Keystone
La situazione nel cantone della Svizzera orientale è precipitata a novembre: negli ospedali rimangono solo quattro letti di cure intense.
TURGOVIA
07.12.2020 - 15:530
Aggiornamento : 16:13

Mini coprifuoco e home office obbligatorio in Turgovia

L'esecutivo cantonale ha deciso d'imporre nuove restrizioni per tentare di contenere la diffusione del virus.

Le nuove disposizioni entreranno in vigore mercoledì e varranno fino al 23 dicembre.

FRAUENFELD - Turgovia - uno dei sei cantoni richiamati sabato all'ordine da Berna - ha deciso d'inasprire le misure per contrastare il coronavirus a causa del numero sempre più elevato di casi Covid-19 e di ricoveri ospedalieri. Le nuove disposizioni, tra cui chiusure anticipate di alcuni locali e punti vendita e un obbligo per l'home office, entreranno in vigore mercoledì e varranno fino al 23 dicembre. Il Consiglio di Stato del cantone della Svizzera orientale ha quindi dato ascolto all'ultimatum lanciato da Berset e Sommaruga, a differenza di quanto fatto in precedenza dall'Escutivo argoviese che ha scelto di non adottare - per il momento - misure supplementari per contenere l'epidemia di coronavirus. 

Mini coprifuoco - A Frauenfeld e dintorni si è invece propenso per correre ai ripari, imponendo le seguenti misure: ristoranti, bar, club e negozi di alimentari e di bevande devono chiudere tra le 22.00 e le 6.00. Nei ristoranti non devono essere sedute a un tavolo più di quattro persone appartenenti al massimo a due nuclei famigliari.

Ritrovi limitati e home office - Sono vietati ritrovi e riunioni sia su suolo pubblico che privato con oltre 10 persone. Per le funzioni religiose e i funerali il limite è fissato a 50 persone. Le attività sportive e culturali non professionali sono pure limitate a dieci unità. Il lavoro a casa, quando possibile, è obbligatorio. Queste nuove misure entreranno in vigore mercoledì alle 20.00 e saranno valide fino alla mezzanotte del 23 dicembre.

La situazione epidemiologica nel cantone - La situazione è peggiorata nel mese di novembre: nella sua seconda metà il numero di nuovi contagi è aumentato del 20%, sottolinea l'esecutivo cantonale. Da venerdì sono stati registrati 398 nuovi casi e nelle ultime tre settimane sono morte 40 persone. Il tasso di riproduzione nel cantone è attualmente di 1,08. Inoltre il numero di nuovi ricoveri resta a livelli alti: su 26 letti nelle cure intense, 22 sono occupati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 2 mesi fa su tio
Oramai siamo alla frutta con le contromisure covid, dire che siamo nel ridicolo è un eufemismo, la fantasia dei nostri politici si è esaurita e adesso se la giocano con o dadi, tanto per far credere che sono utili a qualcosa!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-25 23:08:47 | 91.208.130.85