Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Berna
2 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
BERNA 
3 ore
L'esercito inasprisce le regole per uscite e congedo
La libera uscita verrà limitata all'area della piazza d'armi e all'accantonamento della truppa.
SVIZZERA
3 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
5 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
NEUCHÂTEL
6 ore
Visite limitate in ospedale
Ogni paziente potrà accogliere solo una persona al giorno, con appuntamento e convalida dell'autorizzazione per SMS
SVIZZERA
6 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
7 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
SVIZZERA
7 ore
Vaccino gratuito anche per un altro virus
L'UFSP annuncia oggi che dal primo gennaio l'Assicurazione malattia pagherà il vaccino contro questo virus.
LUCERNA
7 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
8 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
VAUD
10 ore
Il boss della 'ndrangheta non può entrare
Leo Caridi era stato estradato in Italia dove è stato condannato a 9 anni e 6 mesi
LUCERNA
10 ore
Lucerna rifiuta il diritto di voto ai sedicenni
L'iniziativa dei Verdi è stata respinta dal Parlamento con 61 voti contro 58. Glarona rimane un'eccezione.
ZURIGO
11 ore
Il caffè al bar si fa sempre più salato
La bevanda energizzante aumenta di prezzo, i ristoratori si sentono a rischio
BERNA
12 ore
Droghe, la lista si allunga
L'elenco degli stupefacenti viene integrato con delle "new entry"
APPENZELLO INTERNO
13 ore
Auto distrutta, occupanti illesi
Nonostante gli ingenti danni al veicolo, l'autista e il passeggero non hanno riportato ferite
CANTONE / SVIZZERA
23.03.2020 - 14:260
Aggiornamento : 16:32

«Provvedimenti ticinesi contrari al diritto federale»

Lo ha detto in conferenza stampa da Berna Martin Dumermuth, direttore dell'Ufficio federale di giustizia.

Per Berna la chiusura generalizzata delle aziende non essenziali decisa dal Ticino per combattere il coronavirus è contraria al diritto superiore.

BERNA - Alle 14 si è tenuta una conferenza stampa da Berna per un aggiornamento sull'emergenza coronavirus. Martin Dumermuth, direttore dell'Ufficio federale di giustizia, ha commentato i provvedimenti presi in Ticino dal Consiglio di Stato, con lo stop di tutte le attività commerciali e produttive private non indispensabili. E ha dichiarato che le misure restrittive attuate dal Ticino vanno oltre le normative federali. «Queste disposizioni sono contrarie alla legge federale. Le aziende toccate da queste restrizioni potrebbero tranquillamente fare opposizione».

Quando un giornalista ha chiesto a Dumermuth se i cantieri in Ticino dovranno riaprire, il direttore dell'Ufficio federale di giustizia ha risposto che attualmente sono in contatto con le autorità cantonali ticinesi. «Siamo nel campo del potere esecutivo ed è il Cantone a esserne responsabile. C'è stata una comunicazione chiara».

Aumenta il lavoro ridotto - Durante l'incontro con la stampa ha preso la parola anche Boris Zürcher della Seco, che ha fornito informazioni in merito al lavoro ridotto, un provvedimento che ha conosciuto un notevole incremento in queste settimane. «Nella primavera del 2009 avevamo 5'000 ditte e 92'000 dipendenti in una situazione di lavoro ridotto. Oggi, a marzo 2020, sono 21'000 le aziende e 315'000 i lavoratori». Zürcher ha poi dato delle rassicurazioni, spiegando che i salari di marzo saranno pagati nel corso di questa settimana.

La maggior parte delle richieste di lavoro ridotto sono arrivate proprio dal Ticino. Ma anche dal resto della Svizzera. I settori più colpiti restano quelli della ristorazione e degli alberghi. 

Su la disoccupazione - Secondo gli esperti il tasso di disoccupazione salirà al 2,8% su media annuale. «È anche possibile che supererà il 3%» ha dichiarato Zürcher, rammentando che lo scopo del lavoro ridotto è proprio di prevenire il licenziamento.

Il rimpatrio degli svizzeri - La parola è poi passata a Hans-Peter Lenz, capo Centro di gestione delle crisi del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Ha riferito di avere informazioni in merito a 15'000 viaggiatori. 7'500 sono stati aggiunti nel weekend tramite l'app Travel Admin. In Perù si sta cercando di organizzare voli charter, in questo modo potrebbero tornare in Svizzera almeno 750 persone. Svizzeri che dovranno restare in quarantena per almeno una decina di giorni. «Si tratta della più grande campagna di rimpatrio mai organizzata in Svizzera».

La precedenza viene data ai turisti svizzeri, solo in un secondo momento ci si occuperà del rimpatrio degli svizzeri all'estero. 

Quarantena a Verbier - In conferenza stampa è stata affrontata anche la richiesta presentata da alcuni medici di Verbier di mettere in quarantena la località turistica vallesana. Da parte sua Dumermuth ha fatto notare che «il Cantone non avrebbe nessuna competenza per una decisione di questo genere». Mentre Daniel Koch, capo della Divisione malattie trasmissibili dell'UFSP, ha aggiunto: «Non possiamo ancora esprimerci sulla richiesta di Verbier. Cercheremo di trovare una soluzione con il Comune a beneficio della salute della popolazione. La situazione non è chiara».

Mascherina sì, mascherina no - I giornalisti hanno pure chiesto perché si continua a dire di non indossare le mascherine protettive. È intervenuto Koch: «Se sei malato asintomatico e sei in giro, puoi indossare la mascherina. Tuttavia non ci sono prove che essa offra una protezione ulteriore». Il capo della Divisione malattie trasmissibili in sostanza ha sconsigliato di indossarle sulla pubblica via. Non c'è una grande quantità di mascherine a disposizione e servono agli ospedali. Se la disponibilità fosse illimitata, allora potrebbero indossarle tutti».

La situazione negli ospedali - Quando calerà la curva dei contagi, è stata un'altra delle domande avanzate durante la conferenza stampa. «È troppo presto fare speculazioni - ha dichiarato Koch -. La curva epidemica si abbasserà quando le misure avranno effetto». Il capo della Divisione malattie trasmissibili ha inoltre fatto sapere che i numeri di letti a disposizione negli ospedali, compresi quelli di terapia intensiva, verranno incrementati, e che in Ticino e a Ginevra ci sono ancora posti a disposizione.

I numeri - I casi di coronavirus in Svizzera sono in rapido aumento. Secondo i dati pubblicati oggi dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sono ora 8’060, ovvero 1’046 in più rispetto a 24 ore fa. Almeno 70 persone sono morte. La situazione più critica rimane quella in Ticino, con 1’165 persone in totale positive al virus e 11 morti nelle ultime 24 ore. Sono inoltre oltre 6'000 i test che vengono svolti ogni giorno. Quando arriverà altro materiale medico per le analisi, il volume sarà aumentato, hanno fatto sapere le autorità federali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-06 22:40:29 | 91.208.130.86