Keystone
Democentristi sconfitti in quattro temi su cinque.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
25 min
«Solo la matricola, niente nome»
Una mozione, approvata oggi dagli Stati, richiede maggior protezione per gli agenti di polizia.
SVIZZERA
41 min
In Svizzera la pandemia sta rallentando
Contagi e ricoveri sono in calo, secondo il rapporto settimanale dell'UFSP. L'incidenza più bassa in Ticino
SVIZZERA
49 min
Pazienti più giovani e sani in cure intense: cambiano le regole del triage
L'Accademia svizzera delle scienze mediche ha adeguato le sue linee guida.
GRIGIONI
49 min
Motociclista si schianta a Bivio e si ferisce
L'incidente si è verificato ieri alle 17.30. La protagonista è una venticinquenne
ZURIGO
1 ora
Un bar nel mirino dei no-vax
Il Café Elena di Zurigo sta attirando critiche per aver cacciato dal suo locale il coronascettico Nicolas Rimoldi.
BERNA 
2 ore
Grandi sforzi per aumentare le vaccinazioni
Il numero di dosi somministrate ogni giorno è ancora due o tre volte inferiore rispetto a maggio e giugno.
SVIZZERA
3 ore
Pioggia di miliardi sul grigio-verde
Gli Stati hanno dato via libera al credito da destinare al programma d'armamento e all'acquisto di materiale e immobili.
SVIZZERA
3 ore
«La pandemia sarà conclusa tra un anno»
Secondo Stéphane Bancel entro la metà del 2022 ci saranno «abbastanza dosi per vaccinare tutto il pianeta».
SVIZZERA
4 ore
Per nuovi allentamenti, «si smetta di trascurare i guariti»
Secondo Felix Schneuwly, esperto di salute di Comparis, «chi è stato infettato è una parte importante della soluzione».
SCIAFFUSA / AFGHANISTAN
6 ore
Fugge da Kabul grazie all'università svizzera
Halima è studentessa presso il SIT, nel canton Sciaffusa, ma fino a pochi giorni fa viveva ancora in Afghanistan
SVIZZERA
6 ore
Nuove rotte per vecchi spalloni
Dalle ceste portate sulla schiena alle valigette zeppe di denaro sporco, storia di contrabbandi di ieri e di oggi
SVIZZERA
12 ore
La chiusura delle palestre «ha danneggiato la salute dei clienti»
Non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, secondo la federazione svizzera del settore
BASILEA
13 ore
Lite, spunta un coltello: grave un 48enne
L'aggressore è riuscito a far perdere le sue tracce
SVIZZERA
14 ore
Misure anti-Covid, l'invito alla moderazione di Blocher
Pur avendo simpatia per i critici, la situazione attuale non è così grave da giustificare la violazione dei divieti
ZURIGO
14 ore
Ci sono più certificati che vaccinati e guariti messi assieme
Secondo l'Ufsp non si tratta di falsi. Ciò è possibile per quattro ragioni differenti.
ZURIGO
14 ore
Proprietario di agenzia di modelli condannato per molestie
La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false
SVIZZERA / STATI UNITI
15 ore
La Svizzera e «tutto quello che abbiamo fatto a favore dell'Unione europea»
Guy Parmelin replica alle affermazioni di Maros Sefcovic
STATI UNITI / SVIZZERA
16 ore
Parmelin e Cassis fanno promozione per la Svizzera
Oltre all'Assemblea generale dell'Onu ci sono stati bilaterali e riunioni di varia natura
SVIZZERA
16 ore
Lo Stato raccomanda il telelavoro, i capi impongono il ritorno in ufficio
Sono diversi i dipendenti che si interrogano sui vincoli dettati dai loro datori di lavoro.
TURGOVIA
17 ore
Mezzo pesante e bicicletta si scontrano: morto un 72enne
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio a Kreuzlingen, la polizia cerca testimoni
FOTO
FRIBURGO
18 ore
In questi boschi potrai incontrare un raro coleottero
Una trappola installata dai ricercatori nelle foreste della Broye ha catturato il raro insetto.
ZURIGO
18 ore
Filmava bambini nudi, condannato
Ha effettuato le riprese in una struttura balneare per naturisti: un 57enne dovrà scontare 26 mesi di prigione
SVIZZERA
20 ore
A Berna nessuna manifestazione contro le misure anti-Covid
Era prevista per domani ma i promotori delle proteste e la città di Berna non hanno trovato un accordo.
VALLESE
20 ore
Un 70enne ucciso dal branco
L'alterco è avvenuto una quindicina di giorni di fa nella capitale vallesana.
BASILEA
21 ore
Fiocco rosa allo Zoo di Basilea: è nata Safiya
La piccola Safiya pesa poco più di cinque chili
SVIZZERA
22 ore
In Svizzera netto calo dei pazienti Covid in cure intense
In decisa diminuzione i pazienti affetti dal virus in terapia intensiva, che ora occupano il 26,9% dei posti letto.
SVIZZERA
22 ore
Altri 411 milioni a preventivo
Il Nazionale ha approvato una seconda aggiunta ale uscite nel bilancio 2021.
URI
23 ore
Incidente sul lavoro al San Gottardo, 20enne in pericolo di vita
Il 20enne è stato colpito da un escavatore. La sua vita è in pericolo.
BASILEA CITTA'
23 ore
Vendite per vari milioni nel primo giorno di Art Basel
Il prezzo massimo di 6,5 milioni di dollari è stato raggiunto da un dipinto ad olio astratto.
BERNA
1 gior
I giovani lupi del branco di Stagias non verranno uccisi
L’Ufam ha constatato che i criteri necessari non sono soddisfatti.
SVIZZERA
1 gior
Oltre 260'000 firme per mantenere i test gratuiti
Sono state consegnate oggi alla Cancelleria federale a Berna.
SVIZZERA
1 gior
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
SVIZZERA
1 gior
Istruzione e lavoro per i rifugiati, oltre 17'000 firme raccolte
Una petizione ritiene «insufficiente» l'integrazione di queste persone e chiede «un accesso semplificato».
SAN GALLO
1 gior
Cade dal primo piano, muore un operaio
Incidente sul lavoro ieri pomeriggio a San Gallo: nella caduta un 45enne ha riportato gravissime ferite alla testa.
GINEVRA
1 gior
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
GRIGIONI
1 gior
Al via il secondo tour del vaxbus grigionese
Buon risultato della prima tornata: 3'900 persone si sono vaccinate attraverso questa modalità.
ARGOVIA
1 gior
Incendio a scuola, tre bambini ricoverati per intossicazione
Il fumo è fuoriuscito dal sistema di aspirazione presente nel seminterrato dell'edificio.
SVIZZERA
1 gior
Test coatti per gli stranieri espulsi
La misura d'urgenza è stata approvata dalle Camere, nonostante l'opposizione rosso-verde
SVIZZERA / STATI UNITI
1 gior
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
1 gior
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
SVIZZERA
28.09.2020 - 10:240
Aggiornamento : 14:13

