Archivio Keystone
SVIZZERA
08.07.2020 - 18:230

Marcia della vita: cento decreti d'accusa per la contro-manifestazione

I fatti risalgono allo scorso settembre. Previste multe comprese fra 200 e 300 franchi

ZURIGO - Un centinaio di persone sono state multate con decreti d'accusa per aver partecipato lo scorso mese di settembre a Zurigo a una manifestazione di protesta contro la cosiddetta "Marcia della vita" ("Marsch fürs Läbe"), organizzata da movimenti anti-abortisti.

Alla contro-manifestazione, che non era autorizzata, hanno preso parte lo scorso 14 settembre circa 200 persone. Nei disordini scoppiati nelle vicinanze della Turbinenplatz, nell'ex quartiere industriale ribattezzato Züri-West, erano rimasti feriti due agenti della polizia.

La notizia dei circa cento decreti d'accusa, con multe fra 200 e 300 franchi, riportata oggi dal portale Bluewin, è stata confermata a Keystone-ATS dall'ufficio competente della città di Zurigo. Le persone interessate dai decreti d'accusa hanno ancora la possibilità di fare ricorso.

La "Marcia per la vita", organizzata da movimenti anti-abortisti cristiano-conservatori, aveva già provocato proteste in anni precedenti, come nel 2016 e nel 2018 a Berna. Nel 2017 il canton Obvaldo aveva vietato, per i timori di contro-manifestazioni, una analoga marcia prevista a Flüeli-Ranft, dove visse il santo e patrono della Svizzera Nicola della Flüe.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-06 15:27:13 | 91.208.130.89