Keystone
Cassiere al lavoro durante l'emergenza Covid-19 in una foto d'archivio.
SVIZZERA
11.06.2020 - 10:460
Aggiornamento : 11:16

Quando il bonus per aver lavorato durante il Covid salta perché sei stata a casa in malattia

È successo a una dipendente di un noto dettagliante svizzero che è furibonda, l'esperta: «I premi non sono un diritto»

Fonte 20 Minuten/Barbara Scherer
elaborata da Filippo Zanoli
Giornalista

ZURIGO - C'è una categoria fra quelle che durante il periodo critico della pandemia hanno continuato a lavorare in prima linea e di cui spesso ci si dimentica. Stiamo parlando dei dipendenti dei supermercati che hanno comunque continuato a lavorare, anche loro esposti al virus, giorno dopo giorno.

Sono diversi i dettaglianti che hanno offerto un bonus ai loro dipendenti per lo sforzo (vedi box in basso) fra questi c'è anche Migros che offre un premio fino a 500 franchi. Ma, come riportato da 20 Minuten, non tutti hanno potuto goderne.

«Mi sono ammalata e sono rimasta a casa 12 giorni, e non mi hanno dato un centesimo», spiega al quotidiano una dipendente di Migros Aare. L'assenza in questione è avvenuta nel mese di aprile: «Avevo la febbre, ho fatto anche il test per il coronavirus che poi è risultato negativo».

Tanto è bastato per far decadere il diritto al bonus, che veniva dato a chi aveva lavorato durante le sei settimane di lockdown: «Io ero a casa malata, con un certificato, non potevo andarci... Lo trovo davvero molto ingiusto». 

Perché alla donna non sia stata data nemmeno una frazione dei 500 franchi di cui sopra non è chiaro. Migros Aare, contattata dal quotidiano, ha dichiarato che non prende posizione sui singoli casi.

«I bonus non sono un diritto» - Stando all'esperta di questioni legate al personale Anne Forster i pagamenti come questo non sono dovuti: «Con i bonus le aziende possono premiare incarichi speciali o prestazioni particolarmente buone, non si tratta però di una componente salariale alla quale i dipendenti hanno diritto per forza di cose».

Che qualcuno non riceva questo "bonus-coronavirus" se si assenta troppo dal lavoro è quindi possibile: «Immagino che possa sembrare ingiusto», commenta Forster, «ma a riguardo ogni azienda avrà un suo regolamento interno».

Li danno anche Coop, Aldi e Lidl

I dipendenti Migros non sono i soli a ricevere un extra per i loro sforzi nella crisi Corona. Anche Coop dà ai suoi collaboratori un bonus speciale fino a 500 franchi. Se il carico di lavoro è compreso tra l'1 e il 50 percento, vengono dati 250 fr. Il bonus viene dato anche agli apprendisti. Aldi Suisse ha elargito premi fino a 400 franchi a oltre 2'500 impiegati nelle vendite e nella logistica. Lidl Svizzera, invece, ha dato agli oltre 3'500 dipendenti buoni per un valore di 350 franchi, indipendentemente dal carico di lavoro.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-21 15:45:21 | 91.208.130.89