La domenica "nera" dell'UDC sui quotidiani elvetici

I giornali svizzero-tedeschi parlano di «schiaffo» e «fiasco» per i democentristi che hanno perso 4 oggetti su 5.

Particolarmente dolorosa è stata la sconfitta nel tema più caro, quello sull'iniziativa sulla limitazione: «La direzione dell'UDC si è rotta i denti attaccando la libera circolazione».

BERNA - All'indomani del "no" (61,7%) degli svizzeri all'iniziativa popolare dell'UDC per la limitazione, la stampa elvetica parla di «schiaffo» e «fiasco» per i democentristi che hanno perso quattro dei cinque oggetti sottoposti a votazione.

Sui giornali svizzeri-tedeschi si sottolinea la vera e propria "professione di fede" per la via bilaterale espressa dal popolo svizzero.

Per il "Blick", la prima formazione politica del Paese ha registrato il «più grande fiasco da quando Christoph Blocher è stato cacciato dal Consiglio federale nel 2007». Il testo dell'Unione democratica di centro ha ottenuto soltanto poco più del 38% dei voti, «con l'immigrazione quale tema centrale!», scrive senza mezzi termini il quotidiano zurighese.

«La direzione dell'UDC si è rotta i denti attaccando la libera circolazione», ha rilevato dal canto suo il Tages-Anzeiger. Il "no" degli Svizzeri «deve far riflettere il partito: ha unito due dei suoi temi favoriti, l'immigrazione e le relazioni con l'UE, in un'iniziativa popolare. Ma non è neppure riuscito a suscitare una discussione», ha aggiunto il Tagi.

