hanno beneficiato di una crescita della loro paga. È quanto emerge dai calcoli dell'Ufficio federale di statistica (UST). I salari nominali sono aumentati dello 0,8%, ma poiché vi è stato un rincaro negativo dello 0,7%, i salari sono aumentati dell'1,5% in termini reali.

La moderazione degli aumenti salariali in termini nominali osservata dal 2012, con tassi annui inferiori all'1,0%, si è confermata anche nel 2020, indica l'UST in un comunicato diramato stamani. Nei tre anni precedenti le progressioni erano state di 0,9% (2019), 0,5% (2018) e 0,4% (2017).

In generale, le decisioni relative agli adeguamenti salariali per il 2020 sono state prese nel settembre del 2019, quando l'inflazione per l'anno seguente era stimata al +0,4%. La crisi sanitaria dovuta al Coronavirus e il rallentamento congiunturale che ne è conseguito hanno però provocato un calo dello 0,7% del livello generale dei prezzi.

Per la seconda volta dal 2019, il potere d'acquisto (che risulta dall'adeguamento dei salari nominali all'inflazione) è cresciuto.

L'aumento dei salari nominali negoziato a titolo collettivo per il 2020 nell'ambito dei principali contratti collettivi di lavoro (CCL), cui è assoggettato quasi mezzo milione di dipendenti, è stato dello 0,4%.

+0,5% nel secondario - I salari nominali sono aumentati in media dello 0,5% nel settore industriale (+0,9% nel 2019, +0,3% nel 2018 e +0,4% nel 2017), attestandosi al di sotto del tasso dell'insieme dell'economia (+0,8%). Il +0,5% nasconde una grossa diversità tra i vari rami del settore secondario, con valori compresi fra un -1,8% e un +2,2%.

Le maggiori progressioni sono state registrate nella fabbricazione di prodotti in metallo (+2,2%) e nelle costruzioni (+0,8%). I cali maggiori invece sono stati rilevati per l'attività estrattiva e la fornitura di energia (-1,8%) e per le industrie del legno e della carta e la stampa (-0,3%).

+0,9% nel terziario - Come nel 2019, lo scorso anno il settore terziario ha registrato un aumento dei salari nominali dello 0,9% (+0,5% nel 2018 e +0,4% nel 2017). I rami economici in cui sono state registrate le progressioni più marcate sono le attività informatiche e servizi d'informazione (+2,7%), le attività professionali, scientifiche e tecniche (pure +2,7%), seguiti da commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli (+2,1%).

Per quanto riguarda il ramo della sanità, alloggi sociosanitari e assistenza sociale, i salari nominali sono aumentati dell'1,7%. Sempre nel terziario per cinque settori è invece stato rilevato un calo dei salari nominali: tra questi il ramo delle attività assicurative (-2,1%) e quello del commercio all'ingrosso (-0,6%).

Aumento in termini reali - In termini reali l'aumento è stato di +1,2% per il settore secondario e di +1,6% per quello terziario. L'evoluzione dei salari reali però è stata molto variabile e si è situata all'interno dell'intervallo tra -1,4% e +3,4%, sottolineando la diversità delle dinamiche salariali che caratterizzano ciascun ramo economico.

Evoluzione negli ultimi cinque anni - Per i lavoratori dipendenti nel loro complesso, dal 2016 al 2020 il ritmo annuo medio della progressione dei salari reali è stato dello 0,5% e nel settore secondario dello 0,4%. I cosiddetti rami "di media-alta tecnologia", che sono anche i grandi rami esportatori del settore industriale, sono quelli che hanno influito maggiormente sull'aumento dei salari reali nell'arco di questo lustro. Si tratta dei rami della fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e della fabbricazione di apparecchiature elettriche (+0,6%), della fabbricazione di prodotti chimici e farmaceutici (+0,5%) e della fabbricazione di macchinari, apparecchiature e mezzi di trasporto (+0,5%). Negli ultimi cinque anni gli altri rami del settore hanno mantenuto un andamento positivo, ad eccezione dell'attività estrattiva, che ha invece registrato una riduzione del potere d'acquisto dello 0,1%.

Dal 2016 al 2020 il settore terziario ha registrato un incremento annuo medio dei salari reali dello 0,6%. Le rivalutazioni più marcate sono state osservate per i rami di attività informatiche e servizi d'informazione (+1,1%), attività professionali, scientifiche e tecniche (+1,0%) ed attività di editoria, audiovisive e delle telecomunicazioni (+0,9%). Tutti i rami del terziario hanno registrato un aumento del loro potere d'acquisto: quello di minore entità è stato rilevato per il ramo "Trasporto e magazzinaggio" (+0,1%).

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-29 11:20:13 | 91.208.130.85