Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
Ancora nessuna traccia dell'uomo fuggito dalla clinica psichiatrica
Non sussiste «nessun alto pericolo immediato», ma se non prende i farmaci le sue condizioni possono peggiorare
SVIZZERA
2 ore
Blocher rivuole quei 2,7 milioni di vitalizio a cui aveva rinunciato nel 2007
E Berna ha già approvato la richiesta dell'ex-consigliere federale
SVIZZERA
2 ore
Tutto quello che devi sapere prima di metterti in viaggio
Annullare un viaggio. Finire in quarantena. Rimborsi. Paura di ammalarsi. È meglio sapere tutto prima di partire
GINEVRA
3 ore
In 300 a protestare rombando contro le piste ciclabili
A mobilitare i manifestanti, arrabbiati per il traffico in città, l'ex-consigliere di Stato Luc Barthassat
SVIZZERA
3 ore
Si torna a Palazzo federale, ma con il plexiglas
Confermati i provvedimenti stabiliti un mese fa
APPENZELLO INTERNO
4 ore
Lascia la pentola sul fornello, poi esce di casa
È successo in Appenzello Interno a un 80enne, a sventare l'incendio il provvido intervento dei vicini di casa
SVIZZERA
4 ore
Bonus Covid: «scioccante e umiliante» per i cassieri
Per i loro sforzi durante la pandemia, il personale di Aligro ha ricevuto buoni ristorante, a condizioni rigorose.
SVIZZERA
4 ore
Il numero AVS si può utilizzare maggiormente
Non ci sarebbero problemi in termini di protezione dei dati
SVIZZERA
5 ore
Presenza di listerie nel formaggio alle erbe di Gstaad
L'allarme arriva dalla cooperativa casearia che lo produce, il consumo può rappresentare un rischio per la salute
SVIZZERA
15.05.2020 - 16:410

Più aiuti ai Cantoni per creare posti di apprendistato

Le offerte in Ticino e Romandia sono calate parecchio a causa della crisi legata al coronavirus

BERNA - La Confederazione ha deciso di aumentare il sostegno finanziario ai progetti lanciati da cantoni e organizzazioni del mondo del lavoro per mantenere e creare posti di apprendistato, minacciati dalla crisi dovuta al coronavirus. Le offerte di formazione per i giovani risultano già notevolmente calate in Ticino e in Romandia a causa della pandemia.

Le ripercussioni della crisi sul numero di contratti di tirocinio stipulati sono molto differenziate a seconda della regione, precisa un comunicato della Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI). Nella Svizzera tedesca alla fine di aprile la situazione era simile a quella degli anni passati, con il 70% dei posti di tirocinio già assegnati. Eventuali effetti del coronavirus si vedranno probabilmente nel mese di maggio.

In Ticino e nella Svizzera romanda invece il reclutamento inizia più tardi, ma anche tenendo conto di queste differenze, rispetto al 2019 si registra un netto calo dei contratti di tirocinio. «Dai riscontri dei cantoni emerge una correlazione tra la situazione epidemiologica e il numero di contratti stipulati. Nelle prossime settimane si vedrà se e fino a che punto ci sarà un 'effetto-recupero' in seguito alla riapertura di alcuni settori e delle scuole dell'obbligo», precisa ancora la nota.

Il programma "Posti di tirocinio Covid-19", lanciato oggi, permetterà alla Confederazione di sostenere progetti nei settori del coaching e mentoring per i giovani, per il mantenimento e la creazione di apprendistati, l'assegnazione dei posti, l'elaborazione di nuovi modelli formativi e la prevenzione dello scioglimento dei contratti di tirocinio.

I cantoni già dispongono di una serie di misure collaudate per sostenere i giovani e le aziende. I promotori di posti di tirocinio sono in contatto diretto con le aziende e possono fornire consulenza su come creare e mantenere questi posti di tirocinio. I giovani, dal canto loro, possono sfruttare diverse offerte per trovare la professione giusta, come il portale dell'orientamento professionale, universitario e di carriera (www.orientamento.ch) oppure il coaching e il mentoring individuali, sostiene la SEFRI.

Per estendere o integrare queste offerte i cantoni e le organizzazioni del mondo del lavoro dovranno presentare una richiesta entro la fine del 2020. Se verrà accettata la Confederazione garantirà un finanziamento dell'80%, invece del 60% come normalmente previsto, fino alla fine del 2021.

Questa crisi durerà probabilmente diversi anni, ha sottolineato in una conferenza stampa a Berna il vicedirettore della SEFRI, Rémy Hübschi. Per incoraggiare le imprese ad assumere apprendisti, la Confederazione sta valutando la possibilità di ridurre l'onere che grava su di loro, in particolare rafforzando l'aspetto scolastico nel primo anno.

Hübschi ha poi invitato i giovani che finiscono la scuola dell'obbligo ad attivarsi per cercare un apprendistato prevedendo una seconda scelta, senza speculare sulla possibilità di trovare un posto migliore l'anno prossimo. La prima scelta è improbabile che sia disponibile tra 12 mesi, ha osservato. Inoltre altri giovani entreranno nel mercato del lavoro.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-03 23:11:25 | 91.208.130.87