La Südostschweiz si spinge ancora più lontano, parlando di un declino dell'UDC. «Il partito ha finito le forze. Manca di percussione e di leader, come ha mostrato il valzer pieno di esitazioni per nominare un nuovo presidente. Il giornale ritiene che gli accordi bilaterali con l'UE siano sempre stati apprezzati dagli Svizzeri, che li hanno sempre difesi.

Sulla stessa lunghezza d'onda la Neue Zuercher Zeitung. «Dopo la parentesi (dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa accolta nel 2014 ndr), la Svizzera ha confermato per l'ennesima volta la libera circolazione delle persone e gli accordi bilaterali con l'UE», scrive il quotidiano zurighese, il quale sottolinea come, sebbene abbia bisogno di due o tre tentativi, la Svizzera «resta il partner più affidabile a lungo termine» per l'Unione europea.

«Retrospettivamente il 'sì' all'iniziativa sull'immigrazione di massa nel 2014 sembra essere un incidente di percorso», precisa dal canto suo il Bund. «Gli Svizzeri hanno meno problemi con gli Spagnoli, gli Europei dell'Est e tutti gli altri cittadini dell'UE che lavorano e vivono qui rispetto a quanto pretende l'UDC», aggiunge il giornale bernese. «La chiara approvazione della libera circolazione delle persone mostra che il disagio è limitato, che si tratti di concorrenza sul luogo di lavoro, l'espansione urbana o istituzioni di protezione sociale».

Anche stampa romanda molto critica - Anche sulla stampa romanda i toni sono critici nei confronti del primo partito elvetico. «È una domenica nera» per l'UDC, scrive il Journal du Jura, parafrasando il consigliere federale Jean-Pascal Delamuraz dopo il "no" degli Svizzeri allo Spazio economico europeo (SEE) nel 1992: «Cinque oggetti in votazione quattro sconfitte». «Tre cittadini su cinque hanno spazzato via l'iniziativa molto populista detta della limitazione», ha precisato il quotidiano. «In una fase in cui la crisi suscitata dalla pandemia del coronavirus ha colpito in pieno l'economia del Paese, gli elettori non hanno voluto aggiungere un'ulteriore difficoltà».

Con il Covid-19, «certe bussole hanno ritrovato il nord», sottolinea il quotidiano ginevrino Le Courrier, mettendo in risalto le quattro vittorie della sinistra su cinque oggetti sottoposti al popolo. A «una chiusura delle frontiere come comportava l'iniziativa per la limitazione dell'UDC», gli Svizzeri hanno preferito «trovare una via dinamica di scambi con i Paesi vicini proteggendo i salariati, di cui i nostri ospedali hanno peraltro bisogno», aggiunge Le Courrier.

Per Le Temps, un "no" con oltre il 61% dei voti è «un plebiscito per la libera circolazione delle persone» e una conferma che «la via bilaterale è la buona strategia» da adottare con Bruxelles. Se tale successo è dovuto a una «campagna esemplare» con una «forte alleanza» tra padronato e sindacati, è «anche quello di una donna: Karin Keller-Sutter», la ministra della giustizia che si è impegnata «fermamente in questa votazione con un discorso chiaro e positivo (...). Con questa vittoria, la sangallese assume una nuova dimensione in seno al governo», aggiunge il quotidiano romando.

Oltre all'attaccamento agli accordi bilaterali, il popolo svizzero «ha chiaramente riconosciuto il suo errore del 9 febbraio 2014, quando una debole maggioranza aveva accettato l'iniziativa contro l'immigrazione di massa», scrive dal canto suo Le Quotidien Jurassien. Tale "no" alle urne «era cruciale per il futuro del Paese sul piano economico, ma anche per le relazioni di buon vicinato con l'Unione europea».

Infine, per La Liberté, se «il primo partito del Paese ha ricevuto uno schiaffo sul suo terreno di predilezione», il risultato di domenica è «un sì all'Europa a determinate condizioni». «Il Consiglio federale dovrà in effetti decidere nelle prossime settimane se firmare o no l'accordo istituzionale con l'UE», ricorda il quotidiano friburghese. «Orbene, come la meteo, il termometro politico, in Svizzera, ha perso brutalmente qualche grado e il progetto sul tavolo non convince più».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 11 mesi fa su tio
Strane queste teorie: il popolo è sovrano e decide. Allora rispettiamo la sua decisione. Spesso però il sovrano viene definito becero, se non decide come qualcuno vorrebbe. L'UDC propone e raccoglie firme: i cittadini hanno deciso altrimenti. Suvvia, continuiamo a sopravvivere. Mi dispiace unicamente per Chiesa, che è una brava persona, ma è stato imbrogliato: avevano bisogno di una persona da eleggere ,subito, vista la sconfitta imminente
Don Quijote 11 mesi fa su tio
@vulpus Il popolo non è sovrano di niente tranne che nel diritto di mangiare quello che gli passa il convento. Preferisco la democrazia a qualsiasi altra forma di governo e sostanzialmente una democrazia è sostenuta dal capitalismo, dal benessere della maggioranza, dal potere e dalle bugie politiche necessarie per mantenere lo status quo. La conoscenza approfondita di una qualsiasi problematica è tutt’altro che collettiva, per cui la decisione di molti elettori sarà irrimediabilmente manipolata e il loro diritti democratici condizionati. Generalmente penso che la politica cerchi in buona fede la giusta soluzione, anche raccontando fesserie al popolo per raggiungere il suo bene.
samarcanda 11 mesi fa su tio
Dateci il reddito di cittadinanza, bisogna rassegnarsi, e andate a quel paese!
samarcanda 11 mesi fa su tio
Vergognoso anche il minimo salariale stabilito dai socialisti, la vera destra, che hanno avallato, con la loro complicità, falsità ed apatia, lo sfruttamento del padronato e, di conseguenza, l'esclusione dei lavoratori svizzeri e residenti dal mondo del lavoro.
samarcanda 11 mesi fa su tio
Strano che non si parli mai di dumping e bassi salari: è lì che dovrebbe confluire la rabbia. Senza salari adeguati all'alto costo della vita in Svizzera, saremo sempre nei pasticci.
Calotta Polare 11 mesi fa su tio
Il nesso mi è chiarissimo. Mi infastidisce che tu (e i tuoi colleghi UDC) vi fissiate unicamente sulla libera circolazione delle persone (con l'antico spauracchio de "la barca è piena"), senza mai far cenno agli altri accordi bilaterali. Forse perché c'è effettivamente un interesse (capitalistico - protezionista) a mantenere vivi i privilegi economici dell'elite svizzera, ma senza cedere alla possibilità che questo possa portare maggiore benessere anche alla popolazione di altri paesi? Il tuo discorso culturale (dal mio punto di vista) è di sola facciata e non regge
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@Calotta Polare io non sono UDC, innanzitutto, non amo la politica, credo per comprendere a pieno (e per vivere a pieno la vita e autorealizzarsi) lo sviluppo sociale si deve essere apolitici... come già menzionato, UDC non ha espresso bene l'importanza di rinegoziare gli accordi bilaterali, 30% di stranieri mentre il resto dell'Europa ne ha meno della metä in media vuol dire che la Svizzera sta diventando come il lussemburgo o Singapore, delle "nation-corporations"; c'era un'esperto che disse "togliere ogni impedimento alla libera circolazione è quel tassello che manca per rendere il capitalismo più forte che mai", ora grazie alla sinistra, ci dovremo aspettare un'aumento della povertà e tasso Gini, LUX ha un tasso di povertà del 18%, UAE 20%, Singapore 12% e altri problemi sociali e psicosociali in relazione all'identità e coesione sociale, frammentazione sociale, etc, per fortuna in quel 53.1% offre speranza al Ticino
Calotta Polare 11 mesi fa su tio
@fromrussiawith<3 Bah, io continuo a credere che tutto ciò che scrivi è opinabile. Innanzitutto non capisco i dati che citi. Il Lussemburgo ha uno dei tassi di povertà più bassi tra i paesi OECD e al mondo. Il coefficiente di Gini è tra i più bassi nei paesi con maggiori liberalizzazioni, che risultano essere anche quelli a livello più alto nella graduatoria ISU. Io credo che il danno maggiore dato dal neoliberismo vada visto in termini di diseguaglianze geografiche tra paesi più industrializzati e LDCs. I fattori che incidono maggiormente su queste diseguaglianze, ripeto, sono sicuramente quelli legati alla libera circolazione dei capitali e delle merci. La libera circolazione delle persone può tuttalpiù attenuare per parte della popolazione mondiale questi crescenti divari. Ma poi, per quanto mi riguarda, possiamo anche fermarci qui, mi pare che viviamo su due pianeti diversi
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@Calotta Polare non so dove vai a prendere le info e ancora una volta denoti ignoranza, LUX 18,7% di poverta, source: diverse ma leggiti pure "inequality in luxemburg" (make europe sustainable for all, studio sponsorizzato dall UE), un po' comincio a capire perchè persone di sinistra votano in modo ridicolo e pure pericoloso, ed in un certo senso i tuoi commenti sono ottimi come evidenza
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@Calotta Polare ti do pure questo se non parli inglese e non hai dimestichezza con indici "More than 105,000 Luxembourg residents affected by poverty" il gini è salito oltre il 20% nei recenti anni, e per non parlare di human trafficking dati non ancora disponibili al pubblico... the economist aveva scritto un articolo sulla libera circolazione se fosse mondiale quanti trillioni guadagneremmo, la sinistra è diventata ciò che era la destra un po' di anni fa, più l'ipocrisia, è vero che viviamo su due paesi diversi ho studiato sviluppo economico etc. non credo tu abbia fatto studi del genere visto da quanto scritto in precedenza, mi dispiace
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@Calotta Polare senza trasferimenti sociali il lux avrebbe una povertà attorno al 47% contro il 30% della svizzera, gli indici di sviluppo sono solo indicativi macro che per un analista dicono poco o niente
Calotta Polare 11 mesi fa su tio
@fromrussiawith<3 Tutte le tue affermazioni si basano su quell'unico studio? Mi pare un po' poco per uno che ha necessità di vantarsi degli studi che ha fatto e la supponenza di supporre che il suo interlocutore non abbia alcun titolo per argomentare. In ogni caso la tua interpretazione dei dati è semplicemente speculare alla teoria che vuoi dimostrare. Torno a ribadire che la maggior parte dei paesi in cui c'è la libera circolazione delle persone (LUX incluso, malgrado il 18.7% che citi) ha indici di povertà molto inferiori rispetto a paesi più chiusi. Ti garba citare il Lussemburgo per il coefficiente di Gini in aumento, ma la correlazione con la libera circolazione è semplicemente una tua supposizione e a ciò bisogna aggiungere che numerosi altri paesi Schengen mostrano un'evoluzione ben diversa (Austria, ad esempio). Comunque grazie per lo stimolo intellettuale, Professore.
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@Calotta Polare tu non hai capito niente di cosa sto dicendo, libera circolazione fuori controllo senza barriere (essenza neoliberale capitalista) che si riflettono poi con un tasso di stranieri spesso superiore al 40% o come UAE 80% non solo ha delle conseguenze in termini di povertà e frammentazione sociale, UAE (+20%), ma rispecchiano un sistema eccessivamente neoliberale che va a spese dello sviluppo sociale locale (escludendo indicatori macro economici...) Finlandia ha tre volte di meno degli stranieri della svizzera, i paesi del nord usano la libera circolazione della manodopera e persone con parsimonia, e sono altrettanto se non piu efficienti sia di svizzera e LUX, ed ora veniamo al dunque, esperto, esprimi quà che tipo di correlazione hai utilizzato per dire che la mia conclusione (correlazione +/-) è totalmente inesatta e perché, devi aver testato pure tu la mia correlazione e non a occhio e croce
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@Calotta Polare ti dico i miei valori del gruppo di paesi analizzati (industrializzati) correlazione: r = 0.83 per tasso di stranieri/tasso di povertà; r = 0.63 tasso stranieri/Gini. causalità simple regress, r2 (.69), poi adjusted r2 (.35), forte correlazione e causalità valori indicativi ovviamente perchè ogni paese rende difficile appositamente raccogliere dati precisi su ogni variante, il lavoro di un analista sociale oggigiorno tra inefficienza, politicizzazione e interessi economici e veramente difficile
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@fromrussiawith<3 preciso, quali fattori hai incluso, quali paesi, e che tipo di formula hai utilizzato per concludere che la mia "ipotesi" non è corretta, che valori hai ottenuto, se hai tenuto conto della "non-linearità", etc
Calotta Polare 11 mesi fa su tio
@fromrussiawith<3 Io non ho mai sostenuto di essere un esperto e nemmeno ti ho detto di aver fatto alcuno studio. Sostengo solo che non capisco esattamente cosa dimostrino le tue osservazioni. Non mi dimostrano che la libera circolazione delle persone è l'aspetto determinante ad influire sulla povertà. Se poi sei uno con la carriera da economista saprai bene che non è citando valori di correlazione r a caso che riesci a spiegare una tua tesi. L'economia non è una scienza esatta e con alcuni singoli valori statistici non dimostri alcunché. Se lo ritieni utile fammi sapere dove posso trovare il tuo studio o la pubblicazione di ciò che sostieni. Dico davvero che mi interesserebbe leggerlo perché con i tre valori che mi hai indicato (e questo lo sai bene pure tu) non dimostri alcunché (tu stesso dici che i fattori che possono influire sono estremamente tanti. Se invece mi ritieni ignorante e basta puoi anche rinunciare, me ne farò una ragione. Dovrai però affinare le tue abilità comunicative per convincere le persone, non basta farsi belli citando le proprie competenze. Buona giornata
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@Calotta Polare sono sicuro che sei una persona intelligente, ma da come hai risposto e preso i valori che ti ho dato non vale la pena procedere su questo argomento, ti lascio solo con un idea la libera circolazione delle persone vale decine di triliardi e purtroppo favorisce il mercato globale e chi ha i mezzi per entrarvi... nei valori sopra ho considerato diversi fattori, livello di sviluppo (politico, economico, sociale, istituzionale) dimensioni dei paesi, etc. una correlazione di r = 0.85 è molto forte nelle analisi sociali, pure un r = 0.63; ancor di più per la causalità, se il tasso di stranieri causa povertà (non colpa degli stranieri, ovviamente) r2 (.69), pure per il Gini r2 .35 non è per niente debole. Per un motivo o per l'altro si può dire che la libera circolazione delle persone aumenta la povertà, ma ovviamente un africano che vive in relativa povertà qui è sempre meglio che nel suo paese (cibo, cassa malati...), anche se a livello di opportunità rimane in entrambi i casi penalizzato... questi valori richiedo maggior approfondimento, li ho condivisi con te, faccio analisi per chi me lo richiede...
Calotta Polare 11 mesi fa su tio
@fromrussiawith<3 Grazie comunque per lo scambio di opinioni. Spero possa essere fonte di stimolo intellettuale...
Heinz 11 mesi fa su tio
Scusate, era una risposta per from russia...
Heinz 11 mesi fa su tio
Il fatto che tu abbia una carriera universitaria non ti da titolo a supporre che gli altri non abbiano equivalenti percorsi formativi o che non capiscano la realtà, questo passaggio del tuo commento é uno scivolone. La banalizzazione che mi vuoi intitolare non mi é propria: Continuo a pensare che il tuo argomentare é un bel volo pindarico verso argomenti a te cari (sempre quelli tra l'altro) ma non attinenti a quanto votato ieri. La capacità di sintesi propria di un buon analista invece manca.
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@Heinz libero di dibattere l'argomento "omogeneizzazione culturale" o altro che ritieni fuori luogo, sono quà attendo... porta degli argomenti convincenti
Heinz 11 mesi fa su tio
@fromrussiawith<3 Potrei risponderti con svariate pagine di spiegazione perché penso che sei fuori strada su questo argomento, ma sarebbe noioso per gli altri. Mi piacerebbe peró discuterne direttamente in modo da evitare il ping pong di messaggi.
roma 11 mesi fa su tio
...non essendo un udc non so dire se hanno davvero preso uno schiaffo...certo è che adesso c'è la faccenda dell'accordo quadro. Dovesse essere ratificato potranno sempre dire: noi, ve lo avevamo detto.
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
non direi una giornata nera, per il Ticino perlomeno, visto la posta in gioco e migliorando dal fiasco dell’autodeterminazione, forse uno degli unici cantoni ancora con umanità, coraggio e affetto per la propria comunità. L’ignoranza e provincialismo di Pronzini e Forum Alternativo lo si vede etichettando tale iniziativa come "xenofoba”. Paradossalmente, i partiti di sinistra che demonizzano/"deumanizzano" quello straordinario 53,1% di votanti, hanno rafforzato il capitalismo e neoliberalismo; la libera circolazione Europea è immigrazione neoliberista, guidata da motivi principalmente economici che tendenzialmente favoriscono le corporations e il sistema capitalista. La coesione sociale è essenziale per formare un’identità locale, per stabilizzare un sistema sociale, per ridurre il crimine e altri aspetti socioeconomici negativi, e la libera circolazione danneggia questa importante componente sociale locale. Se fosse passata l’iniziativa avremmo potuto rinegoziare considerando tale aspetto. Purtroppo, la sinistra è diventata lo strumento per eccellenza di un sistema Europeo neoliberale basato sull' "omogeneizzazione culturale", tutto per ridurre costi di transazione e facilitare il commercio globale. Fa ridere ForumAlternativo quando parla di movimento spinto dal basso quando votando contro hanno tolto voce al popolo, una chiodo in più nella bara del "Che"
Heinz 11 mesi fa su tio
@fromrussiawith<3 Che cosa c'entra questo voto con l'omogeneizzazione culturale, l'umanità e tutti i paroloni antisonanti buttati la a secchiate...
Calotta Polare 11 mesi fa su tio
@fromrussiawith<3 Francamente anche a me le tue sembrano in buona parte parole senza senso gettate al vento. Termini come "immigrazione neoliberista" sono prive di contenuto, se non le spieghi a fondo. L'argomentazione che la sinistra si troverebbe a difendere corporations e sistema capitalista non sta in piedi. Non vedo come i promotori di questa iniziativa dovrebbero essere considerati difensori di chissà quale forza comunitaria, scagliandosi su un unico aspetto della libera circolazione. INfatti attaccano quello che riguarda il movimento delle persone e non la libera circolazione dei capitali, dei servizi, dei beni e gli altri accordi bilaterali che portano interessi economici all'elite economica svizzera (che si fa bella di fronte al popolo cercando di difendere i propri interessi capitalistici erigendosi a paladina della difesa dell'identità culturale).
tazmaniac 11 mesi fa su tio
@fromrussiawith<3 Non posso che appoggiare quanto hai scritto, più chiaro di così...quoto al 100%.
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@Calotta Polare se non ti è chiaro che la politica della libera circolazione è basata su principi neoliberali, uno degli elementi più importanti dell' economia globale, allora mi preoccupa che tu abbia votato. E se il nesso tra neoliberismo, capitalismo e globalizzazione non ti è chiaro allora cosa stiamo qua a discutere? questo vale per la sinistra che continua a parlare di anticapitalismo anti neoliberismo, e bottom up approach, non esiste un bottom up approach quando si sostiene un top-down approach austero, perchè si continua a prendere per i fondelli la gente?
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@Heinz vedo che hai familiarità con economica neo-istituzionale, costi di transazione, standardizzazione globale, antropologia economica, e processi culturali
Heinz 11 mesi fa su tio
@fromrussiawith<3 Non sono un tuttologo purtroppo, chiedo venia. Cerco di usare un po di buon senso e logica. Ti consiglio di cominciare da li...
fromrussiawith<3 11 mesi fa su tio
@Heinz ascolta, l'argomento è ben più complesso di essere "razzista" o meno come te la presentano la sinistra, le implicazione economiche hanno un impatto culturale e sociale, i concetti sopra esposti sono sono alcuni che aiutano a spiegare eventuali implicazioni; putroppo questa votazione è un argomento ben più complesso, o forse troppo complesso, e l'UDC non ha fatto un buon lavoro. Nel settore dove lavoro e che ho studiato so che le culture sono in un certo senso barriere economiche, e un argomento puramente economico tende a deculturalizzare, perlomeno non mi accusare di buttare paroloni altisonanti solo perchè non capisci il contesto in cui sono utilizzati o le stesse espressioni...
giuvanin 11 mesi fa su tio
Chiesa promosso capitano del Titanic, mentre i topi già si davano alla fuga.
patrick28 11 mesi fa su tio
L'UDC era famosa per "sentire" l'umore del popolo. Adesso ha perso totalmente la sintonia con la realtà. Per pochi voti non perdeva anche il voto sugli aerei !! Ha perso su tutta la linea ! Grande Chiesa !!!
gluvi 11 mesi fa su tio
Non é niente, a confronto di come sarà nero il futuro per le nuove generazioni
marco17 11 mesi fa su tio
Lo sport principale dei Ticinesi è trovare uno o più colpevoli per i problemi che riescono a crearsi: gli Italiani, l'UE, gli Svizzerotedeschi, persino il lupo.
marco17 12 mesi fa su tio
Un blogger su fb si chiede qual è la differenza tra Basilea e il Ticino. Ne vedo due: a Basilea non c'è quella calamità politica chiamata Lega dei Ticinesi e inoltre i Basilesi, come gran parte degli Svizzeri votano con la testa e con con la pancia o con il fondoschiena.
skorpio 12 mesi fa su tio
@901424 La verità è che a Basilea, o in generale svizzera interna, tutti citus mutis e a 90 gradi , ogni cosa va bene così...qui invece siamo stufi e ci faccismo sentire!!
skorpio 12 mesi fa su tio
@901424 E comunque a Basilea ce ne sono 33000 in Ticino 68000... Quindi non alludere che qui si vota con il c***
Axel12 12 mesi fa su tio
@marco17 La differenza è che Basilea è una potenza economica e centro finanziario, industriale e culturale della regione trinazionale e giustamente ha bisogno di manodopera per la sua industria. Il Ticino al contrario è zona di periferia, economicamente debole, costretto in una "guerra tra poveri" con la vicina Italia. Insomma sono due realtà agli antipodi e dico conseguenza anche il modo di votare.
Tato50 12 mesi fa su tio
@marco17 Non ci sono nemmeno i lupi!
patrick28 12 mesi fa su tio
@skorpio Accetta il volere del POPOLO SVIZZERO ! Tutto il resto è NOIA !
KilBill65 12 mesi fa su tio
Visto che e' passata la votazione su gli aerei…..Sono curioso di sapere che tipo di velivolo hanno intenzione di acquistare, visto i test (5 modelli diversi) che avevano fatto tempo fa.....
El Jardinero 12 mesi fa su tio
Con l'arroganza non si va da nessuna parte. Ognuno può avere le proprie visioni politiche (a parte che l'UDC è famoso anche per altro) ma quei manifesti volgari ne hanno solo mostrato il loro (sempre dell'UDC) deretano. Non mi sorprende che questa campagna ha (in parte) attecchito solo in Ticino (+ 4 gatti a Svitto e Glarona). Chi è causa del suo mal pianga sé stesso. Prima i noos ahaha :)
marco17 12 mesi fa su tio
@El Jardinero Mi sa che il deretano democentrista avrà bisogno di qualche pomata per far passare la trombatura di ieri
patrick28 12 mesi fa su tio
alla faccia di Lorenzo Quadri, i ticinesi anti UE sono passati dal 68% nel 2014 al 53 % di ieri. Continuate così che la prossima volta andate sotto il 50% ! Forza UE
El Jardinero 12 mesi fa su tio
@patrick28 Forza UE !!
RV50 12 mesi fa su tio
@patrick28 Perché visto il tuo entusiasmo non te ne vai a vivere in un paese UE ? forse ti é meglio vivere quì .... o magari sei uno che noi manteniamo!!!!
patrick28 12 mesi fa su tio
@RV50 mantenuto sarai tu. Voglio una Svizzera aperta al mondo e che possa attirare i MIGLIORI lavoratori.
RV50 12 mesi fa su tio
@patrick28 Mi spiace deluderti ma nella mia vita ho lavorato 47 anni e ora che sono in pensione per una svizzera aperta pago per tutti quei parassiti che la nostra nazione sta facendo entrare .... e non parlo di lavoratori frontalieri perché quelli ci sono sempre stati anche quando io ero apprendista.... ma una Svizzera aperta non significa aprire il confine a tutti coloro poi ci vivranno sulle nostre spalle. Vedrai quando sarai in pensione con una rendita AVS per copia di Fr. 3555.- ; dopo avere pagato per ben 88 anni di contributi in due se sei ancora daccordo di aprire la parta a tutti , rifugiati , parassiti e via dicendo
marco17 12 mesi fa su tio
@RV50 Si votava sulla libera circolazione della manodopera con i Paesi dell'UE e non sull'asilo e sui rifugiati. Se le rendite AVS sono quello che sono è anche perché l'UDC si è sempre opposta a qualsiasi miglioramento delle rendite.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 12:14:27 | 91.208.130.87